Works on paper: 15th to 19th century drawings, paintings and prints

1 OCTOBER 2019

Works on paper: 15th to 19th century drawings, paintings and prints

Auction, 0316
FLORENCE
palazzo Ramirez - Montalvo
Viewing
FLORENCE
Friday     27 September   10 am-6 pm
Saturday 28 September   10am - 6 pm
Sunday   29 September   10am - 6pm
Monday   30 September   10am - 6pm

 
 
 
Estimate   200 € - 10000 €

All categories

31 - 60  of 197
31

Bottega di Michelangelo Maestri, inizio sec. XIX

Bottega di Michelangelo Maestri, inizio sec. XIX

LE BACCANTI POMPEIANE 

serie di sette gouaches su linee incise all'acquaforte?, carta vergellata, coontrofondate, mm 345x232

(7)

 

Workshop of Michelangelo Maestri, early 19th century

A GROUP OF TWO CENTAURS AND SEVEN POMPEIAN ALLEGORICAL FEMALE FIGURES

seven gouaches over etched outline?, laid paper, backed, mm 345x232

(7)

 

Iscrizione

"chez Camill Butti Rome" in basso a destra sul cartoncino di supporto

Estimate    2.500 / 3.500
32

Michelangelo Maestri, da Raffaello

Michelangelo Maestri, da Raffaello

(Roma 1779 -1812)

AMOR LENTO (da Raffaello)

gouache su carta vergellata, applicata su cartoncino, mm 279x356      

 

AMOR LENTO (after Raphael)

gouache on laid paper, laid down on cardboard, mm  279x356

 

Iscrizioni

"Raf. Sanz. Urb. inv. " e "Michelang. Maestri fece in Roma"

 

La composizione deriva da un'invenzione di Raffaello realizzata per le camere del cardinal Bibbiena nel Palazzo Vaticano.

 

Estimate    800 / 1.500
Price realized:  Registration
33

Scuola toscana, inizio sec. XVII

Scuola toscana, inizio sec. XVII                                          

SAN BONAVENTURA SULLO SFONDO DI UNA CITTA'                                

matita nera, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato, applicato su cartoncino, mm 270x220                                       

                                                                          

Tuscan school, early 17th century                                         

SAINT BONAVENTURA AND A CITY IN THE BACKGROUND                            

black chalk, pen and ink, brush and wash, laid down on  cardboard, mm 270x220                                                                   

                                                                          

Iscrizioni                                                                

"F. Zuccaro" a penna in basso a sinistra                                  

                                                                          

Il foglio trova interessanti confronti all'interno dei corpus di disegni  

ricondotti a Pietro Sorri (San Gusmè 1556  Siena, 1622), come la Morte di 

Sant'Antonio Abate conservato presso il Museo del Louvre (inv. 1058).     

 

Estimate    1.500 / 2.000
Price realized:  Registration
34

Scuola napoletana, fine sec. XVII - inizio sec. XVIII

Scuola napoletana, fine sec. XVII - inizio sec. XVIII

SCENA RITUALE DALL'ANTICO TESTAMENTO

matita nera, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato grigio, carta vergellata, mm 128x358

 

Neapolitan school, late 17th  century - early 18th century

A SCENE FROM THE OLD TESTAMENT

black chalk, pen and ink, brush and grey wash, laid paper, mm 128x358

 

Filigrana

parzialmente visibile

 

Provenienza

Firenze, collezione R. Fuda (marchio sul verso del foglio)

 

Estimate    400 / 500
35

Scuola toscana, fine sec. XVI                                             

Scuola toscana, fine sec. XVI                                             

CRISTO ALLA COLONNA                                                       

matita nera, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato, carta azzurra, applicato su supporto cartaceo, mm 152x129                       

                                                                          

Tuscan school, 16th century                                               

CHRIST AT THE COLUMN                                                      

black chalk, pen and ink, brush and wash, pale blu paper, laid down on  paper, mm 152x129                                                         

                                                                          

Provenienza                                                               

Firenze, collezione R. Fuda                                                  

 

Estimate    1.000 / 1.500
36

Scuola lombarda, fine sec. XVI - inizio sec. XVII

Scuola lombarda, fine sec. XVI - inizio sec. XVII

FLAGELLAZIONE DI CRISTO

matita nera, carta azzurra, sfumino, carta vergellata azzurra, mm 415x270

 

Lombard school, late 16th century - early 17th century

CHRIST AT THE COLUMN

black chalk, stump, pale blu laid paper, mm 415x270

 

Provenienza

Firenze, collezione R. Fuda (timbro di collezione sul verso)

 

Si segnalano sul verso altri schizzi di figura e di mani.

 

Estimate    1.200 / 1.800
37

Scuola romana, sec. XVII

Scuola romana, sec. XVII

STUDIO PER PADRETERNO

matita nera, gesso bianco, sfumino, carta beige, mm 264x199

 

Roman school, 17th century

STUDY FOR GOD FATHER

black and white chalk, stump, beige paper, mm 264x199

 

Iscrizioni

"2" e iniziali poco leggibili di cui una una "F" a penna, in basso sul recto.

 

Sul moderno passpartout entro cui è montato il disegno è riportato un appunto a matita in cui si ritiene il disegno preparatorio per il dipinto raffigurante La trinità e Sante martiri di Francesco Cozza (Stignano, 1605 - Roma, 1682) conservato presso la Gemaeldegalerie del Staatliche Museen di Berlino.

 

Estimate    700 / 1.000
38

Scuola bolognese, sec. XVII

Scuola bolognese, sec. XVII                                               

STUDIO PER SAN GIOVANNI BATTISTA                                          

matita nera, gesso bianco, carta grigia, mm 320x256                       

                                                                          

Bolognese school, 17th century                                            

STUDY FOR SAINT JOHN THE BAPTIST                                          

black and white chalk, grey paper, mm 320x256                             

                                                                          

Provenienza                                                               

Firenze, collezione R. Fuda (marchio a secco in basso a destra)           

 

Estimate    500 / 800
Price realized:  Registration
39

Scuola romana, sec. XVII

Scuola romana, sec. XVII

VIANDANTE

matita nera, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato, carta vergellata, mm 186x121

 

Roman school, 17th century

A WAYFARER

black chalk, pen and ink, brush and wash, laid paper, mm 186x121

 

Iscrizioni

"INV. 1185" a matita in basso a destra sul recto

 

Provenienza

Firenze, collezione R. Fuda (marchio sulla cornice che fa da supporto al disegno)

 

Estimate    700 / 1.000
40

Artista dell'inizio del sec. XVII  

Artista dell'inizio del sec. XVII  

PROGETTO DECORATIVO PER UNA CAPPELLA

matita nera, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato, carta vergellata, mm 540x418

 

Artist of early 17th century

A DESIGN FOR A CHAPEL

black chalk, pen and ink, brush and wash, laid paper, mm 540x418

 

Iscrizioni

"B" a penna in alto a destra

 

Provenienza

Firenze, collezione R. Fuda (timbro a secco in basso a sinistra)

 

Estimate    500 / 800
Price realized:  Registration
41

Scuola tosco romana, verso la metà del sec. XVI

Scuola tosco romana, verso la metà del sec. XVI

STUDIO PER UN CORTEO DI MUSICISTI, SOLDATI E ELEFANTI

matita nera, matita rossa, penna e inchiostro, carta vergellata, controfondato, mm 116x164

 

Tuscan Roman school, around the middle of 16th century

STUDY OF A PROCESSION  WITH MUSICIANS, SOLDIERS AND ELEPHANTS

black and red chalk, pen and ink, laid paper, backed mm 116x164

 

Iscrizioni

"musicisti" a penna, presumibilmente autografa, al centro del recto

 

Provenienza

Firenze, collezione R. Fuda (marchio a secco in basso a destra sul recto)

 

Estimate    800 / 1.200
42

Carlo Maratti

Carlo Maratti

(Camerano, 1625 - Roma, 1713)

STUDI PER UN PALA D'ALTARE (recto)

STUDI PER FIGURA FEMMINILE INGINOCCHIATA (verso)

matita rossa, carta vergellata, mm 287x432 circa

 

STUDIES OF AN  ALTARPIECE (recto)

STUDIES FOR A KNEELING FEMALE FIGURE (verso)

red chalk, laid paper, mm 287x432

 

Filigrana

giglio entro cerchio

 

Provenienza

Firenze, collezione R. Fuda (marchio in alto a sinistra sul recto)

 

Carlo Maratti era solito eseguir più schizzi preparatori per ogni sua composizione, provando anche più versioni su uno stesso foglio, proprio come mostra l'esemplare presentato.

La mossa conduzione lineare della matita rossa con cui restituisce sul verso le diverse varianti della figura femminile inginocchiata è la stessa che caratterizza per esempio lo studio conservato presso il Metropolitan Museum di New York con La Vergine Immacolata e Quattro Santi (inv. 62.137), preliminare alla pala con San Giovanni Evangelista che spiega la Dottrina dell'Immacolata Concezione a San Gregorio, Agostino e San Giovanni Crisostomo, destinata alla cappella Cibo in Santa Maria del Popolo a Roma, consacrata nel 1687.

Da un punto di vista compositivo la Madonna con in braccio il Bambino, affiancata da un santo, sul recto, rimanda invece alla tela facente parte dell'arredo della chiesa di Santa Maria in Montesanto a Roma.

Estimate    4.000 / 5.000
43

Ubaldo Gandolfi

Ubaldo Gandolfi

(San Matteo della Decima, 1728 - Ravenna, 1781)

ERCOLE (recto)

NUDO SEDUTO (verso)

matita rossa, carta vergellata, mm 430x280

firmato "Ubaldo Gandolfi" in basso a destra sul recto

 

HERCULES

SEATED MALE NUDE

red chalk, laid paper, mm 430x280

signed "Ubaldo Gandolfi" lower right on the recto

 

Provenienza

Firenze, collezione R. Fuda (timbro a secco in alto a sinistra sul recto)

 

Estimate    2.000 / 3.000
Price realized:  Registration
44

Scuola genovese, sec. XVII

Scuola genovese, sec. XVII                                                

BALAAM E L'ANGELO                                                         

matita nera, penna e inchiostro, carta vergellata, parzialmente applicato su cartoncino, mm 192x271                                                 

                                                                          

Genoese school, 17th century                                              

BALAAM AND THE ANGEL                                                      

black chalk, pen and ink, laid paper, partially laid down on a cardboard, mm 192x271 

 

Filigrana

sole o stella a sei punte entro cerchio sormontato da croce                                                              

                                                                          

Iscrizioni                                                                

"Balamo" a penna in basso al centro sul verso                             

                                                                          

Provenienza                                                               

Firenze, collezione R. Fuda (timbro a secco in basso a sinistra e sul supporto)

 

Grazie a due recenti mostre dedicate all’attività artistica di Sinibaldo Scorza (Voltaggio, 1589 – Genova, 1631) – Sinibaldo Scorza. Favole e natura all’alba del Barocco, a cura di A. Orlando, Genova, Palazzo della Meridiana, 2017, e Sinibaldo Scorza (1589-1631): "avezzo a maneggiare la penna disegnando", a cura di Piero Boccardo e Margherita Priarone, Genova, Musei di Strada Nuova, Palazzo Rosso, 2017 – il corpus di questo pittore si è notevolmente arricchito di nuove tipologie disegnative, non più volte solo a restituire attraverso un meticoloso reticolo segnico animali o vibranti vedute di paese: sono stati infatti resi noti fogli in cui è più attentamente indagata anche la figura umana.

Il disegno presentato potrebbe pertanto rientrare in una produzione ancora malnota di Sinibaldo, dedicata alla realizzazione di opere a grandi figure, di soggetto religioso, di cui a oggi rimangono pochissime testimonianze, quali il Gesù servito dagli angeli della Pinacoteca dei Cappuccini di Voltaggio e l’Immacolata dell’Oratorio di San Giovanni Battista della medesima cittadina.

La resa puntuale, prossima a un lavoro incisorio, di ogni elemento figurativo, avvalendosi di una preliminare e leggera traccia a matita, non sempre visibile, soprattutto dove si fanno più insistiti i tratti paralleli e incrociati a inchiostro, caratterizza anche il nostro foglio, trovando pertanto numerosi riscontri sia tra i disegni conservati presso il Gabinetto Disegni e Stampe di Palazzo Rosso che tra il cospicuo nucleo conservato presso il Muzeum Narodowe di Cracovia.

 

 

Estimate    1.000 / 1.500
Price realized:  Registration
45

Scuola romana, sec. XVII

Scuola romana, sec. XVII

DUE FIGURE ENTRO PAESAGGIO LACUSTRE

matita nera, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato, carta vergellata, applicato su cartoncino, mm 100x138

 

Roman school, 17th century

TWO FIGURES IN A LACUSTRINE LANDSCAPE

black chalk, pen and ink, brush and wash, laid paper, laid down on cardboard, mm 100x138

 

Iscrizioni

"2312" a penna lungo il margine sinistra del supporto; "K n° 50" e "F. Mola" a penna sul restro del cartoncino di supporto.

 

Provenienza

Althorp, collezione E. Spencer (Lugt. 1530); mercato antiquario, Firenze, collezione R. Fuda (marchio a secco in basso a destra sul cartoncino e a inchiostro sul retro)

 

Estimate    2.000 / 3.000
46

Scuola toscana, sec. XVII

Scuola toscana, sec. XVII                                                 

STUDIO PER UNA SCENOGRAFIA TEATRALE CON ACCAMPAMENTO MILITARE             

penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato, carta vergellata, applicato su supporto cartaceo, mm 252x390                                

                                                                          

Tuscan school, 17th century                                               

STUDY FOR A STAGE SET WITH A MILITARY CAMP                                

pen and ink, brush and wash, laid paper laid down on a sheet of paper, mm 252x290                                                                   

                                                                          

Provenienza                                                               

Firenze, collezione R. Fuda                                          

 

Estimate    2.000 / 3.000
47

Artista neoclassico, fine sec. XVIII - inizio sec. XIX                    

Artista neoclassico, fine sec. XVIII - inizio sec. XIX                    

NINFE AL BAGNO CON UN PUTTO CHE STA RUBANDO LE LORO VESTI                 

matita nera, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato, carta

vergellata, mm 186x247                                                    

                                                                          

Neoclassical artist, late 18th century - early 19th century               

NYMPHS BATHING WITH A PUTTO STEALING THEIR CLOTHES                        

black chalk, pen and ink, brush and wash, laid paper, mm 186x247          

                                                                          

Iscrizioni                                                                

leggera iscrizione a matita in basso a destra non leggibile               

                                                                          

Provenienza                                                               

Firenze, collezione R. Fuda (marchio a secco in basso a sinistra)         

 

Estimate    400 / 600
Price realized:  Registration
48

Jacques Courtois, detto il Borgognone

Jacques Courtois, detto il Borgognone

(Saint-Hippolyte, 1628 - Roma 1679)

SCENA DI BATTAGLIA

matita nera, penna e inchiostro, carta vergellata, mm 188x268

 

A SCENE OF A BATTLE

black chalk, pen and ink, laid paper, mm 188x268

 

Filigrana

stella entro cerchio

 

Provenienza

Firenze, collezione R. Fuda (marchio a secco in basso a destra)

 

 

Estimate    500 / 800
Price realized:  Registration
49

Attribuito a Francesco Solimena

Attribuito a Francesco Solimena

(Canale di Serino, 1657 - Barra, 1747)

ALLEGORIA DELLA FEDELTA'

matita nera, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato azzurro, carta vergella, mm 238x116

 

ALLEGORY OF THE FIDELITY

black chalk, pen and ink, brush and pale blue wash, laid paper, mm 238x116

 

Provenienza

Firenze, collezione R. Fuda (marchi a secco in basso a destra sul recto)

 

Il disegno è da mettere in relazione con una delle figure allegoriche dipinte da Francesco Solimena per l'altare Pignatelli della chiesa dei Santi Apostoli a Napoli.

Una tela di analogo soggetto già nella Frederick Mont & Newhouse Galleries di New York, è inoltre documentata grazie a una foto facente parte della collezione della Fototeca Zeri (scheda n. 64239).

 

Estimate    2.000 / 3.000
50

Fedele Fischetti

Fedele Fischetti

(Napoli, 1732 - 1792)

STUDI PREPARATORI PER IL VOLUME PROSE E VERSI PER ONORARE LA MEMORIA DI LIVIA DORA CARAFA (PARMA 1784)

tre disegni, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato grigio, carta vergellata, applicati su supporto cartaceo, mm 234x168

(3)

 

PREPARATORY STUDIES FOR THE BOOK PROSE E VERSI PER ONORARE LA MEMORIA DI LIVIA DORA CARAFA (PARMA 1784)

trhee drawings, pen and ink, brush and grey wash, laid paper, laid down on paper, mm 234x168

(3)

 

Provenienza

Firenze, collezione R. Fuda (marchio a secco sui recti)

 

Celebre per la sua attività di frescante nella reggia di Caserta e all’interno di altri importanti palazzi dell’aristocrazia napoletana, Fedele Fischetti da’ prova su questi tre fogli di grande perizia tecnica e raffinatezza anche nel piccolo formato.

Si tratta dei disegni preparatori, per il frontespizio e altre due tavole, destinati a essere tradotti in incisione e inseriti all’interno del volume intitolato Prose e versi per onorare la memoria di Livia Doria Carafa Principessa del S. R. I. della Roccella, stampato a Parma nel 1784, il cui complesso programma iconografico fu messo a punto da un gruppo di artisti membri dell’Accademia degli Arcadi (cfr. M. Pisani, I ritratti di Livia Dora Caraf principessa di Roccella di Fedele Fischetti e di Giuseppe Sanmartino: un contributo alla ritrattistica napoletana, in “Antologia di Belle Arti, NS, 35/38, 1990, pp. 30-41).

 

Estimate    2.500 / 3.500
Price realized:  Registration
51

Franois Boucher

François Boucher                                                          

(Parigi, 1703  1770)                                                      

DIANA E ENDIMIONE                                                         

matita nera, biacca, carta vergellata, entro montaggio originale di J. B. Glomy, mm 278x374                                                                

                                                                          

DIANA AND ENDYMION                                                        

black chalk, heightened with white, laid paper, laid down on an original Glomy mounting, mm 278x374                                                

                                                                          

Iscrizioni                                                                

"F Boucher" a penna in basso al centro; "F. Bouche" a penna in basso sul montaggio                                                                 

                                                                          

Provenienza                                                               

Parigi, collezione J. B. Glomy (Lugt 1085); mercato antiquario; Firenze, collezione R. Fuda (marchio in basso a destra sul montaggio).             

 

Bibliografia di riferimento

A. Laing, The drawings of François Boucher, New York 2003

 

Disegnatore assai prolifico, François Boucher realizzò su carta una grandissima quantità di soggetti impiegando un variegato ventaglio di tecniche. Cospicuo il nucleo di disegni raffiguranti putti e cupidi e voluttuose figure femminili, nude o drappeggiate, all’interno del quale riuscì a connotare e rendere unico ogni singolo foglio attraverso originali varianti.

Nonostante non possa essere riconosciuto quale progetto per alcuno dei suoi dipinti e soffitti noti, o finalizzato a una traduzione in incisione, ben riconoscibili sono i corpi tondeggianti dei putti alati e la sinuosità dei profili di Diana e Endimione raffigurati sull’esemplare offerto, da considerarsi pertanto autografo del pittore francese. Significativo il confronto per esempio con I cupidi che incoronano le tre Grazie di ghirlande di fiori della collezione W. Dressmann esposto alla mostra organizzata presso la Frick Collection di New York nel 2003 e pubblicato nel relativo catalogo (A. Laing, The drawings of François Boucher, New York 2003, scheda 78, pp. 202-203): la datazione lì proposta, 1760 circa, può essere presa come riferimento anche per il nostro caso. Analogo è l’intento di modellare i volumi attraverso un fitto tratteggio di brevi linee volto a ottenere un maggiore pittoricismo, anche grazie all’uso di sfumino e liquidi rialzi di biacca, rispetto alle prove giovanili dove maggiore risalto era dato alla linea di contorno.

Da rimarcare la provenienza del disegno, in quanto appartenente nella seconda metà del Settecento alla collezione di Jean Baptiste Glomy, esperto conoscitore di grafica e incorniciatore, a cui si deve anche l’invenzione di un nuovo metodo di montaggio per disegni e stampe che riscosse parecchio successo presso i suoi contemporanei.

 

 

 

 

 

Estimate    6.000 / 8.000
Price realized:  Registration
52

Scuola lombarda, sec. XV

Scuola lombarda, sec. XV

CORNICE MINIATA CON FIGURA DI SANTO, DA ANTIFONARIO

tempera, inchiostro e oro su pergamena, mm 576x88 circa

 

Lombard school, 15th century

ILLUMINATION FRAMEWORK WITH SAINTS, FROM AN ANTIPHONARY

tempera, ink and gold on parchment, mm 576x88 approximately

Estimate    3.000 / 5.000
Price realized:  Registration
53

Scuola dell'Italia centrale, sec. XVI

Scuola dell'Italia centrale, sec. XVI

MINIATURA PER INSEGNA (CHORUS)

tempera e inchiostro su carta vergellata, controfondato, mm 238x488

 

Central Italian school, 16th century

SIGN ILLUMINATION (CHORUS)

tempera and ink on laid paper, backed, mm 238x488

 

All'interno della lettera C sono raffigurati due monaci in preghiera; nella cornice racemi fioriti e volatili con al centro dei  lati lunghi due stemmi con iscrizione.

 

Estimate    1.000 / 1.500
54

Scuola tosco romana, sec. XVI

Scuola tosco romana, sec. XVI                                             

FIGURA FEMMINILE CHE DANZA                                                

matita nera, penna e inchiostro, carta vergellata, applicato su cartoncino, mm 175x113 circa                                                          

                                                                          

Tuscan Roman school, 16th century                                         

FEMALE FIGURE DANCING                                                     

black chalk, pen and ink, laid paper, laid down on cardboard, mm 175x113  

                                                                          

Iscrizioni                                                                

"3" a matita sul recto in basso a destra; "Perin del Vaga" e "once 4" a penna sul cartoncino di supporto                                          

 

Estimate    400 / 600
Price realized:  Registration
55

Scuola dell'Italia centrale, seconda met sec. XVI

Scuola dell'Italia centrale, seconda metà sec. XVI                        

FIGURA MASCHILE DI PROFILO                                                

penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato, applicato su supporto cartaceo, mm 120x35                                              

                                                                          

Central Italian school, second half oh 16th century                       

MALE FIGURE SEEN IN PROFILE                                               

pen and ink, brush and wash, laid paper, laid down on paper, mm 120x35    

 

Estimate    800 / 1.500
Price realized:  Registration
56

Scuola lombarda, sec. XVII

Scuola lombarda, sec. XVII

FLAGELLAZIONE DI CRISTO

matita rossa, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquerellato, carta vergellata azzurra, mm 167x225

 

Lombard school, 17th century

THE FLAGELLATION OF CHRIST

red chalk, pen and ink, brush and wash, pale blue laid paper, mm 167x225

 

Il disegno è da mettere in relazione con il dipinto di Pier Francesco Mazzuchelli detto il Morazzone (Morazzone, 1573 – Piacenza, 1626), in collezione privata e pubblicato nella monografia dedicata al pittore (J. Stoppa, Il Morazzone, Milano 2003, p. 196, scheda 21, fig. 21a).

 

Estimate    1.500 / 2.000
57

Scuola tosco romana, sec. XVI

Scuola tosco romana, sec. XVI

PROGETTO PER UNA DECORAZIONE AD AFFRESCO

matita nera, penna e inchiostro, pennello e inchiostro acquarellato, carta vergellata, mm 278x370

 

Tosco Roman school, 16th century

DESIGN FOR FRESCO DECORATION

black chalk, pen and ink, brush and wash, laid paper, mm 278x370

 

Iscrizioni

"Maturino f. [...] Roma" a penna in basso sul recto.

 

Il nome di Maturino da Firenze compare, e così nel nostro caso, in iscrizioni antiche su numerosi disegni dall’attribuzione sempre discussa dalla critica, incerta tra i diversi allievi e seguaci di Raffaello.

Nato a Firenze ma attivo soprattutto a Roma, è Vasari a introdurre la sua figura nella doppia biografia dedicata a lui e a Polidoro da Caravaggio (Caravaggio, ca. 1500 - Messina 1546), citando opere fatte in associazione tra i due, decorazioni di facciate di palazzi, per lo più con monocromi a chiaroscuro o a graffito imitanti i rilievi antichi, la maggior parte andate perdute ma testimoniate da repliche e incisioni contemporanee.

Gli affreschi provenienti dal distrutto Casino Del Bufalo, staccati e oggi conservati, se pur in stato lacunoso, presso il Museo di Roma, sono tra i pochissimi resti di opere di Polidoro e Maturino a noi pervenute (cfr. S. Ginzburg Carignani, Rinascenza dell’antico e lingua moderna negli affreschi del Casino Del Bufalo: Polidoro e Maturino per Angelo Colocci, in Survivals, revivals, rinascenze, Roma 2017, pp. 407-419, con bibliografia precedente).

In mancanza di un sicuro appiglio disegnativo di mano di Maturino da utilizzare quale confronto, possiamo in questa sede limitarci a constatare il plasticismo e il gusto per il dettaglio decorativo che il foglio qui offerto condivide con le scene affrescate appena menzionate: di grande interesse si rivela per esempio accostare l’Andromeda incatenata alla roccia, lì raffigurata, con la capigliatura ondeggiante sulla roccia, alle solide figure alate del nostro disegno, con analoghi capelli fatti di ciocche serpentiformi. 

 

 

Estimate    3.000 / 5.000
Price realized:  Registration
58

Scuola toscana, sec. XVI

Scuola toscana, sec. XVI

MADONNA COL BAMBINO

olio su carta applicata su tavoletta, mm 318x233

 

Tuscan school, 16th century

MADONNA COL BAMBINO

oil on paper, laid down on panel, mm 318x233

 

Iscrizioni

“GIORGIO VASARI 70” a pennello sul retro della tavoletta

 

Evidente il rapporto di filiazione di questa deliziosa Madonna col Bambino dipinta su carta con le numerose prove su questo tema, sia pittoriche che disegnative, di Giorgio Vasari (Arezzo, 1511 – Firenze, 1574). L’abbraccio tra madre e figlio si ritrova del tutto analogo nella tavola conservata presso il County Museum of Art di Los Angeles, identificata con la Sacra Famiglia dipinta dall’aretino a Venezia per il banchiere Francesco Leoni (cfr. U. Baldini, Giorgio Vasari pittore, Firenze 1994, p. 162; tav. p. 53; L. Lehmbeck, a cura di, Gifts of European Art from The Ahmanson Foundation. Vol. 1, in Italian Painting and Sculpture. Los Angeles, Los Angeles County Museum of Art, 2019). La composizione è stata adattata a un formato notevolmente ridotto, mantenendo il solo intreccio tra la Vergine e Gesù Bambino e alcuni dettagli decorativi volti a impreziosire un oggetto evidentemente destinato a un ambiente privato e a una sua osservazione raccolta, aggiungendone di ulteriori. Raffinatissimo il velo trasparente che dalla sommità del capo della Madonna scende sulla sua spalla, quasi a celare la spilla appuntata sulla veste.

I contorni, ondulati ma risoluti, che segnano le forme delle due figure, ribaditi da un sottile tratto a punta di pennello, sono poi gli stessi che caratterizzano i molti fogli autografi di Vasari, così come l’insistito panneggiare che risalta le solide volumetrie dei corpi: si veda per esempio la Sacra Famiglia con Sant’Anna e il Battista del british Museum di Londra (inv. 1895 – 9- 15 – 650) o l’analogo soggetto di un disegno della collezione del Louvre di Parigi (inv. 2087; cfr. F. Härb, The Drawings of Giorgio Vasari (1511 – 1574), Roma 2015, pp. 248-249, schede 104-105), datati entrambi verso il 1545.

 

 

Estimate    5.000 / 8.000
59

Scuola veneta, sec. XVI

Scuola veneta, sec. XVI

LA MADONNA COL BAMBINO APPARE A FANTINO PIZZAMANO

VENEZIA RICEVE LA SPADA DELLA GIUSTIZIA 

coppia di miniature da commissione ducale, tempera, inchiostro e oro su pergamena, mm 210x146 circa

(2)

 

Venetian school, 16th century

MADONNA AND CHILD APPEARING TO FANTINO PIZZAMANO

VENICE RECEVEING THE SWORD OF JUSTICE

a pair of illuminations from a commissione ducale, tempera, ink and gold on parchment, mm 210x146 circa

(2)

 

Bibliografia di riferimento

H. K. Szépe, Venice Illuminated. Power and Paintings in Renaissance Manuscripts, Yale University Press, New Haven and London 2018.

 

La coppia di raffinate miniature fa parte della Commissione del doge Alvise Mocenigo (1570-1577) a Fantino Pizzamano, come è riportato sul testo manoscritto presente sul verso della pergamena raffigurante Venezia mentre riceve la spada della Giustizia, relativa all’incarico del patrizio veneto come capitano di Brescia.

Le Commissioni dogali o ducali erano lussuose presentazioni di contratti che sancivano l’elezione a incarichi amministrativi sul territorio della Repubblica di Venezia: alcune pagine di tali copie manoscritte venivano abbellite con immagini allegoriche e religiose volte a celebrare la carriera politica dell’eletto e naturalmente la Serenissima.

Dopo la fine della Repubblica molti di questi manoscritti furono venduti e smembrati proprio per le loro preziose miniature e per le suntuose rilegature.

Da un punto di vista compositivo le due pergamene offerte sono assai vicine a quella con Girolamo Venier in adorazione della Madonna col Bambino proveniente dalla Commissione per Girolamo di Giovanni Andrea Vernier conservata presso la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia, volta a ricordare il suo incarico di Podestà e Capitano di Capodistria del 1564 (cfr. H. K. Szépe, Venice Illuminated. Power and Paintings in Renaissance Manuscripts, Yale University Press, New Haven and London 2018, p. 29, fig. 0.14): simile è l’impostazione e il protagonismo delle figure all’interno di una cornice dorata, nel nostro caso più riccamente decorata.

Più stringenti confronti stilistici possono invece essere effettuati con alcune esemplari attribuiti al cosiddetto “Morgan Master”. Si tratta di una coppia di miniature per l’elezione di Sebastiano di Fantin Marcello a provveditore e capitano di Salò e della Riviera del Garda nel 1565, oggi nella collezione della Bibliothèque de l’Arsenal di Parigi (cfr. H. K. Szépe, Venice Illuminated, cit., p. 30, fig. 0.16) e di un’altra raffigurante Venezia che riceve la spada della Giustizia (da una Commissione di Antonio di Andrea Bragadin come Podestà di Brescia del 1567) della Pierpont Morgan Library di new York ( cfr. H. K. Szépe, Venice Illuminated, cit., p. 187, fig. 5.40), quest’ultima con una cornice abitata dalle personificazioni delle Virtù come nel nostro caso.

Le figure sono debitrici della cultura artistica veneta contemporanea e in particolare è stato suggerito come confronto i dipinti di Veronese e Giambattista Zelotti inseriti all’interno di fastose decorazioni dorate sui soffitti di Palazzo Ducale a Venezia. Si sottolinea infine il suggestivo naturalismo ritrattistico nella raffigurazione del volto del committente in adorazione della Madonna col Bambino.

 

 

 

Estimate    8.000 / 15.000
60

Scuola italiana, sec. XVII

Scuola italiana, sec. XVII

PROGETTO PER FREGIO DECORATIVO

matita nera, penna e inchiostro, carta vergellata pigmentata di rosso, controfondato, mm 121x360

 

Italian school, 17th century

DESIGN FOR A FRIEZE

black chalk, pen and ink, laid paper coloured in red, backed, mm 121x360

 

Filigrana

cerchio parzialmente visibile

 

Iscrizione

"Lelio da Novellara" a penna in basso al centro sul recto

 

Estimate    1.200 / 1.800
31 - 60  of 197