Valdemaro Grifoni - Immagini - itinerari fiorentini, Arte orientale, Reperti archeologici

Valdemaro Grifoni - Immagini - itinerari fiorentini, Arte orientale, Reperti archeologici

Asta

Firenze, Palazzo Ramirez Montalvo
Borgo Albizi, 26
27 OTTOBRE 2009

Tutte le categorie

Visualizzazione tipo lista
Visualizzazione tipo griglia
1 - 30  di 231 LOTTI
Alabastron corinzio Materia e tecnica: argilla rosata, vernice bruna e paonazza, dettagli resi a graffito, modellato a tornio veloce Bocchello a disco, breve collo troncoconico, corpo piriforme; ansa a nastro impostata verticalmente sotto il bocchello;fondo piatto Decorazione: sul bocchello linguette radiali, sul collo falsa baccellatura, ansa verniciata, sul corpo due grandi galli affrontati, coprono lintera superficie disponibile separati da rosette a macchia; sotto lansa tre rosette, sul fondo linguette radiali Produzione: Corinto Stato di conservazione: integro Dimensioni: alt. cm 8,4 Datazione: 625-600 sec. a.C. Cfr.: J.Chamay, J.L. Maier Cé corinthiennes Hellas et Roma T.III s.d. Genè pp.104-107
Amphoriskos corinzio Materia e tecnica: argilla camoscio, vernice bruna con ritocchi a vernice paonazza, dettagli resi a graffito, modellato a tornio veloce Orlo a colletto, breve collo troncoconico a profilo concavo, corpo ovoide rastremato verso il basso; anse a bastoncello impostate verticalmente dal collo alla spalla; peduccio troncoconico Decorazione: sullorlo linee parallele, sul collo zig-zag, sulla spalla linguette radiali, sulla massima espansione teoria di volatili gradienti a sinistra con ali aperte o raccolte sul dorso, nel campo rosette a macchia e puntini; nella parte inferiore linee parallele concentriche, piede verniciato Produzione: Corinto, Pittore degli Amphoriskoi di Palermo Stato di conservazione: integro ad eccezione di un lieve restauro sul collo; lievi cadute di colore Dimensioni: alt. cm 13,5 Datazione: 600-575 sec. a.C. Cfr.: D.A. Amyx Corinthian Vase-Painting of the Archaic Period Berkeley, Los Angeles, London 1988 vol. I pp.227-228, vol. III pl.96
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
Amphoriskos corinzio Materia e tecnica: argilla camoscio, vernice bruna con ritocchi a vernice paonazza, dettagli resi a graffito, modellato a tornio veloce Orlo a colletto, breve collo troncoconico a profilo concavo, corpo ovoide rastremato verso il basso; anse a bastoncello impostate verticalmente dal collo alla spalla; peduccio troncoconico Decorazione: sullorlo linee parallele, sul collo zig-zag, sulla spalla linguette radiali, sulla massima espansione teoria di quadrupedi con un toro gradiente a sinistra con la testa abbassata verso una pantera volta a destra; dietro al toro un leone gradiente a sinistra; nel campo rosette a macchia e puntini; nella parte inferiore linee parallele concentriche, piede verniciato Produzione: Corinto Stato di conservazione: integro Dimensioni: alt. cm 9,5 Datazione: 600-575 sec. a.C. Cfr.: J.Chamay, J.L. Maier Cé corinthiennes Hellas et Roma T.III s.d. Genè pp. 124-127
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
Amphoriskos corinzio Materia e tecnica: argilla giallina, vernice bruna con ritocchi a vernice paonazza, dettagli resi a graffito, modellato a tornio veloce Orlo a colletto, breve collo troncoconico a profilo concavo, corpo ovoide rastremato verso il basso; anse a bastoncello impostate verticalmente dal collo alla spalla; peduccio troncoconico Decorazione: sullorlo linee parallele, sul collo zig-zag, sulla spalla linguette radiali, sulla massima espansione un grande cervo pascente a sinistra con le corna ondulate, di fronte a lui una pantera volta a destra con lunghissima coda ripiegata ad esse sul dorso; nel campo cerchielli, rosette a macchia e puntini; nella parte inferiore linee parallele concentriche, piede verniciato Produzione: Corinto Stato di conservazione: integro Dimensioni: alt. cm 12,5 Datazione: 600-575 sec. a.C. Cfr.: J.Chamay, J.L. Maier Cé corinthiennes Hellas et Roma T.III s.d. Genè pp. 124-127
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
Anfora apula ad anse tortili Materia e tecnica: argilla figulina arancio; vernice nera lucente, suddipinture in bianco e giallo, modellata a tornio veloce Labbro appiattito con orlo ripiegato, alto collo cilindrico a profilo concavo, distinto dal corpo ovoide allungato verso il basso, piede ad echino, anse a tortiglione impostate verticalmente dal collo alla spalla Decorazione  accessoria: sul collo meandro ad onda destrorso e falsa baccellatura, sulla spalla linguette radiali, sotto le anse volute vegetali ed infiorescenze, sotto le scene figurate meandro interrotto da motivo a scacchiera, attacco del piede, bordo esterno e faccia inferiore risparmiati Decorazione: lato A) elegante figura di giovane nudo, seduto a sinistra su un masso coperto dalla clamide ripiegata che scende dal braccio destro; lefebo volge la testa allindietro, ha i capelli dipinti a fitti riccioli, la muscolatura accuratamente delineata, tiene nella mano destra una phiale e nella sinistra un tirso fiorito, porta una collana di perle a bandoliera sul torace ed unaltra alla coscia destra ed una lunghissima armilla ritorta al polpaccio destro; nel campo una rosetta; lato B) figura di giovane donna in movimento verso sinistra in atto di sorreggere una cista nella mano destra ed una collana ed una tenia nella sinistra; la giovane donna ha una stephane sulla fronte, i capelli avvolti da una fascia, collane ed armille ai polsi, indossa un chitone plissettato e ricamato e calzari; nel campo due rosette Produzione: ceramica apula a figure rosse Stato di conservazione: integra Dimensioni: alt. cm 30,7; diam. bocca cm 11 Datazione: IV a.C. Cfr.: A. D. Trendall, A. Cambitoglou The red-figured Vase of Apulia II, Oxford 1982 Corredata di certificato di termoluminescenza

Anfora apula ad anse tortili Materia e tecnica: argilla figulina arancio; vernice nera lucente, suddipinture in bianco e giallo, modellata a tornio veloce Labbro appiattito con orlo ripiegato, alto collo cilindrico a profilo concavo, distinto dal corpo ovoide allungato verso il basso, piede ad echino, anse a tortiglione impostate verticalmente dal collo alla spalla Decorazione accessoria: sul collo meandro ad onda destrorso e falsa baccellatura, sulla spalla linguette radiali, sotto le anse volute vegetali ed infiorescenze, sotto le scene figurate meandro interrotto da motivo a scacchiera, attacco del piede, bordo esterno e faccia inferiore risparmiati Decorazione: lato A) elegante figura di giovane nudo, seduto a sinistra su un masso coperto dalla clamide ripiegata che scende dal braccio destro; lefebo volge la testa allindietro, ha i capelli dipinti a fitti riccioli, la muscolatura accuratamente delineata, tiene nella mano destra una phiale e nella sinistra un tirso fiorito, porta una collana di perle a bandoliera sul torace ed unaltra alla coscia destra ed una lunghissima armilla ritorta al polpaccio destro; nel campo una rosetta; lato B) figura di giovane donna in movimento verso sinistra in atto di sorreggere una cista nella mano destra ed una collana ed una tenia nella sinistra; la giovane donna ha una stephane sulla fronte, i capelli avvolti da una fascia, collane ed armille ai polsi, indossa un chitone plissettato e ricamato e calzari; nel campo due rosette Produzione: ceramica apula a figure rosse Stato di conservazione: integra Dimensioni: alt. cm 30,7; diam. bocca cm 11 Datazione: IV a.C. Cfr.: A. D. Trendall, A. Cambitoglou The red-figured Vase of Apulia II, Oxford 1982 Corredata di certificato di termoluminescenza

Anfora apula ad anse tortili Materia e tecnica: argilla figulina arancio; vernice nera lucente, suddipinture in bianco e giallo, modellata a tornio veloce Labbro appiattito con orlo ripiegato, alto collo cilindrico a profilo concavo, distinto dal corpo ovoide allungato verso il basso, piede ad echino, anse a tortiglione impostate verticalmente dal collo alla spalla Decorazione accessoria: sul collo meandro ad onda destrorso e falsa baccellatura, sulla spalla linguette radiali, sotto le anse volute vegetali ed infiorescenze, sotto le scene figurate meandro interrotto da motivo a scacchiera, attacco del piede, bordo esterno e faccia inferiore risparmiati Decorazione: lato A) elegante figura di giovane nudo, seduto a sinistra su un masso coperto dalla clamide ripiegata che scende dal braccio destro; lefebo volge la testa allindietro, ha i capelli dipinti a fitti riccioli, la muscolatura accuratamente delineata, tiene nella mano destra una phiale e nella sinistra un tirso fiorito, porta una collana di perle a bandoliera sul torace ed unaltra alla coscia destra ed una lunghissima armilla ritorta al polpaccio destro; nel campo una rosetta; lato B) figura di giovane donna in movimento verso sinistra in atto di sorreggere una cista nella mano destra ed una collana ed una tenia nella sinistra; la giovane donna ha una stephane sulla fronte, i capelli avvolti da una fascia, collane ed armille ai polsi, indossa un chitone plissettato e ricamato e calzari; nel campo due rosette Produzione: ceramica apula a figure rosse Stato di conservazione: integra Dimensioni: alt. cm 30,7; diam. bocca cm 11 Datazione: IV a.C. Cfr.: A. D. Trendall, A. Cambitoglou The red-figured Vase of Apulia II, Oxford 1982 Corredata di certificato di termoluminescenza
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
Anfora nicostenica in bucchero vicino allatipo Rasmussen 1979, 1e Materia e tecnica: bucchero nero lucidato a stecca, decorazione ad incisione ed ad impressione, modellata al tornio veloce Orlo arrotondato estroflesso, alto collo troncoconico a profilo concavo, corpo ovoide, piede a tromba, anse a nastro impostate dal labbro alla spalla Decorazione: sulle anse figure femminili di piangenti in atto di tirarsi le trecce; le donne indossano un abito lungo fino a terra e sono rese in modo schematizzato; sulla massima espansione fascia di linee parallele verticali incise delimitate da trattini intagliati Produzione: Etruria meridionale Stato di conservazione: integra; lieve scheggiatura sulla bocca Dimensioni: alt. cm 18,8 Datazione: inizi VI sec. a.C. Cfr.: G. Rasmussen  Bucchero Pottery in Southern Etruria, Cambridge 1979
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
Anfora nolana Materia e tecnica: argilla figulina rosata, vernice nera lucente, coloritura arancio, modellata a tornio veloce Presa arcuata con estremità rettangolare; labbro estroflesso con orlo svasato, collo cilindrico a profilo concavo distinto da una solcatura, corpo ovoide allungato verso il basso, piede ad echino Decorazione accessoria: interamente verniciata, sul collo fascia con volute e girali fitomorfe, sulla spalla falsa baccellatura, ai lati delle scene figurate grande palmetta aperta a ventaglio Decorazione: lato A) figura maschile stante e volta a destra con tenia nei capelli, completamente avvolto in un himation plissettato che lascia scoperta la parte destra del torace, un lungo bastone nella mano destra, dietro di lui una palla avvolta in nastri B) figura femminile stante e volta a destra con i capelli avvolti da una tenia, il braccio destro steso a sostenere una patera, quello sinistro ripiegato a sollevare un lembo del chitone dalla spalla; il piede destro è sollevato e si appoggia su di un masso quadrato creando un movimento ed una serie di pieghe nella veste Produzione: ceramica campana a figure rosse Stato di conservazione: ricomposta da frammenti Dimensioni: alt. cm 30,5; diam.  bocca cm 10,2 Datazione: fine IV sec. a.C.
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
Anforetta in bucchero Forma Rasmussen 1979, 1b 5 Materia e tecnica: bucchero nero lucidato a stecca, decorazione ad incisione, modellata al tornio veloce Orlo arrotondato estroflesso, collo troncoconico, corpo globulare, piccolo piede a disco, anse a nastro impostate dal labbro alla spalla Decorazione: sulle anse linee parallele incise, alla base del collo fascia con triangoli campiti a linee parallele, sul corpo su entrambi i lati airone stilizzato volto a sinistra su motivo a doppia spirale, fra fasci triangolari di linee parallele Produzione: Etruria meridionale Stato di conservazione: ricomposta da frammenti con un restauro sul labbro Dimensioni: alt. cm 19 Datazione: fine VII sec. a.C. Cfr.: G. Rasmussen  Bucchero Pottery in Southern Etruria, Cambridge 1979
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
Aryballos globulare corinzio Materia e tecnica: argilla figulina camoscio, vernice bruna, con  ritocchi a vernice paonazza, dettagli resi a graffito, modellato al tornio Bocchello a disco, breve collo troncoconico, corpo globulare; ansa a nastro impostata verticalmente dallorlo alla spalla; fondo appuntito Decorazione: sul bocchello linguette radiali, orlo puntinato, sullansa motivo sinuoso, sul corpo grande testa maschile volta a destra con elmo crestato di tipo corinzio; sul fondo rosetta ad otto petali; nel campo tre rosette a macchia Produzione: Corinto Stato di conservazione: integro Dimensioni: alt. cm 5,3 Datazione: inizi VI sec. a.C. Cfr.: J. Chamay, J.L. Maier Céramiques corinthiennes Collection du docteur Jean Lauffemberg Lausanne s.d. pp.68-69
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
Aryballos globulare etrusco corinzio Materia e tecnica: argilla giallina, vernice bruna con ritocchi a vernice paonazza, dettagli resi a graffito, modellato al tornio Bocchello a disco, breve collo troncoconico, corpo globulare; ansa a nastro impostata verticalmente dallorlo alla spalla e sormontante; fondo arrotondato con tondello depresso Decorazione: bocchello verniciato, sulla spalla linguette radiali; sul corpo teoria di cigni gradienti a sinistra con le ali ripiegate sul dorso separati da grandi rosette a macchia, sullansa quadrati concentrici incisi Produzione: Etruria centro meridionale, Ciclo dei Rosoni Stato di conservazione: integro Dimensioni: alt. cm 8,2 Datazione: metà VI sec. a.C. Cfr.: La Civiltà degli Etruschi, Electa 1985, p. 167-168, n. 6.41 II
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
Basso bacile imperiale in porcellana, Cina, dinastia Qing, periodo di regno dellimperatore Kangxi (1662-1722), con invetriatura color turchese che lascia scoperta solo la base con basso piede ad anello sulla quale è incisa la marca Da Qing Kangxi nian zhi,  nel periodo di regno dellimperatore Kangxi della grande dinastia Qing racchiusa, come consuetudine, entro un doppio cerchio e strutturata su tre linee di due caratteri in stile regolare (kaishu), come sovente si riscontra sulle porcellane imperiali del periodo Kangxi. La decorazione incisa e sotto vetrina consiste in un drago rappresentato frontalmente che campeggia maestoso al centro e sul fondo del recipiente: intorno al mitico animale le cui zampe a cinque artigli sottolineano ulteriormente come il manufatto fosse destinato esclusivamente alla corte imperiale- sono disposti motivi di nuvole stilizzate mentre il sinuoso corpo del drago è disposto attorno ad una leizhu  o perla fiammeggiante intagliata al centro del bacile. Ulteriori motivi di draghi e nuvole ornano la parete esterna delloggetto mentre un fregio costituito da lingzhi o funghi dellimmortalitàcorre lungo tutto lorlo, diam cm 25 Porcellane con invetriatura color turchese cominciarono ad essere prodotte in Cina nelle fornaci di Jingdezhen, controllate da funzionari imperiali, a partire dalla metà del XV secolo, anche se esemplari così antichi sono rari data la instabilità dei componenti linvetriatura. Le innovazioni tecnologiche introdotte durante la dinastia Qing (1644  1911) permisero di raffinare questa produzione e raggiungere un completo controllo sulla invetriatura turchese, ottenuta da rame fluidificato con potassio, sì da ottenere manufatti come quello qui presentato e caratterizzati da una colorazione brillante simile appunto al turchese.

Basso bacile imperiale in porcellana, Cina, dinastia Qing, periodo di regno dellimperatore Kangxi (1662-1722), con invetriatura color turchese che lascia scoperta solo la base con basso piede ad anello sulla quale è incisa la marca Da Qing Kangxi nian zhi,  nel periodo di regno dellimperatore Kangxi della grande dinastia Qing racchiusa, come consuetudine, entro un doppio cerchio e strutturata su tre linee di due caratteri in stile regolare (kaishu), come sovente si riscontra sulle porcellane imperiali del periodo Kangxi. La decorazione incisa e sotto vetrina consiste in un drago rappresentato frontalmente che campeggia maestoso al centro e sul fondo del recipiente: intorno al mitico animale le cui zampe a cinque artigli sottolineano ulteriormente come il manufatto fosse destinato esclusivamente alla corte imperiale- sono disposti motivi di nuvole stilizzate mentre il sinuoso corpo del drago è disposto attorno ad una leizhu o perla fiammeggiante intagliata al centro del bacile. Ulteriori motivi di draghi e nuvole ornano la parete esterna delloggetto mentre un fregio costituito da lingzhi o funghi dellimmortalitàcorre lungo tutto lorlo, diam cm 25 Porcellane con invetriatura color turchese cominciarono ad essere prodotte in Cina nelle fornaci di Jingdezhen, controllate da funzionari imperiali, a partire dalla metà del XV secolo, anche se esemplari così antichi sono rari data la instabilità dei componenti linvetriatura. Le innovazioni tecnologiche introdotte durante la dinastia Qing (1644 1911) permisero di raffinare questa produzione e raggiungere un completo controllo sulla invetriatura turchese, ottenuta da rame fluidificato con potassio, sì da ottenere manufatti come quello qui presentato e caratterizzati da una colorazione brillante simile appunto al turchese.

Basso bacile imperiale in porcellana, Cina, dinastia Qing, periodo di regno dellimperatore Kangxi (1662-1722), con invetriatura color turchese che lascia scoperta solo la base con basso piede ad anello sulla quale è incisa la marca Da Qing Kangxi nian zhi,  nel periodo di regno dellimperatore Kangxi della grande dinastia Qing racchiusa, come consuetudine, entro un doppio cerchio e strutturata su tre linee di due caratteri in stile regolare (kaishu), come sovente si riscontra sulle porcellane imperiali del periodo Kangxi. La decorazione incisa e sotto vetrina consiste in un drago rappresentato frontalmente che campeggia maestoso al centro e sul fondo del recipiente: intorno al mitico animale le cui zampe a cinque artigli sottolineano ulteriormente come il manufatto fosse destinato esclusivamente alla corte imperiale- sono disposti motivi di nuvole stilizzate mentre il sinuoso corpo del drago è disposto attorno ad una leizhu o perla fiammeggiante intagliata al centro del bacile. Ulteriori motivi di draghi e nuvole ornano la parete esterna delloggetto mentre un fregio costituito da lingzhi o funghi dellimmortalitàcorre lungo tutto lorlo, diam cm 25 Porcellane con invetriatura color turchese cominciarono ad essere prodotte in Cina nelle fornaci di Jingdezhen, controllate da funzionari imperiali, a partire dalla metà del XV secolo, anche se esemplari così antichi sono rari data la instabilità dei componenti linvetriatura. Le innovazioni tecnologiche introdotte durante la dinastia Qing (1644 1911) permisero di raffinare questa produzione e raggiungere un completo controllo sulla invetriatura turchese, ottenuta da rame fluidificato con potassio, sì da ottenere manufatti come quello qui presentato e caratterizzati da una colorazione brillante simile appunto al turchese.
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
Brocca in giada nefrite, Cina, XVIII secolo, periodo degli imperatori Yongzheng (1723-1735) o Qianlong (1736-1795), color bianco lattiginoso con inclusioni bruno-rossastre, lorlo lavorato a intaglio e traforo con decoro di draghi stilizzati ispirati ai motivi ornamentali della bronzistica arcaica, alt.cm 16.5La forma della brocca sembra richiamarsi direttamente a manufatti analoghi realizzati in porcellana bianca durante il periodo di regno dellimperatore Yongle (1403-1425) della dinastia Ming, le cosiddette brocche a forma di  di monaco (sengmao hu), che derivano il loro nomignolo dal profilo dellorlo, simile a quello dei copricapo indossati dai monaci tibetani. La giada bianca utilizzata nella manifattura della brocca, ricavata probabilmente dalle miniere della regione centro-asiatica di Khotan, costituisce un ulteriore richiamo ai versatoi in porcellana del periodo Yongle, mentre il decoro di draghi stilizzati presente sul bordo è in linea con la ripresa di motivi della bronzistica arcaica Shang (XVI-XI sec. a.C.) e Zhou Occidentali (XI sec.  771 a.C.) che caratterizza molta della produzione artistica cinese di corte del XVIII secolo.
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione
1 - 30  di 231 LOTTI