ECCELLENZE E SUCCESSI PER PANDOLFINI: DALLA DEGUSTAZIONE ORGANIZZATA CON LA MAISON PERRIER JOUT AGLI ESITI DELLA PRIMA TORNATA DI VENDITE

Firenze, 22 marzo – Si è appena conclusa la prima tornata d’asta di questa due giorni che Pandolfini dedica alle Eccellenze dei vini italiani ed esteri, preceduta in mattinata dalla prestigiosa degustazione dedicata alla storica Maison Perrier-Jouët.

All’evento, esclusivo, organizzato da Pandolfini nella sua sede di Palazzo Ramirez-Montalvo, sono intervenuti il dottor Leo Damiani direttore Commerciale e Marketing Italia di Perrier-Jouët e l’avvocato Paolo Baracchino che hanno accompagnato gli ospiti, importanti collezionisti e operatori del settore italiani e stranieri, alla scoperta di alcuni vini delle migliori annate selezionati dalla Maison per quest’occasione.

 

Accompagnate dal light lunch studiato appositamente dagli chef dell’eccellenza enogastronomica italiana Enoteca Pinchiorri, protagoniste della degustazione sono state le tre vintage Perrier-Jouët Belle Epoque 2011, 2008 e 2006 e le edizioni speciali Belle Epoque Blanc de Blancs 2004 e Belle Epoque Edition Automne 2005.

Tutte le cuvée Belle Epoque sono l’espressione perfetta dello stile Perrier Jouët, floreale ed elegante, e riflettono l’eccezionale qualità dei suoi vigneti.

In particolare: l’annata 2008 è un vino pieno di vitalità, con un delicato equilibrio tra finezza e struttura mentre il 2006 ha sviluppato una ricchezza aromatica eccezionale che lo ha reso seducente, il 2004, invece, si contraddistingue per la morbidezza arricchita da una armoniosa vivacità.

Diverse anche le due edizioni speciali, il 2005 è un’annata ugualmente stupefacente ed armoniosa che rimanda al pieno autunno, mentre il 2011 risulta rotondo e armonioso e di una freschezza inaspettata.

L’unicità di questo evento si è riverberata anche sul catalogo della vendita, che si è aperto con una selezione di 10 lotti costituiti da bottiglie provenienti direttamente dalle cantine della Maison Perrieri-Jouët, caratterizzati non solo dall’unicità delle annate, ma anche dalla particolarità dei loro formati.

 

Come la degustazione anche la vendita ha registrato un indiscusso successo, tutti venduti i lotti di Belle Epoque tra i quali spicca l’aggiudicazione per 14.450 euro della ricercata Scultura Bi-Centenaire Maison Perrier-Jouët 1998 Edizione Limitata di Daniel Arsham (lotto 10).

 

 

 

Tra gli altri 249 lotti della vendita di oggi 22 marzo, è obbligatorio segnalare il pieno successo della sezione dedicata agli Champagne, sia come percentuale di venduto, 100%, sia come cifre d’aggiudicazione che in larga parte hanno superato di molto le stime ragionate; un successo particolare è da ascrivere alle Maison Krug e Dom Perignon.

Non meno rilevante l’esito ottenuto dalla sezione dei vini francesi nella sua totalità che sfiora il 100% di venduto e fa segnare i top lot della giornata, che sono: 12 bt di Château Mouton Rothschild 2000 in cassa legno (lotto 95) battute a 20.213 euro, il medesimo Château Mouton Rothschild 2000 in cassa legno ma questa volta 6 bt (lotto 94) che è stato aggiudicato per 9.800 euro e le 12 bt di Château Lafitte Rothschild 2000 (lotto 103) che ha chiuso la gara a 15.925 euro.

Altissima anche la percentuale di venduto della sezione dedicata alle etichette italiane in maggioranza toscane, alcune venete e piemontesi come le 2 bt Mg di Barolo Monfortino Riserva Giacomo Conterno 1990 che sono state vendute rispettivamente a 2.818 euro (lotto 252) e 2.695 euro (lotto 253).

 

Nell’insieme la vendita di oggi segna nuovamente dei numeri di primissimo ordine: oltre 420.000 euro di incasso, 98% di venduto, 167% delle stime.

 

Concludiamo questa cronaca ricordando che domani, 23 marzo, la seconda sessione di vendita inizierà, sull’onda dei successi odierni, alle 10.30 sempre nelle sale di Palazzo Ramirez-Montalvo.