thu 30 May 2024
Live auction 1276
483

Omega

OMEGA SEAMASTER REF. 2850SC "XVI OLYMPIC GAMES MELBOURNE" YELLOW GOLD WRISTWATCH, 1956

€ 1.500 / 2.500
Estimate

OMEGA SEAMASTER REF. 2850SC "XVI OLYMPIC GAMES MELBOURNE" YELLOW GOLD WRISTWATCH, 1956

 

OMEGA SEAMASTER REF. 2850SC "XVI OLIMPIADI DI MELBOURNE" 1956

cassa in oro giallo 18kt, fondello serrato a vite recante incisione con croce al merito e anelli olimpionici, corona marcata, anse a ragno, lunetta liscia, quadrante crema in lacca cinese (difetti) recante al centro croce al merito e anelli olimpionici, indici applicati, movimento a carica automatica cal 471 n. 14507724, cinturino non originale in pelle marrone, fibbia placcata in oro marcata Omega, vetro plastica, gr. 40. Diam. mm 34. Corredato di seconda fibbia originale placcata in oro.

 

 

Per l’eccezionale servizio svolto nel mondo dello sport, Omega è stata insignita con la Croce Olimpica al Merito nel 1952.

Per celebrare questo evento, quattro anni dopo, la Maison ha presentato l'Omega Seamaster XVI, in occasione della sedicesima edizione delle Olimpiadi di Melbourne, in Australia. Il modello che presentiamo, rappresenta un raro prototipo pre-commerciale, donato ad atleti, celebrità e dirigenti ai giochi olimpici.
La storia racconta che Omega realizzò circa 100 esemplari del modello Seamaster, ma questo orologio causò uno scontro con il Comitato Olimpico, infatti l’emblema con cui era stata insignita la Casa Svizzera, non poteva essere usato a scopi commerciali e Omega fu costretta a modificarne il quadrante, sostituendo la croce al merito con numero XVI sul quadrante. Questa versione sarà la versione definitiva dell’orologio.

 

 

For outstanding service in the world of sport, Omega was awarded the Olympic Cross of Merit in 1952.

To celebrate this event, four years later, the Maison presented the Omega Seamaster XVI, on the occasion of the sixteenth edition of the Olympics in Melbourne, Australia. The model we present, represents a rare pre-commercial prototype, donated to athletes, celebrities and executives at the Olympic Games.

The story goes that Omega made about 100 examples of the Seamaster model, but this watch caused a clash with the Olympic Committee, in fact the emblem with which the Swiss House was awarded, could not be used for commercial purposes and Omega was forced to modify the dial, replacing the cross of merit with number XVI on the dial. This version will be the final version of the watch.