ARCADE | 16th to 20th century paintings

ARCADE | 16th  to 20th century paintings

Auction

FLORENCE
Palazzo Ramirez-Montalvo
29 SEPTEMBER 2020
10:30 am
Lots 1-120

3:00 pm
Lots 121-218

5:00 pm
Lots 231-334

Viewing

FLORENCE
Friday          25  September              10am-6pm 
Saturday      26  September              10am-6pm
Sunday        27  September              10am-6pm
Monday        28  September              10am-6pm

 
 
 
Estimate   200 € - 50000 €

All categories

List display
Grid display
31 - 60  of 320
12019005972.jpg

Scuola veneta, sec. XVII

DILUVIO UNIVERSALE

olio su tela, cm 75x100

 

Venetian School, 17th century

THE GREAT FLOOD

oil on canvas, cm 75x110

 

Il tema del Diluvio Universale è stato affrontato da Alessandro Turchi, detto l’Orbetto (Verona, 1578 – Roma, 1649) almeno due volte, con molte varianti e in dimensioni piuttosto contenute. Stringenti sono le analogie compositive che il nostro esemplare presenta con il rame della collezione Molinari Pradelli (cfr. D. Scaglietti Kelescian, in Alessandro Turchi detto l'Orbetto 1578-1649, a cura di D. Scaglietti Kelescian, Verona 2019, pp. 172-173, cat. 96): le figure che appaiono quasi isolate sul primo piano della scena riprendono nelle pose e nella gestualità, se pur con notevoli differenze, quelle ideate dall’Orbetto che prese come modelli di riferimento Michelangelo nella volta della Sistina e Raffaello nelle Logge, oltre che l’affresco con lo stesso soggetto eseguito da Antonio Carracci nel fregio di una delle stanze nel palazzo del Quirinale a Montecavallo a Roma, palazzo dove lo stesso pittore Veronese lavora.

L’ambientazione composta degli stessi elementi – l’albero utilizzato come quinta scenica sulla destra, l’arca sullo sfondo al centro e il promontorio sulla sinistra – mostra, analogamente, significative varianti sia nel maggiore respiro compositivo, risultato di una diversa scansione delle figure e dal maggiore spazio riservato al paesaggio, che nell’intonazione un poco più cupa e maggiormente contrastata luministicamente, più vicina in tali caratteristiche all’altra opera dell’Orbetto con tale soggetto, oggi al Louvre, e considerata leggermente successiva, fatta risalire infatti agli anni romani dell’artista, subito dopo le sue prove del 1620-1621 (cfr. D. Scaglietti Kelescian, in Alessandro Turchi detto l’Orbetto 1578-1649, a cura di D. Scaglietti Kelescian, Verona 2019, pp. 197-198, cat. 111).

 

 

Estimate    4.000 / 6.000
31 - 60  of 320

Top