Porcellane e ceramiche dai secc. XVIII al XX, Arredi, Oggetti d'arte e mobili antichi, Dipinti antichi

Porcellane e ceramiche dai secc. XVIII al XX, Arredi, Oggetti d'arte e mobili antichi, Dipinti antichi

Asta

Firenze, Palazzo Ramirez Montalvo
Borgo Albizi, 26
19 GIUGNO 2009

Tutte le categorie

Visualizzazione tipo lista
Visualizzazione tipo griglia
1 - 30  di 188 LOTTI
Bottega di Benedetto da Maiano, inizi sec. XVI MADONNA COL BAMBINO, SAN GIOVANNINO E CHERUBINI bassorilievo in terracotta policroma, cm 65x45, entro cornice in legno a tabernacolo di fine Ottocento, cm 113,5x88; sul retro, pannello di copertura, sec. XX,  decorato a finto marmo con stemmi di Siena (la Balzana), di Firenze (il Giglio) e del Monte dei Paschi (la Balzana con i tre monti), probabilmente come dono della banca senese a commemorazione di una occasione celebrativa. restauri e alcune cadute di colore e parte di policromia ripresa Il rilievo riprende da uno dei più fortunati modelli di Benedetto da Maiano, di cui esistono numerosissime altre versioni in collezioni pubbliche e private. Un esemplare simile ma con alcune piccole varianti, in particolare nella resa del cherubino in basso, è conservato presso il Museo Bardini, Firenze, corredato di una cornice a tabernacolo riccamente intagliata a motivi rinascimentali. Unaltra versione antica con una cornice dipinta quattrocentesca è stata recentemente esposta alla Mostra tenutasi a Perugia su Pinturicchio. Questultima, conservata a Perugina presso il Museo della Cattedrale, è un esemplare in terracotta con la stessa composizione ma la policromia diversa, inserita entro un tabernacolo ligneo dipinto a tempera riferito a Nicolò di Priore, documentato a Perugia dal 1473 al 1498. Si ritiene che sia questo che il bassorilievo da noi proposto derivino da un prototipo in terracotta di Benedetto da Maiano databile nei primi anni novanta del Quattrocento, oggi esposto presso il Victoria and Albert Museum di Londra (Pope Hennessy 1964, I, pp. 161-162). Cfr.: Il Museo Bardini a Firenze, a c. di E. Neeri Lusanna e L. Faedo, vol II, Firenze 1986, tev. 247, scheda n. 216, p. 265; P. Scarpellini, in Pintoricchio, a cura di V. Garibaldi e F.F. Mancini, catalogo della mostra, Perugina 2 febbraio-29 giugno 2008, scheda n. 14, p. 194
51

Bottega di Benedetto da Maiano, inizi sec. XVI MADONNA COL BAMBINO, SAN GIOVANNINO E CHERUBINI bassorilievo in terracotta policroma, cm 65x45, entro cornice in legno a tabernacolo di fine Ottocento, cm 113,5x88; sul retro, pannello di copertura, sec. XX, decorato a finto marmo con stemmi di Siena (la Balzana), di Firenze (il Giglio) e del Monte dei Paschi (la Balzana con i tre monti), probabilmente come dono della banca senese a commemorazione di una occasione celebrativa. restauri e alcune cadute di colore e parte di policromia ripresa Il rilievo riprende da uno dei più fortunati modelli di Benedetto da Maiano, di cui esistono numerosissime altre versioni in collezioni pubbliche e private. Un esemplare simile ma con alcune piccole varianti, in particolare nella resa del cherubino in basso, è conservato presso il Museo Bardini, Firenze, corredato di una cornice a tabernacolo riccamente intagliata a motivi rinascimentali. Unaltra versione antica con una cornice dipinta quattrocentesca è stata recentemente esposta alla Mostra tenutasi a Perugia su Pinturicchio. Questultima, conservata a Perugina presso il Museo della Cattedrale, è un esemplare in terracotta con la stessa composizione ma la policromia diversa, inserita entro un tabernacolo ligneo dipinto a tempera riferito a Nicolò di Priore, documentato a Perugia dal 1473 al 1498. Si ritiene che sia questo che il bassorilievo da noi proposto derivino da un prototipo in terracotta di Benedetto da Maiano databile nei primi anni novanta del Quattrocento, oggi esposto presso il Victoria and Albert Museum di Londra (Pope Hennessy 1964, I, pp. 161-162). Cfr.: Il Museo Bardini a Firenze, a c. di E. Neeri Lusanna e L. Faedo, vol II, Firenze 1986, tev. 247, scheda n. 216, p. 265; P. Scarpellini, in Pintoricchio, a cura di V. Garibaldi e F.F. Mancini, catalogo della mostra, Perugina 2 febbraio-29 giugno 2008, scheda n. 14, p. 194

Bottega di Benedetto da Maiano, inizi sec. XVI MADONNA COL BAMBINO, SAN GIOVANNINO E CHERUBINI bassorilievo in terracotta policroma, cm 65x45, entro cornice in legno a tabernacolo di fine Ottocento, cm 113,5x88; sul retro, pannello di copertura, sec. XX, decorato a finto marmo con stemmi di Siena (la Balzana), di Firenze (il Giglio) e del Monte dei Paschi (la Balzana con i tre monti), probabilmente come dono della banca senese a commemorazione di una occasione celebrativa. restauri e alcune cadute di colore e parte di policromia ripresa Il rilievo riprende da uno dei più fortunati modelli di Benedetto da Maiano, di cui esistono numerosissime altre versioni in collezioni pubbliche e private. Un esemplare simile ma con alcune piccole varianti, in particolare nella resa del cherubino in basso, è conservato presso il Museo Bardini, Firenze, corredato di una cornice a tabernacolo riccamente intagliata a motivi rinascimentali. Unaltra versione antica con una cornice dipinta quattrocentesca è stata recentemente esposta alla Mostra tenutasi a Perugia su Pinturicchio. Questultima, conservata a Perugina presso il Museo della Cattedrale, è un esemplare in terracotta con la stessa composizione ma la policromia diversa, inserita entro un tabernacolo ligneo dipinto a tempera riferito a Nicolò di Priore, documentato a Perugia dal 1473 al 1498. Si ritiene che sia questo che il bassorilievo da noi proposto derivino da un prototipo in terracotta di Benedetto da Maiano databile nei primi anni novanta del Quattrocento, oggi esposto presso il Victoria and Albert Museum di Londra (Pope Hennessy 1964, I, pp. 161-162). Cfr.: Il Museo Bardini a Firenze, a c. di E. Neeri Lusanna e L. Faedo, vol II, Firenze 1986, tev. 247, scheda n. 216, p. 265; P. Scarpellini, in Pintoricchio, a cura di V. Garibaldi e F.F. Mancini, catalogo della mostra, Perugina 2 febbraio-29 giugno 2008, scheda n. 14, p. 194
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
1 - 30  di 188 LOTTI