DIPINTI DEL SECOLO XIX

Il catalogo della prossima asta di Dipinti del Secolo XIX, in calendario il 14 maggio, comprenderà circa 70 dipinti, nell’insieme una bella selezione di opere a rappresentare al meglio molti volti della produzione pittorica dell’Ottocento.

Nel momento in cui una grande mostra celebra in Italia la stagione del Romanticismo, Pandolfini presenta un inedito di Francesco Hayez, un olio su cartone con un Nudo maschile in posa che, come scrive il professor Mazzocca nella sua scheda, va collocato per le particolari caratteristiche di stile entro il 1822. Caratterizzato da naturalezza e sensibilità nella resa anatomica, il dipinto è in catalogo con la stima di 10.000/15.000 euro (lotto 89).

Altra opera di grande rilievo è Il Teverone, un importante dipinto eseguito nel 1861 durante il soggiorno romano dall’artista piemontese Vittorio Avondo, noto per la sua pittura di paesaggio. Di grande interesse per il collezionismo non solo piemontese l’opera è offerta con una valutazione di 60.000/80.000 euro (lotto 104).

Antonio Fontanesi, maestro celebrato dalla mostra che si tiene a Reggio Emilia e che approfondisce la sua influenza sulla pittorica italiana moderna, è presente in catalogo con l’olio su tela Pascolo a Creys la cui stima è di 15.000/25.000 euro (lotto 115).

Il dipartimento è felice di poter riproporre al pubblico Figura femminile e dragone al Bois de boulogne, un incontro galante che costituisce il soggetto di una deliziosa tavoletta dipinta anche sul verso di Giovanni Boldini, che è proposto per la cifra di 25.000/40.000 euro (lotto 110).

Tutt’altro soggetto domina una grande tela di Fabio Fabbi acquistata dalla famiglia degli attuali proprietari direttamente dal pittore nel 1912: I Sette vizi capitali. Dipinto di grandi dimensioni e forte impatto, firmato e datato 1908, ha una valutazione di 6.000/10.000 euro (lotto 136).

Per quanto riguarda gli artisti toscani la vendita comprende una sezione dedicata alla Maremma, in cui spiccano i bellissimi dipinti di Eugenio Cecconi e Ruggero Panerai.

Dell’artista livornese, presente anche con alcuni disegni, viene proposto Caccia nel bosco all'alba, dipinto che esprime un vivo senso di movimento e una grande forza espressiva pur con l’utilizzo di una tavolozza morbida e smorzata, offerto a 35.000/55.000 euro (lotto 123), mentre di Ruggero Panerai è Cavalli al guado, un’opera in cui si coglie tutta la tristezza della Maremma nel cielo plumbeo e le acque dai riflessi metallici, la cui stima è di 20.000/30.000 euro (lotto 129).

Per concludere, segnaliamo anche la presenza in catalogo di un'affascinante opera divisionista del pittore belga Modest HuysFanciulle sul prato,  una delle rare opere dell'artista in Italia proposta a 7.000/12.000 euro (lotto 122).


Top