BOOKS, MANUSCRIPTS AND AUTOGRAPHS

15 APRIL 2021

BOOKS, MANUSCRIPTS AND AUTOGRAPHS

Auction, 1042
FLORENCE
Palazzo Ramirez - Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
3.00 pm - lots 401-594

It will not be possible to attend this auction in person, but only through absentee bids, phone bids or our platform PANDOLFINI LIVE.
Viewing

Due to the ongoing health emergency, the access to the viewing will be possible only by appointment.

Please contact:

info@pandolfini.it

+39 055 2340888

For lots marked with * please refer to n. 16 of the Conditions of Sale.
 
 
 
Estimate   100 € - 15000 €

All categories

31 - 60  of 176
449

(Donne letterate) BATTIFERRI AMMANNATI, Laura. Il primo libro dell’opere toscane di M. Laura Battiferra degli Ammannati, alla illustrissima, ed eccellentissima signora, la signora duchessa di Fiorenza, e di Siena. In Firenze, appresso i Giunti, 1560 (Stampato in Firenze nella stamperia de' Giunti, 1560).

[RILEGATO CON:]

BATTIFERRI AMMANNATI, Laura. I sette salmi penitentiali del santissimo profeta Dauit. Tradotti in lingua toscana, da madonna Laura Battiferra degli Ammannati. Con gli argomenti sopra ciascuno di essi, composti dalla medesima; insieme con alcuni suoi sonetti spirituali. In Fiorenza, appresso i Giunti, 1564.

In 4to (206 x 140 mm). [xii] 9-122 [2] pp., 41 [di 43] [9] pp. Primo frontespizio con stemma della dedicataria, iniziali e fregi xilografici, marca tipografica in fine. Pergamena rigida settecentesca con titolo manoscritto al dorso, tagli azzurri. Strappetto marginale a carta A2, rare fioriture. Assente il frontespizio della seconda opera, che ha alcune carte pallidamente brunite, restauri marginali e una piccola macchia bruna al margine interno.

                      DUE PRIME EDIZIONI RILEGATE ASSIEME di opere della poetessa Laura Battiferri (1523-1589), sposa in seconde nozze del famoso architetto e scultore fiorentino Bartolomeo Ammannati, splendidamente ritratta da Agnolo Bronzino con un manoscritto delle sue poesie tra le mani. La prima opera è dedicata alla duchessa Eleonora di Toledo, moglie di Cosimo I de’ Medici, e composta in rime di gusto petrarchesco. Essa “comprende 126 sonetti, 13 madrigali, una traduzione dell’Inno di Sant’Agostino alla gloria del Paradiso (in verità da un testo pseudo-agostiniano) in versi sciolti, una traduzione della quinta Lamentatio di Geremia, col titolo Orazione di Geremia profeta, in terza rima e l’egloga Europa. Il libro ricevette un coro di lodi […] La fama conseguita le aprì le porte dell'Accademia degli Intronati di Siena (col nome accademico di Sgraziata) e, probabilmente, dell'Accademia degli Assorditi di Urbino. Mentre i sonetti del Primo libro appartengono al filone del petrarchismo cinquecentesco, i Sette salmi penitenziali […] s’inseriscono nel nuovo quadro della letteratura della Controriforma.” (Wikipedia) La prima edizione dei Salmi è particolarmente rara.

 

TWO FIRST EDITIONS BOUND TOGETHER of works by the poet Laura Battiferri (1523-1589), second wife of the famous Florentine architect and sculptor Bartolomeo Ammannati. The first edition of the Salmi lacks its frontispiece, but it’s very rare. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    1.000 / 1.500
Price realized:  Registration
450

(Storia dell’arte - Firenze) BORGHINI, Raffaello. Il riposo di Raffaello Borghini in cui della pittura, e della scultura si fauella, de’ piu illustri pittori, e scultori, e delle piu famose opere loro si fa mentione; e le cose principali appartenenti à dette arti s’insegnano. In Fiorenza, Giorgio Marescotti, 1584.

In 8vo (156 x 105 mm). [xxxxviii] 648 pp. Marca tipografica al frontespizio, grande xilografia in ovale a carta *2v., iniziali e fregi xilografici. Marocchino verde bottiglia, dorso liscio con titolo e rotelle dorate, piatti riquadrati da sottile cornice dorata, unghiatura decorata in oro. Ex libris Pietro Ginori Conti e altro ex libris moderno. Pallide fioriture occasionali, le carte s8 e t1 sono sciolte, tracce del tempo alla legatura, ma nel complesso buona copia.

                     PRIMA EDIZIONE dell’opera più nota di Borghini, un dialogo ambientato in una villa chiamata “Il Riposo” vicino a Firenze in cui l’autore descrive dettagliatamente le opere d’arte nelle case e nelle chiese fiorentine e l’ambiente sociale dei collezionisti d’arte fiorentini; si tratta dunque di una fonte importante per l’arte fiorentina del tardo Cinquecento. Raffaello Borghini (1537-1588) è stato un commediografo, poeta e critico d’arte. Bella copia appartenuta a Pietro Ginori Conti.

 

FIRST EDITION of Borghini’s best known work, a dialogue set in a villa called “Il Riposo” near Florence in which the author describes in detail the works of art in Florentine homes and churches and the social environment of collectors of Florentine art; it is therefore an important source for Florentine art of the late sixteenth century. Attractive copy that belonged to Pietro Ginori Conti. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    300 / 500
Price realized:  Registration
452

(Illustrati 500) CATERINA DA SIENA. Epistole et orationi della seraphica vergine santa Catharina da Siena. In Vinetia, appresso Federico Toresano, 1548 (Stampato in Venetia per Pietro de Nicolini da Sabio, ad instantia & spesa del nobile huomo messer Federico Toresano, 1548).

In 4to (208 x 149 mm). [viii] 305 carte. Frontespizio entro cornice xilografica, ritratto xilografico della Santa a piena pagina al verso della carta [croce greca]8, iniziali xilografiche. Testo su due colonne. Legatura posteriore in marocchino blu con ancora aldina ai piatti entro cornice di filetti dorati, dorso a nervi con scomparti riccamente decorati in oro, tagli dorati, sguardie marmorizzate. Ex libris di Henry B. H. Beaufoy. Assente l’ultima carta con marca Torresano, cerniere abrase, frontespizio pallidamente fiorito e con angolo in alto reintegrato con piccola perdita, margine superiore un po’ corto, qualche occasionale fioritura, ma nel complesso buona copia.

                     Seconda edizione aldina dopo la celebre prima edizione pubblicata da Aldo nel 1500 di questo epistolario di Santa Caterina (1347-1380), mistica domenicana, da lei dettato negli ultimi dieci anni di vita. Le oltre 380 lettere, scritte anche ad importanti personalità dell’epoca, affrontano una grande varietà di temi, dalla morale alla politica. Dalla collezione del capitano Henry Benjamin Hanbury Beaufoy (1786-1851), parlamentare inglese, filantropo, artista specializzato in paesaggi e disegni architettonici, nonché collezionista di libri - specialmente di Shakespeare. La sua biblioteca, formata nella prima parte dell’Ottocento, includeva le prime quattro edizioni in folio delle opere di Shakespeare, vendute da Christie’s nel luglio del 1912. Sander 1822. Essling 1231.

 

Second Aldine edition after the famous first edition published by Aldo in 1500 of the correspondence of Saint Catherine (1347-1380), Dominican mystic. The over 380 letters, also written to important personalities of the time, deal with a wide variety of topics. From the collection of Captain Henry Benjamin Hanbury Beaufoy (1786-1851), English parliamentarian and book collector. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    350 / 450
Price realized:  Registration
453
Estimate    300 / 400
Price realized:  Registration
454

(Giurisprudenza) CESENA. Statuta ciuitatis Cæsenæ cum additionibus, ac reformationibus […]. Caesenae, apud Bartholomaeum Raverium, 1589 (Caesenae, apud Bartholomaeum Rauerium, 1590).

In folio (284 x 200 mm). [iv] 23 [1] 439 [1] 12 pp. Stemma di Cesena ai frontespizi e marca tipografica al colophon, iniziali e fregi xilografici. Mezza pergamena settecentesca con angoli e tassello al dorso. Legatura un po’ sciupata, tracce d’uso e forellino al frontespizio, piccole gore marginali, grande macchia evidente all’angolo inferiore degli ultimi fascicoli, per il resto buona copia.

Seconda edizione in parte originale fatta sui mss. dell’Archivio Comunale di Cesena, come dichiara il tipografo nella prefazione, che riproduce, con modifiche e addizioni, il testo dei tre libri giurisdizionali già pubblicati nel 1494 e ne aggiunge un quarto. Include sezioni dedicate ai salari di avvocati e procuratori, al diritto penale e commerciale, a lettere di papi, a testamenti di nobili di Cesena, a dazi e gabelle, e, in fine, reca gli statuti del porto di Cesenatico.

 

Second edition partly original made on the mss. of the Municipal Archives of Cesena, as stated by the printer in the preface, which reproduces, with changes and additions, the text of the three jurisdictional books already published in 1494 and adds a fourth. It includes sections dedicated to the salaries of lawyers and procurators, criminal and commercial law, letters from popes, wills of Cesena nobles, duties and taxes, and, finally, the statutes of the port of Cesenatico. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    500 / 600
Price realized:  Registration
457
Estimate    500 / 600
Price realized:  Registration
458

(Botanica) DIOSCORIDES, Pedanius - MATTIOLI, Pietro Andrea. Libri cinque della historia, & materia medicinale tradotti in lingua uolgare italiana da M. Pietro Andrea Matthiolo Sanese medico. (Venezia, Niccolo Bascarini), 1544.

In folio (300 x 208 mm). [xxviii] 442 [2] pp. Grande marca tipografica al frontespizio, iniziali xilografiche, talune con piccole vedute. Legatura moderna in marocchino testa di moro. Frontespizio con restauro marginale e antica firma di possesso, restauri professionali ai margini e agli angoli, piccole macchie ai tagli delle ultime pagine, ulteriore firma di possesso all’ultima pagina bianca.

                     PRIMA EDIZIONE DEL PIÙ POPOLARE ERBARIO DELLA SECONDA METÀ DEL CINQUECENTO, più comunemente conosciuto come i Discorsi di Pier Andrea Mattioli sull’opera di Dioscoride, qui nella sua prima stesura pubblicata a Venezia senza illustrazioni e dedicata al cardinale Cristoforo Madruzzo, principe-vescovo di Trento e Bressanone. “Da notare che Mattioli non si limitò a tradurre l’opera di Dioscoride, ma la completò con i risultati di una serie di ricerche su piante dalle proprietà ancora sconosciute all’epoca, trasformando i Discorsi in un’opera fondamentale sulle piante medicinali, un vero punto di riferimento per scienziati e medici per diversi secoli.” (Wikipedia) Notevole ed ariosa la composizione tipografica della pagina, suddivisa in vari paragrafi ben definiti dalle iniziali xilografiche e dalla ripartizione del testo in carattere tondo per il Dioscoride e in corsivo dal corpo più piccolo per il sottostante commento del Mattioli.

 

FIRST EDITION OF THE MOST POPULAR HERBARIUM OF THE SECOND HALF OF THE 16TH CENTURY. Marginal restorations. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    2.000 / 2.500
Price realized:  Registration
459

(Medicina - Farmacologia - Vino - Botanica) DIOSCORIDES, Pedanius. Della materia medicinale. Tradotto per m. Marcantonio Montigiano da S. Gimignano medico. In lingua fiorentina. In Firenze, (Bernardo Giunta), 1547.

In 8vo (149 x 105 mm). 302 [8] carte. di cui l’ultima bianca. Variante B di SBN. Marche tipografiche al frontespizio e alla carta p12v. Iniziali xilografiche. Testo in corsivo. Piena pergamena flessibile coeva con unghiatura e titolo manoscritto al dorso. Piccolo lavoro di tarlo al frontespizio, pallide gore e macchie occasionali, ma nel complesso bella copia genuina.

                     PRIMA EDIZIONE della versione di Marcantonio Montesiano (fl. 1546-1556) della celebre opera medica di Dioscoride, che rimase in uso, sotto forma spuria di traduzioni e commenti, fino circa al XVII secolo, quando venne superato dalla nascita della medicina moderna. Gli argomenti spaziano dal vino allo zafferano, dai vari tipi di olii ai molluschi di mare, dal sangue degli animali usati negli unguenti alla cicuta e mandragola all’oppio etc. Edizione dedicata a Cosimo de’ Medici e decorata da piccoli graziosi fregi floreali ai lati dei titoli correnti.

 

FIRST EDITION of Marcantonio Montesiano's version (fl. 1546-1556) of the famous medical work of Dioscorides, which remained in use, in the spurious form of translations and comments, until about the 17th century, when it was overtaken by the birth of modern medicine. The topics range from wine to saffron, from various types of oils to shellfish, from the blood of animals used in ointments to hemlock and mandrake to opium etc. Edition dedicated to Cosimo de’ Medici and decorated with small floral friezes on the sides of the current titles. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    500 / 1.000
Price realized:  Registration
460
Estimate    300 / 400
Price realized:  Registration
463
Estimate    400 / 600
Price realized:  Registration
464

GIOVIO, Paolo. Elogia virorum bellica virtute illustrium veris imaginibus supposita, quæ apud musæum spectantur. Florentiæ, in officina Laurentii Torrentini ducalis typographi, 1551.

In folio (348 x 220 mm). 340 [4] pp. Variante B di SBN. Marca con armi medicee al frontespizio, grandi iniziali xilografiche. Mezzo marocchino scuro posteriore, dorso liscio con titolo e filetti dorati, tagli spruzzati di rosso. Ottima copia.

                     PRIMA EDIZIONE di questa opera in cui Paolo Giovio descrive la sua celebre collezione di ritratti di uomini (e donne) illustri conservata nella sua villa a Como e considerata la più ricca del tempo, fra i quali figurano: Cristoforo Colombo, Hernan Cortes, Mattia Corvino, Sigismondo di Polonia, Maometto II, Saladinus, Solimano il Magnifico, il Re dei Persiani Hysmael Sophus, il Re Muleasses Tunetanus, Francesco I di Francia, Enrico VIII d'Inghilterra, Alessandro Magno, Cesare Borgia, Castruccio Castracani, Isabella d’Aragona, Farinata degli Uberti, Francesco Gonzaga e Francesco Sforza, il Gattamelata, ecc., e vari Medici (Alessandro, Ippolito, Giuliano, Pietro ecc.), incluso Cosimo de’ Medici, al quale è indirizzata la prefazione del Torrentino. Splendida l’impaginazione del Torrentino, che fa “scodinzolare” nel testo la gambetta di una grande “Q” (p. 161).

 

FIRST EDITION of this work in which Paolo Giovio describes his famous collection of portraits of illustrious men (and women) kept in his villa in Como and considered the richest of the time. Very good copy. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    300 / 400
Price realized:  Registration
465

(Paesi Bassi - Viaggio - Illustrati 500) GUICCIARDINI, Lodovico. Descrittione di m. Lodouico Guicciardini patritio fiorentino, di tutti i Paesi Bassi, altrimenti detti Germania inferiore. In Anversa, Guglielmo Siluio, 1567.

In folio (324 x 225 mm). [xx] 296 [21] pp., illustrato da 17 tavole a doppia pagina, tutte xilografiche tranne 2 calcografiche, ovvero: 8 mappe geografiche (tra cui la calcografia del Belgio di Cornelis De Hooghe, fuori collazione), 4 carte topografiche e 5 vedute (tra cui la calcografia del Senato di Anversa di Martin Petrus). Frontespizio con titolo racchiuso entro ampia cornice architettonica e con piccola marca tipografica, stemma e ritratto del dedicatario Filippo II alle carte §1 v. e §2, tavole introdotte da titolo racchiuso entro cornice xilografica, ampie iniziali xilografiche figurate. Pergamena rigida coeva con titolo manoscritto al dorso. Frontespizio con restauri marginali e tracce di scritte di antica mano, altri restauri marginali alle tavole, ma nel complesso copia molto buona.

                     PRIMA EDIZIONE del primo libro dedicato alle città dei Paesi Bassi, splendidamente illustrato da una galleria di tavole a doppia pagina che illustrano mappe, piante e vedute molto fedeli. Bellissima immagine della cattedrale di Anversa. Bell’esemplare.

 

FIRST EDITION of the first book dedicated to the cities of the Netherlands, beautifully illustrated by a gallery of double-page plates with very faithful maps, plans and views. A few restorations but very good copy. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    1.000 / 1.500
Price realized:  Registration
466
Estimate    500 / 600
Price realized:  Registration
467

(Araldica - Illustrati 500 - Germania) KÖBEL, Jacob - KALLENBERG, Jacob. Wapen. Des heyligen Römischen Reichs Teutscher nation […]. (Franckfurth am Main, Cyriacus Jacob, 1545). [RILEGATO CON:] FRONSBERGER, Leonhardt. Besatzung. Ein kurtzer Bericht, wie Stätt, Schlösser oder Flecken […]. Franckfurt am Mayn, (Feyerabend und Hüter), 1564.

In folio (292 x 200 mm). Wapen: [86] carte contenenti [144] xilografie a piena pagina. Frontespizio in rosso e nero con grande stemma imperiale inciso su legno, carattere gotico, marca tipografica al recto dell’ultima carta. Besatzung: xvi [i] carte. Grande xilografia con cavalieri e armi al frontespizio, vignette xilografiche nel testo e al recto dell’ultima carta, carattere gotico. Piena pelle coeva decorata a secco da una serie di cornici concentriche ai piatti che includono piccole figure di santi e angeli, testine, scudi e altri elementi decorativi, resti di lacci, tagli spruzzati d’azzurro (sbiadito in punti). Firma d’appartenenza “L. Vogel” al contropiatto anteriore, con altre più antiche provenienze, indice delle città tedesche presenti nell’opera scritta da antica mano e applicata al piatto posteriore. Piatto anteriore staccato e altri difetti alla legatura (tutti restaurabili), frontespizio della prima opera molto sciupato ai margini, pallide macchie occasionali ai margini, pallida gora al margine esterno della seconda opera, ma nel complesso buona copia genuina.

                     RARISSIMA PRIMA EDIZIONE, IN LEGATURA COEVA, APPARTENUTA AL PITTORE SVIZZERO LUDWIG VOGEL. Straordinario libro illustrato che ritrae le bandiere dei principi e delle città del Sacro Romano Impero, sventagliate da pittoreschi guerrieri in abiti dell’epoca e con paesaggi cittadini e rurali sullo sfondo (talora realistici, come nel caso di Strasburgo, dove si intravvede la cattedrale). Le xilografie sono spesso firmate “IK”, ragione per cui l’opera è da sempre erroneamente attribuita a Jacob Köbel, mentre di recente si è ritenuto più probabile che esse siano invece opera del pittore e xilografo svizzero Jacob Kallenberg (1500-1565). Svizzero era sicuramente uno degli ultimi proprietari di questa particolare copia, Ludwig Vogel (1788-1879), noto pittore di quadri a carattere storico, dedicati soprattutto alla storia della Svizzera, nei quali spesso compaiono personaggi in costume che sventolano stendardi - il che lascia supporre che questo libro gli sia stato d’ispirazione per i suoi dipinti. Vogel “Fu uno dei più importanti pittori storici sviz., il più celebre del suo tempo, anche perché molte delle sue opere, tra cui I Conf. davanti al cadavere di Arnold Winkelried e Il tiro alla mela di Guglielmo Tell, furono riprodotte in stampa e fotografia ed ebbero un’ampia diffusione.” (Dizionario Storico della Svizzera)

 

EXTREMELY RARE FIRST EDITION, of this extraordinary book illustrated with 144 woodcuts depicting picturesque warriors holding the flags of the princes and towns of the Holy Roman Empire. The copy of the Swiss history painter Ludwig Vogel, in a contemporary blind-decorated binding. Complete, but binding worn. Detailed description of condition and additional images upon request.

Estimate    3.000 / 6.000
Price realized:  Registration
470

(Donne - Ostetricia - Ginecologia - Farmacologia - Medicina) MARINELLI, Giovanni. Le medicine partenenti alle infermità delle donne scritte per M. Giouanni Marinello, & diuise in tre libri: nel primo de’ quali si curano alcuni difetti, che possono sciogliere il legame del matrimonio: nel secondo si rimoue la sterilità: et nel terzo si scriue la uita della donna grauida, fino che sia uscita del parto, con l’ufficio della leuatrice. In Venetia, Francesco de' Franceschi Senese, 1563. (In Venetia, per Giouanni Bonadio, 1563).

In 8vo (150 x 100 mm). [viii] 258 [6] carte. La carta 2k8 è bianca. Marca tipografica al frontespizio, iniziali e fregi xilografici. Testo in corsivo. Pergamena flessibile coeva con titolo manoscritto al dorso e unghiatura, titolo manoscritto anche al taglio inferiore. Frontespizio con firma di possesso di antica mano, ripetuta al taglio superiore (Giovanni Rusconi Bresciano, 1660), lievi macchie e piccolo lavoro di tarlo che interessa anche il piatto anteriore e la prima carta bianca, pallide gore e macchie occasionali, ma nel complesso buona copia genuina.

                     RARA PRIMA EDIZIONE di questo trattato in tre libri che dedica ampio spazio ai problemi della vita coniugale, al corpo e ai disturbi della sessualità sia maschile, sia femminile, alla procreazione, alla gravidanza e al parto. Sono descritte numerose terapie e ricette per medicinali. Giovanni Marinelli, autore anche de Gli ornamenti delle donne, fu il padre della poetessa e scrittrice Lucrezia Marinelli, autrice de La nobità et l’eccellenza delle donne co’difetti et mancamenti de gli uomini (Venezia, Ciotti, 1600).

 

RARE FIRST EDITION of this treatise in three books that devotes ample space to the problems of married life, the body and disorders of both male and female sexuality, procreation, pregnancy and childbirth. Numerous therapies and recipes for medicines are described. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    300 / 600
Price realized:  Registration
471

(Geografia - Illustrati 500) MÜNSTER, Sébastian - François de BELLEFOREST. La Cosmographie universelle de tout le monde. […]. Auteur en partie Munster, mais beaucoup plus augmentée, ornée et enrichie, par Francois de Belle-Forest […]. A Paris, chez Michel Sonnius, 1575.

3 volumi in folio (363 x 238 mm), di cui i primi due contenenti il tomo I dell’opera. Vol. 1: [] [40] pp.; 5-160 col.; 161-397 pp.; 2 pp.; 3-56 col.; 57-58 pp.; 59-305 col.; 306-384 pp.; 385-390 col. e 12 tavole fuori collazione (di cui 6 ripiegate). Vol. 2: 393-1838 col.; [86] pp. e 3 tavole fuori collazione. Vol. 3: [12] pp.; 2235 col.; [175] pp. e 3 tavole ripiegate fuori collazione. Collazionato completo a parte la tavola di Clermont-Ferrand (che costituisce un bifolio del quaderno “l” del primo volume), assente presumibilmente ab origine e aggiunta in seguito da altro esemplare, sciolta e di dimensioni più piccole. Testo su due colonne. Legatura seicentesca in vitellino marezzato, piatti riquadrati da doppio filetto dorato, dorso a 6 nervi con 7 scomparti, il secondo con tassello in marocchino rosso con titolo “COSMOGRA. VNIVERSEL”, il terzo con il numero dei tomi, gli altri con iniziali dorate “AEPT” (monogramma di Alexandre e Paul Petau), tagli spruzzati di rosso. Ex libris del Barone Horace de Landau a tutti i contropiatti (con numerazione 15810-15811). Legature con abrasioni e cerniere restaurate (quelle del primo volume tendono a sbucciarsi in alcuni punti), mappe di Londra, Parigi, Germania e Cairo con piccolo strappo restaurabile al centro della piegatura, pallida gora marginale a qualche fascicolo del primo volume; piccola macchia d’inchiostro a n3v e n4r e grande macchia traslucida a Oo2 nel secondo volume; strappo all’angolo inferiore di A6, il margine interno di un paio di carte incollato al margine interno della carta precedente, piccola macchia bruna marginale alla carta dell’Africa nel terzo volume, e altre trascurabili tracce del tempo, ma nel complesso copia molto ben conservata e genuina, stampata su carta bianca e forte.

 

                     SPLENDIDO ESEMPLARE INTERAMENTE RUBRICATO, CON NOTA MANOSCRITTA DALL’INQUISITORE PIEMONTESE BARTOLOMEO ROCCA DI PRALORMO IL 13 FEBBRAIO 1598, IN LEGATURA SEICENTESCA CON INIZIALI DI ALEXANDRE E PAUL PETAU, di questa importante edizione parigina della celebre Cosmografia di Sebastian Münster (1488-1552) ampliata da François de Belleforest (1530-1583), scrittore e traduttore francese, su richiesta degli stampatori Nicholas Chesneau e Michel Sonnius.

 

Pubblicata per la prima volta a Basilea nel 1544, la Cosmografia ebbe un immediato e straordinario successo e fu oggetto di numerose traduzioni ed edizioni (oltre 20 in 100 anni). La prima francese uscì nel 1552, ma poiché Münster si era concentrato sul suo Paese, la Germania, l’editoria francese sentì l’esigenza di ampliare l’opera con parti sulla Francia. Lo spiega bene il dedicatario di questa edizione, Carlo IX di Francia (1550-1574), nel privilegio accordato a Chesneau e Sonnius il 22 maggio 1572, ove scrive che, avendo i due editori fattogli notare che Münster parlava solo della Germania, e che l’edizione lionese curata da Du Pinet nel 1564 era assai imperfetta e manchevole, con piacere accordava loro il permesso di ristampare la Cosmografia in francese e latino, grandemente arricchita da François de Belleforest con informazioni relative alla regioni, popoli, nazioni, leggi, religioni, costumi, ecc., di Francia, Italia e Spagna, e con, in particolare, la descrizione e pianta di molte città francesi, accompagnata da un elenco delle caratteristiche più notevoli di città non solo in Francia, ma anche in Italia, Spagna, Inghilterra, Fiandre, ecc.

 

Senza alcun dubbio, i due stampatori furono all’altezza dell’impresa: l’opera si compone di due tomi in tre parti, ciascuna con proprio titolo, illustrati da 156 mappe o vedute di città del mondo conosciuto allora, e da altre numerose vignette xilografiche nel testo (ritratti, emblemi, blasoni, costumi, attività varie, piante, animali, scene bibliche, mostri (col. 1814 vol. 2), ecc. Il primo volume, dopo un libro introduttivo a carattere biblico-scientifico, e uno successivo dedicato alla Gran Bretagna e decorato da un’affascinante mappa ripiegata di Londra, è interamente dedicato alla Francia, e contiene tra l’altro anche una grande e dettagliata mappa di Parigi e un mappamondo con le tutte le terre note all’epoca. Il secondo volume analizza Italia, Germania, Svizzera, Austria, ecc., e include una bellissima mappa di Milano, e notevoli mappe e vedute di altre città italiane (Roma, Venezia, Genova, Firenze, ecc.). Il terzo ponderoso volume contempla la Grecia e le sue isole, Macedonia, Albania, Negroponte, Morea, Asia, Turchia, Cipro, Cappadocia, Africa, Armenia, Siria, Palestina, Arabia, Mesopotamia, Persia, India, Cina, Americhe (Cuzco, Brasile, Yucatan, Messico, Canda, Florida, Guadalupe, Haiti, Caraibi, Mari del Nord, ecc.) Sono di grande interesse le tavole che illustrano le città di Cuzco e Temistitan [Tenochtitlán, i.e. Città del Messico], che all’epoca erano state scoperte da pochi decenni.

 

Sono presenti nel primo volume 62 mappe o vedute, nel secondo 64, nel terzo 30, per un totale di 156 mappe o vedute tutte rare perché l’edizione non venne né ristampata, né tradotta. 

 

Provenienza: il frontespizio reca in calce una nota manoscritta il 13 febbraio 1598 da Bartolomeo Rocca di Pralormo (c. 1535-1605), spietato Inquisitore Generale di Torino, Fossano e Nizza, più volte redarguito dalla Sede Pontificia per i suoi interrogatori poco ortodossi. La nota sembrerebbe confermare il ruolo dell’Inquisitore nel controllare la circolazione libraria: “Si concede licenza al Signor Giovanni Battista Crippa dottore … questo libro … senza ricorsi provinciali …”. V’è accanto un’altra breve nota di altra mano, datata 1601.

Gli scomparti di tutti i dorsi recano le cifre “AEPT”, monogramma di Alexandre Petau (1610-1672), magistrato e consigliere del Parlamento di Parigi, bibliofilo, figlio ed erede del magistrato collezionista Paul Petau (1568-1614). I Petau acquisirono soprattutto manoscritti, chiamati “Petaviani” e già venduti dallo stesso Alexandre alla regina Cristina di Svezia nel 1650. Dopa la sua morte, quanto restava della magnifica collezione Petau fu disperso dagli eredi in varie vendite. Ringrazio la dottoressa Sara Trevisan per avere identificato il monogramma. 

Tutti e tre i contropiatti recano l’ex-libris del Barone Horace de Landau (1824-1903), banchiere e bibliofilo francese di origine ucraina. “Collezionista e bibliofilo appassionato, raccolse nella sua residenza fiorentina una vasta collezione di manoscritti, incunaboli e vecchie edizioni di cui un catalogo parziale fu pubblicato dal bibliotecario A. Roediger negli anni 1885-90.” (Wikipedia)

 

EXTRAORDINARY COPY, ENTIRELY RUBRICATED, WITH A MANUSCRIPT NOTE DATED 13 FEBRUARY 1598 BY THE PIEDMONT INQUISITOR BARTOLOMEO ROCCA DI PRALORMO, AND IN A 17TH CENTURY BINDING WITH THE INITIALS OF PAUL AND ALEXANDRE PETAU, of this important Parisian edition of the famous Cosmography by Sebastian Münster (1488-1552), enlarged by François de Belleforest (1530-1583) at the request of printers Nicholas Chesneau and Michel Sonnius. Collated complete apart from the plate of Clermont-Ferrand supplied from another copy. Detailed description and additional imaged upon request.

 

(3 volumi)

Estimate    13.000 / 16.000
Price realized:  Registration
472

MARTELLI, Ugolino. La chiaue del calendaro gregoriano. Del R.M. Hugolino Martelli vescouo di Glandeua. In Lione, [François Conrard], 1583.

In 8vo (160 x 104 mm). [xxxii] 362 [10] pp. Marca tipografica al frontespizio. Iniziali e fregi xilografici. Mezzo vitellino posteriore con titoli e filetti dorati al dorso. Antica firma d’appartenenza al frontespizio, che una nota a matita attribuisce ad Andrea da Verrazzano. Carte occasionalmente brunite e margine superiore un po’ corto.

                      PRIMA EDIZIONE di questo saggio dedicato al calendario gregoriano, introdotto il 4 ottobre 1582 da papa Gregorio XIII. Ugolino Martelli (1519-1592) è stato un umanista e vescovo cattolico italiano, che “partecipò alla compilazione del Calendario gregoriano. Fu ritratto tra il 1534 e il 1538 da Agnolo Bronzino in abiti civili, dipinto conservato alla Gemäldegalerie di Berlino.” (Wikipedia) I capitoli analizzano i vari modi di suddividere il tempo in vigore presso altri popoli (mesi ebraici, egiziani, greci, ecc.), e poi i nomi dei giorni della settimana, la suddivisione in ore, ecc.

 

FIRST EDITION of this essay dedicated to the Gregorian calendar, introduced on 4 October 1582 by Pope Gregory XIII. Ugolino Martelli (1519-1592) was an Italian humanist and Catholic bishop who was portrayed between 1534 and 1538 by Agnolo Bronzino in civilian clothes. The chapters analyse the various ways of dividing the time in force among other peoples (Hebrew, Egyptian, Greek months, etc.), and then the names of the days of the week, the division into hours, etc. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    300 / 400
Price realized:  Registration
473
Estimate    800 / 1.000
Price realized:  Registration
474

(Architettura - Illustrati 500) PALLADIO, Andrea. I quattro libri dell’architettura. In Venetia, appresso Dominico de’ Franceschi, 1570.

In folio (293 x 209 mm). 67 [1], 66 [i.e. 78, 2], 46 [2], 128 [8] pp. Frontespizio architettonico xilografico ripetuto all’inizio di ognuno dei quattro libri, numerosissime illustrazioni xilografiche nel testo, iniziali xilografiche. Pergamena flessibile antica con titolo manoscritto al dorso. Note antiche manoscritte all’ultima carta. Sguardie rinnovate, restauri molto ben eseguiti e quasi impercettibili al frontespizio e agli angoli e margini delle carte successive, ma nel complesso copia molto ben conservata.

                     BELLISSIMO ESEMPLARE DI QUESTA PRIMA EDIZIONE COLLETTIVA DI UNO DEI PIÙ IMPORTANTI TESTI DI ARCHITETTURA. L’opera è suddivisa in quattro libri che trattano argomenti diversi. Il primo, dedicato all’amico Giacomo Angarano, analizza “la scelta dei materiali, le tecniche costruttive, le forme degli ordini architettonici di tipo Tuscanico, Dorico, Ionico, Corinzio e Ordine composito in tutte le loro parti (basamenti, colonne, architravi, arcate, capitelli, trabeazioni), illustrati in una serie di tavole ed infine gli altri elementi edilizi (soffitti a volta, pavimenti, porte e finestre, camini, coperture e scale). Il secondo libro riporta una serie di progetti architettonici di Andrea Palladio, di cui 9 palazzi signorili di città, 22 ville signorili (di cui 13 completate secondo il progetto, 5 realizzate in parte e 4 incompiute) ed una serie di progetti palladiani di costruzioni non realizzate. […] Il terzo libro, dedicato a Emanuele Filiberto di Savoia, descrive la maniera di costruire le strade rettilinee lastricate in pietra, i ponti in legno ed in pietra con numerosi progetti palladiani, le piazze antiche realizzate dai greci e dai latini ed infine le basiliche fra cui la basilica progettata da Vitruvio a Fano e l'importante Basilica Palladiana di Vicenza. Il quarto libro contiene i rilievi di 26 edifici romani antichi fra cui 18 templi a pianta rettangolare dei fori repubblicano e imperiale di Roma antica, Napoli, Spoleto, Assisi, Pola e Nimes, una basilica romana a pianta rettangolare, 7 templi o Basiliche a pianta centrale a Roma e dintorni. […] Thomas Jefferson, presidente degli Stati Uniti d’America e uno dei più fervidi estimatori di Palladio, una volta si riferì a questo testo definendolo “la Bibbia” dell’architettura. Jefferson possedeva cinque diverse edizioni del testo e progettò la propria residenza di Monticello in stile neopalladiano. “Palladio’s lasting influence on architectural style in many parts of the world was exercised less through his actual buildings than through his textbook.” (PMM 92).

 

BEAUTIFUL COPY OF THIS FIRST COLLECTIVE EDITION OF ONE OF THE MOST INFLUENTIAL TEXTS OF ARCHITECTURE. Professional restorations to a few corners and margins, renewed endpapers. Detailed description and additional images upon request.

 

[ASSIEME A: /TOGETHER WITH:]

 

(Architettura - Illustrati 500) PALLADIO, Andrea. I quattro libri dell’architettura di Andrea Palladio. In Venetia, appresso Bartolomeo Carampello, 1581.

In folio (304 x 204 mm). 67 [1], 78 [2], 46 [2], 133 [3] pp. Frontespizio architettonico xilografico ripetuto all’inizio di ognuno dei quattro libri, numerosissime illustrazioni xilografiche nel testo, iniziali xilografiche. Pergamena rigida moderna con titolo manoscritto al dorso. Antiche note di possesso al frontespizio e alla carta I3 (p. 65 del primo libro), antiche postille di studioso (una con piccolo schizzo), ultima carta impercettibilmente restaurata e altre trascurabili tracce del tempo, ma nel complesso copia molto ben conservata.

                     BELL’ESEMPLARE DELLA SECONDA EDIZIONE del capolavoro di Palladio, completo delle carte bianche, praticamente identica alla prima. Con varie note di antica mano.

 

SECOND EDITION of Palladio’s masterpiece, complete with its blank leaves, almost identical to the first. Fine copy, with various manuscript notes by an old hand. Detailed description and additional images upon request.

 

(2 volumi)

Estimate    12.000 / 18.000
Price realized:  Registration
475
Estimate    350 / 450
Price realized:  Registration
478

(Geografia - Illustrati 500) PTOLOMAEUS, Claudius. Geographia [...] a Bilibaldo Pirckheimherio translata […]. Venetiis, apud Vincentium Valgrisium, 1562.

In 4to (226 x 157 mm). [viii] 112, 286 [2] pp., 64 tavole calcografiche doppie con testo esplicativo al verso montate su brachette, e [66] pp. di indice. Pergamena coeva con titolo manoscritto al dorso, tagli spruzzati. Marca Valgrisi al frontespizio, iniziali e fregi xilografici, testo in corsivo con numerosi diagrammi xilografici. Cerniera anteriore e altre parti del volume allentate; frontespizio un po’ polveroso; pallide gore ai fascicoli B, E, 2A-2B; fascicolo M pallidamente brunito; piccolo restauro a p. 233 (2P5v); piccole gore e restauri marginali alle tavole (più evidenti alla tavola della Germania), qualche margine corto, ma nel complesso buona copia genuina.

                     PRIMA EDIZIONE, COMPLETA DI TUTTE LE MAPPE, della Geographia a cura di di Giuseppe Moleti (1531-1588), scienziato italiano, detentore della cattedra di matematica dell’Università di Padova prima di Galileo. La revisione di Moleti è basata sulla traduzione di Willibald Pirckheimer (1470-1530), umanista, politico e giurista tedesco, mentre le mappe sono riprese dalla precedente e prima edizione Valgrisi del 1561. L’apparato iconografico include due planisferi, la “Carta Marina Nuova”, 27 mappe dell’Europa (di cui 6 dell’Italia), 9 dell’Africa, 19 dell’Asia e 6 delle Americhe.

 

 

FIRST EDITION, COMPLETE WITH ALL MAPS, of the Geographia edited by Giuseppe Moleti on the translation of Willibald Pirckheimer. The maps are taken from the previous and first Valgrisi edition of 1561. The iconographic apparatus includes two planispheres, the “Carta Marina Nuova ”, 27 maps of Europe (including 6 of Italy), 9 of Africa, 19 of Asia and 6 of the Americas. Marginal watestains and restorations but good copy. Detailed description and additional images upon request.

Estimate    4.000 / 6.000
Price realized:  Registration
31 - 60  of 176