Opere su carta: disegni, dipinti e stampe dal secolo XV al XIX

Opere su carta: disegni, dipinti e stampe dal secolo XV al XIX

Asta

FIRENZE
Palazzo Ramirez - Montalvo
1 OTTOBRE 2019
ore 15.30

Esposizione

FIRENZE
Venerdì     27 settembre  10-18  
Sabato      28 settembre  10-18
Domenica  29 settembre  10-18
Lunedì       30 settembre  10-18

Tutte le categorie

Visualizzazione tipo lista
Visualizzazione tipo griglia
1 - 30  di 197 LOTTI
12019004751.jpg
Stima   € 800 / 1.200
Aggiudicazione:  Registrazione
12019003693.jpg

Niccolo' Boldrini                                                         

(Vicenza, 1500 circa  Venezia, dopo il 1566)                              

SAN GEROLAMO NEL DESERTO                                                  

xiolografia, controfondata, mm 388x540                                    

                                                                          

SAINT JEROME IN THE DESERT                                                

woodcut, backed, mm 388x540                                               

                                                                          

Bibliografia di riferimento                                               

Passavant VI, p. 235, n. 58; Dreyer, n. 19; Muraro/Rosand n. 29           

                                                                          

Muraro e Rosand citano due disegni preparatori riferiti a Tiziano che sarebbero serviti all'intagliatore per il paesaggio e ipotizzano che il maestro ne avesse forniti altri con particolari quali i tre leoni in primo piano.                                                                    

 

Stima   € 400 / 600
12018002878.jpg

Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto                                

(Venezia, 1697  1768)                                                     

AL DOLO                                                                   

acquaforte, carta vergellata, mm 300x435                                  

firmata in basso a sinistra sulla lastra A. Canal f. e al centro Al Dolo. 

                                                                          

AL DOLO                                                                   

etching, laid paper, mm 30x43,5                                           

lettered on the plate with "A. Canal f." and with the inscription "Al Dolo"                                                                     

                                                                          

Filigrana                                                                 

triplice luna crescente (parzialmente visibile)                           

                                                                          

Bibliografia di riferimento                                               

R. Bromberg, Canalettos Etchings.Revised and enlarged edition of the catalogue raisonné, San Francisco 1993.                                   

                                                                          

Bellissima impressione (II stato su tre) dal segno nitido e brillante su carta vergellata con filigrana poco visibile, presumibilmente la triplice luna crescente presente su altre prove dell'artista. Si tratta della veduta di Dolo, sulle rive del Brenta, con sulla destra la chiesa di San Rocco e sulla sinistra la villa palladiana di Zanon Bon e altri edifici in       lontananza. Un esemplare analogo è conservato presso il British Museum di Londra (1838, 0526.4.4).                                                  

Canaletto iniziò a cimentarsi con la tecnica dell'acquaforte intorno al 1740, utilizzando come soggetti proprio i dintorni di Padova, lungo il fiume Brenta, componendo vedute prese più o meno direttamente dal vero, come nel nostro caso, e altre di invenzione. Dopo questa brevissima stagione che lo vide portare a termine una trentina di tavole di estrema finezza, il pittore veneto non si cimentò più con questo medium.          

 

Stima   € 2.000 / 5.000
Aggiudicazione:  Registrazione
12018002877.jpg

Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto                                

(Venezia, 1697  1768)                                                     

VEDUTA IMMAGINARIA DI PADOVA                                              

acquaforte, carta vergellata, mm 300x435                                  

firmata in basso al centro sulla lastra A. Canal f..                      

                                                                          

IMAGINARY VIEW OF PADUA                                                   

etching, laid paper, mm 30x43,5                                           

lettered on the plate "A. Canal f."                                       

                                                                          

Filigrana                                                                 

triplice luna crescante (parzialmente visibile)                           

                                                                          

Bibliografia di riferimento                                               

R. Bromberg, Canalettos Etchings.Revised and enlarged edition of the catalogue raisonné, San Francisco 1993.                                   

                                                                          

Bellissima impressione (II stato su tre) dal segno nitido e brillante su carta vergellata con filigrana parzialmente visibile, presumibilmente la triplice luna crescente presente in altre prove dell'artista.             

Oltre a reali scorci del padovano, Canaletto si cimentò in vedute immaginarie, tra cui quella qui presentata in cui l'artista è riuscito a creare una grande continuità tra lo sfondo dove si vede la città cinta da mura e il primo piano a cui fanno da quinta sulla sinistra un albero e sulla destra una casetta rurale e un mulino. Gruppetti di persone, carri e carrozze si avviano verso il ponte a tre archi che conduce alla porta, dietro la quale si scorge la cupola della basilica e il campanile. Un esemplare analogo è conservato presso il British Museum di Londra (1838,  

0526.4.11).                                                               

 

Stima   € 2.000 / 5.000
Aggiudicazione:  Registrazione
12019003708.jpg
Stima   € 200 / 300
Aggiudicazione:  Registrazione
12019003701.jpg

Artista del sec. XIX                                                   

L'ANNUNCIO A ZACCARIA                                                     

VISIONE DI SAN FILIPPO NERI,                                              

due disegni, matita nera, penna e inchiostro, acquarello, mm 220x323; mm 201x256       

monogrammati PV                                                           

(2)                                                                       

                                                                          

Artist of 19th century                                                    

THE ANNOUNCEMENT TO ZACCARIA                                              

THE VISION OF SAINT PHILIP NERI                                           

two drawings, pencil, pen and ink, watercolour, mm 220x323; mm 201x256                  

monogrammed PV                                                            

(2)                                                                       

 

Stima   € 600 / 800
12018004569.jpg

Salvatore Busuttil

(Gozo, 1798  1854)

SOLENNE PROCESSIONE VATICANA DEL CORPUS DOMINI

serie di 33 fogli, matita nera, penna e inchiostro, pennello e acquarelli colorati, carta vergellata, mm 300x400 ciascuno, uniti in un'unica striscia arrotolata all'interno di un cofanetto, lunghezza totale m 13 circa

                                                                          

SOLEMN VATICAN PROCESSION OF CORPUS DOMINI

a series of 33 sheets, black chalk, pen and ink, brush and colored watercolor, laid paper, mm 300x400 (each), m 13 (total length)

(33)

                                                                          

Bibliografia di riferimento

La processione del Corpus Domini nelle tavole di Salvatore Busittil(1837-1839), catalogo della mostra (Fondazione Marco Besso, 22 maggio - 30 giugno 2008), a cura di Antonio Martini, Roma 2008.

Un corteo di più di 750 persone si avvia lentamente, preceduto da tre plotoni di soldati in alta uniforme, verso la Basilica Vaticana: si tratta della processione che avviene ogni anno in Vaticano, quando il Pontefice nel giorno del Corpus Domini porta il Santissimo Sacramento per le strade di Roma, offrendolo alla venerazione pubblica.                            

Su una sequenza di 33 fogli il pittore maltese Salvatore Busittil, arrivato a Roma nel 1818 per accedere alla prestigiosa Accademia di San Luca dove entra in contatto con il già affermato Bartolomeo Pinelli, è riuscito a  rendere la straordinaria mutevolezza di un corteo al quale partecipano centinaia di categorie diverse di personaggi, dagli eleganti abiti degli aristocratici ai costumi folcloristici dei popolani, sino ai paramenti dei diversi membri del clero e degli ordini monastici e alle sgargianti uniformi di ufficiali e soldati.                                          

Innegabile è la cura con cui è analizzato ogni più piccolo dettaglio, quasi da ripresa in diretta, come dimostra la sua affinità anche con le cronache del tempo: il parallelo con lopera del già menzionato Pinelli è da questo punto di vista piuttosto calzante nonostante ci sia un certo divario stilistico.                                                               

Ben note sono le versioni stampate e acquarellate di questo soggetto, realizzate da Busuttil tra il 1837 e il 1839, dopo una lunga progettazione, di cui rimane la testimonianza in numerosi disegni - molti dei quali si trovano nella Biblioteca Romana A. Sarti (Accademia di San Luca) -, tra cui si segnalano gli esemplari conservati presso la Biblioteca Casanatense di Roma e la Biblioteca di Archeologia e Storia dellArte della medesima città

(BIASA).         

Non si conosce la destinazione di questa versione disegnata, semplificata nello sfondo e, con ogni probabilità destinata a un committente spagnolo per via delle didascalie che corrono in calce, in spagnolo appunto.       

Identica rimane anche nell'esemplare qui presentato l'estrema sensibilità dell'artista nei riguardi delle variazioni di luci e ombre e nella resa dei vividi colori, attraverso una costante verifica sul naturale.
             

 

Stima   € 10.000 / 15.000
Aggiudicazione:  Registrazione
Λ L'opera è corredata di certificato di libera circolazione
12019003702.jpg

Scuola francese, sec. XIX                                                 

UOMINI IN COSTUMI ALBANESI                                                

coppia di disegni, matita nera, acquarello e tempera, carta vergellata, mm 287x213                                                                   

(2)                                                                       

                                                                          

French school, 19th century                                               

TWO MEN IN ALBANIAN COSTUMES                                              

a pair of drawings, pencil, watercolour and bodycolour,laid paper, mm  287x213                                                                   

(2)                                                                       

                                                                          

Iscrizioni                                                                

"Un Arnaut Domestique du Bacha Bofsarovetz"; "Un Arnaut, ou soit Albanier de la Peuplade du Bacha du Bofsarovetz" a penna sul recto in basso di ciascun foglio. Sul verso di entrambi sono ripetute le stesse frasi.      

 

Stima   € 400 / 600
1 - 30  di 197 LOTTI