MOBILI, ARREDI ED OGGETTI D'ARTE DI DECORAZIONE INTERNAZIONALE

MOBILI, ARREDI ED OGGETTI D'ARTE DI DECORAZIONE INTERNAZIONALE

Asta

FIRENZE
Palazzo Ramirez Montalvo
Borgo degli Albizi, 26


26 OTTOBRE 2017
ore 15.30

Esposizione

FIRENZE
21-24 Ottobre 2017
orario 10-13 / 14–19 
Palazzo Ramirez Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
info@pandolfini.it

Tutte le categorie

Visualizzazione tipo lista
Visualizzazione tipo griglia
1 - 30  di 146 LOTTI
201710250100600.jpg
6

Pierre-Philippe Thomire

(1751-1843)

PENDOLA, PRIMO QUARTO SECOLO XIX

in bronzo cesellato e dorato raffigurante Apollo con torcia e lira e Diana con arco, stanti ai lati della cassa di forma architettonica ornata agli angoli da doppia corona legata da nastri, quadrante smaltato con numeri romani firmato Thomire & Cie e Moinet ainé Hr., su base a plinto ornata sul fronte da fregio a torcere dalle quali si dipartono festoni che inquadrano motivi decorativi classici, cm 68x56x19,5

 

Fine realizzatore di opere che si pongono tra le più belle e pure espressioni del primo Impero francese, Thomire ebbe tra i suoi committenti regnanti francesi come Luigi XVI, Napoleone, Luigi XVIII and Carlo X, così come monarchi inglese e famiglie aristocratiche straniere.

Dopo essersi formato all'Académie de Saint-Luc e successivamente con il bronzista Gouthière, iniziò una stretta collaborazione con la Manifattura di Sèvres, occupandosi della realizzazione di montature in bronzo per gli importanti oggetti che venivano realizzati in quegli anni sotto la direzione di Jean-Claude-Thomas Duplessis.

Nel 1809, Napoleone lo nominò Ciseleur de L'Empereur, nomina alla quale seguì quella, per la sua manifattura, di Fournisseur de Leurs Majestés, grazie alle innumerevoli committenze ottenute. Tra queste possiamo ricordare, in collaborazione con l'argentiere Pierre-Philippe, la celebre culla realizzata per il primo erede legittimo dell'imperatore, il re di Roma, su disegno del pittore Pierre Paul Prud'hon. L'attività di Thomire non cessò con la caduta di Napoleone, continuando anche durante la restaurazione la sua attività sotto i Borboni, ricevendo anche la Légion d'Honneur di Louis-Philippe. Ritiratosi nel 1832, la sua manifattura Thomire et Cie rimase in essere fino al 1850

Stima  € 12.000 / 18.000
1 - 30  di 146 LOTTI