Arte Moderna e Contemporanea

Arte Moderna e Contemporanea

Asta

FIRENZE
Palazzo Ramirez-Montalvo
20 GENNAIO 2021
Ore 15.30

Esposizione

FIRENZE
Venerdì      15 gennaio    10-18
Sabato       16 gennaio    10-18
Domenica   17 gennaio    10-18
Lunedì        18 gennaio    10-18

In relazione all’evoluzione dell’emergenza sanitaria in corso, l’accesso all’esposizione e alla sala d’asta potrà essere limitato ad un numero massimo di persone. Vi consigliamo di annunciare la vostra presenza prendendo un appuntamento.


Contatti: 
info@pandolfini.it
Tel. +39 055 2340888
 
 
 
Stima   500 € - 50000 €

Tutte le categorie

Visualizzazione tipo lista
Visualizzazione tipo griglia
61 - 90  di 109
12020008630.jpg
Stima    800 / 1.200
12020009186.jpg

MICHELANGELO PISTOLETTO

(Biella 1933)

Amare

2006

multiplo in acciaio lucidato a specchio

cm 25x113

tiratura di 40 esemplari in numeri arabi e 10 in numeri romani, esemplare X/X

al retro firmato e numerato

 

Love

2006

multiple, mirror-polished stainless steel

25x113 cm

limited edition of 40 samples in Arabic numerals and 10 in Roman numerals, sample X/X

on the reverse signed and numbered

 

L’opera è stata stampata da Arte 3 Milano con progetto di realizzazione per la Galleria Fabjbasaglia di Rimini nel mese di dicembre del 2006.

 

Generare amore, non intolleranza. È questa la missione del maestro Michelangelo Pistoletto che sembra riflettersi nello specchio da lui concepito. La genesi dell’opera è da attribuire al progetto realizzato nel 2007 a Rimini, in cui l’artista presenta Amare, un’opera site-specific, creata in funzione dello spazio in cui è rimasta installata per alcuni mesi: l’arenile della città. Lo specchio collocato lungo la battigia, ha fatto sì che la zona non si presentasse più soltanto come una meta di turismo estivo, bensì come luogo di incontro, come una sorta di agorà culturale di cui l’opera del maestro ne costituisce la grande quinta.
“Lo specchio è il modo per riconoscere la propria identità, per riconoscere sé stessi”, afferma l’artista.
La grande lastra specchiante rivolta verso la città, ovvero verso l’umanità che può riflettersi e trovarsi, ha creato un’atmosfera enigmatica e mimetica in cui lo spettatore, nell’istante in cui percepisce la propria immagine, non può fare a meno di considerare l’ambiente circostante. La città alle sue spalle, porto sicuro che abita ogni giorno e, dall’altra parte, dietro la lastra, il mare: elemento in continuo divenire e che da secoli evoca lo scambio tra popoli e culture. I motivi curvilinei tracciati sulla lastra, sembrano alludere alle linee di confine poste dagli uomini e dalle donne di oggi nei confronti di ciò che è diverso da loro: sia a livello fisico, attraverso muri e barriere, sia a livello concettuale, attraverso pregiudizi e insinuazioni.
Non a caso Pistoletto ha voluto realizzare l’installazione sulla costa del Mar Adriatico, quello stesso mare che si affaccia sui paesi dell’Ex-Jugoslavia, nazioni che per anni hanno vissuto, e tutt’ora percepiscono, uno stato di frammentazione. Amare dunque, è un invito a creare nuove coesioni e ad assumere un senso più civile del futuro.

Questa riproduzione si presenta come un ricordo e rimando costante a quella volontà del maestro, di costruire una società tenuta insieme da un sentimento di autentica solidarietà antropologica.
Il multiplo presentato intende essere un richiamo al verbo Amare e alle sue coniugazioni, su cui “si deve poter tornare a fondare quell’unità e integrità della società civile, di cui l’arte, in quanto attività eccellente dello spirito, si pone a esempio di ogni processo di unità nelle differenze, in cerca di equilibri armoniosi”.

 

 

 

Stima 
  3.500 / 4.500
12020008737.jpg

KAWS

(Jersey City, New Jersey, Stati Uniti 1974)

Gone

2019

cofanetto con litografia e catalogo "Companionship in the Age of Loneliness" e litografia entrambi numerati e firmati a mano dall'autore

litografia stampata su carta Arches aquarelle 300gsm

cm 38x30,5

firmato in basso a destra

edizione di 750 esemplari, esemplare n. 570/750

 

Gone

2019

slipcase with catalogue "Companionship in the Age of Loneliness" and lithography, numbered and signed by the artist

lithography printed on arches aquarelle 300gsm paper

38x30.5 cm

signed lower right

edition of 750 exemplars, exemplar n. 570/750

 

Opera edita in occasione della mostra "KAWS. Companionship in the Age of Loneliness", National Gallery of Victoria, Melbourne, settembre 2019 - aprile 2020.

 

 

Brian Donnelly, alias Kaws, è uno degli artisti più prolifici della sua generazione. Cresciuto nel perimetro della tradizione del graffitismo americano, si forma agli inizi degli anni Novanta affermandosi sulla scena underground di New York con la tag che oggi lo identifica.

Proprio in questi anni sviluppa i personaggi che faranno parte del suo vocabolario espressivo, iniziando a lavorare per brand del calibro di Comme Des Garçons, Nike, Supreme, Marc Jacobs, Kanye West, Dior e Uniqlo.

I suoi lavori, ispirati all’universo dei cartoon e della cultura pop, sono immediatamente riconoscibili, se inizialmente trasmettono un senso di apparente giocosità e sicurezza, l’osservatore più attento può avvertire dettagli inquietanti come i caratteristici occhi a “X”, sigla stilistica dell’artista. Su questo cortocircuito destabilizzante si fonda l’universo di Kaws, un’ibridazione tra un lessico formale e infantile e un’iconografia che riflette sulla solitudine, la precarietà e la morte.

La mostra Kaws: Companionship in the Age of Loneliness, organizzata nel 2019 dalla National Gallery of Victoria di Melbourne, è un’antologica che ripercorre i venticinque anni di carriera dell’artista. Tra i lavori esposti si trova anche Gone, commissionata direttamente dal museo, una statua in bronzo di 7 metri e di 14 tonnellate che raffigura Companion e BFF, i suoi due personaggi più emblematici, modellati in una posa che richiama lo schema iconografico della Pietà di Michelangelo. Questa sorta di versione mutante di Mickey Mouse tratteggia alla perfezione la malinconia insondabile della nostra società, che, ormai pervasa da un crescente senso di solitudine e abbandono, si ostina a celarsi dietro ad una maschera felice e spensierata, sulla scia di quel mondo fiabesco perpetuato dalla Disney.

 

 

 

Stima    2.500 / 4.000
61 - 90  di 109

Top