Il fascino del mondo antico torna nelle sale di Palazzo Ramirez Montalvo il 23 febbraio 2021 per l’appuntamento di Pandolfini con l’archeologia. Ampia sarà la selezione di marmi antichi, categoria verso cui il pubblico negli ultimi anni ha dimostrato crescente interesse: oltre ad elementi architettonici e arredi marmorei di ville romane di I e II secolo d.C., fra i materiali di maggiore prestigio si segnalano un sarcofago con eroti alati a reggere un clipeo ed alcuni ritratti: un ritratto vicino al tipo iconografico del cd. Scipione/Prete Isiaco , archetipo dell’uomo di potere romano, un ritratto di patrizio databile per lo stile peculiare all’età tiberiana ed una testa di Dioniso, di II secolo d.C., che mostra il dio barbato e coronato di foglie.

Top lot dell’asta è un’eccezionale statua di Afrodite pudica del II secolo d.C., opera realizzata in età romana in marmo greco insulare. La dea, nuda, porta il braccio destro al seno mentre regge con la sinistra la veste: i restauri, databili all’inizio del XIX secolo, all’ingresso della statua nella collezione nobiliare in cui è stata conservata fino ad oggi, hanno interessato solo la parte inferiore del corpo, mentre testa e torso sono rimasti come l’artista romano li aveva creati quasi duemila anni fa.

Sempre restando nel mondo romano, fra le opere d’arte che saranno proposte in asta si segnalano un frammento di affresco con scena paesistica di I secolo d.C., raro ‘quadro’ di oltre due millenni, ed un rilievo con testa di barbaro proveniente da un monumento onorario. Con la stessa stima è proposta un’importante stele di un pretoriano proveniente dalla necropoli fuori porta Salaria e pubblicata per la prima volta nel 1699.

Come di consueto, ampia è la sezione dedicata alla ceramica greca, etrusca ed italiota: possiamo ricordare una grande olpe a rotelle etrusco-corinzia, della metà VI secolo a.C.; un monumentale cratere a mascheroni apulo, del IV secolo a.C., una rara nestoris lucana, declinazione a figure rosse di una forma vascolare locale ed una hydria monumentale apula a figure rosse, alta 72 cm.

Anche il mondo egizio sarà presente nella prossima asta Pandolfini di Archeologia: oltre ad un grande rilievo in arenaria con testa di Osiride verranno proposti una grande maschera con cartonnage, vasi in alabastro ed amuleti, fra cui uno molto raro della dea Sekhmet in faience.     



Highlights dell'asta
Esperti dell'asta
CAPO DIPARTIMENTO

Archeologia

Paolo Persano
CAPO DIPARTIMENTO

Archeologia

assistente

Top