•      ALFA ROMEO 1300 JUNIOR SPIDER 105-91 (1974)

    1 ALFA ROMEO 1300 JUNIOR SPIDER 105-91 (1974) ALFA ROMEO 1300 JUNIOR SPIDER 105-91 (1974) TELAIO N°: AR*1843356 MOTORE: 4 CILINDRI BIALBERO CILINDRATA: 1.290 CM3 POTENZA: 88,4 CV CARROZZERIA: spider Pininfarina Dopo il grande successo della Giulietta e della Giulia Spider, nel 1966 venne presentata la nuova Alfa Romeo Spider basata sul pianale ‘tipo 105’ con la denominazione “Duetto”. Disegnata da Aldo Brovarone e Franco Martinengo per Pininfarina, sarebbe rimasta in produzione per 28 anni con varie modifiche stilistiche e meccaniche nel corso della sua vita. All’inizio della sua lusinghiera carriera, fu la coprotagonista del film di grande successo “Il Laureato”. La versione di maggior successo fu quella di cui oggi offriamo un esemplare, la 1300: quella che permetteva prestazioni sportive con un motore dai costi contenuti. La Duetto offriva un cocktail unico al mondo: la sportività del bialbero Alfa Romeo e la meravigliosa linea della Pininfarina. La vettura in offerta oggi poi è resa ancor più particolare dalla rara livrea blu scuro con interni rossi. Per la verità il colore non è quello originale, in quanto questa Spider nacque con verniciatura Blu Notte ma fu poi riverniciata con un blu leggermente metallizzato usato per l’Alfetta. Essa è messa in vendita dal terzo proprietario, che l’acquistò più di quarant’anni fa e poi la aggiornò con una nuova tinta e le ruote in lega. Per tutti questi anni ne ha avuto molta cura ed ha percorso solo pochi chilometri. La macchina ha targhe e documenti originali e molta documentazione relativa alla sua manutenzione. La vettura è in ottime condizioni meccaniche ma, non essendo stata usata negli ultimi tre anni, per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.   CHASSIS N°: AR*1843356 ENGINE: 4 CYLINDER, DOHC DISPLACEMENT: 1.290 CM3 POWER: 88,4 BHP BODYWORK: OPEN TWO SEATER BY PININFARINA After the Giulietta and Giulia Spider’s success, Alfa Romeo in 1966 launched their new roadster, based on the “105” floorpan. It was designed by Aldo Brovarone and Franco Martinengo at Pininfarina, and was to be in production for 28 years with many modifications along the line. Early in its career, it famously co-starred with Dustin Hoffman in “The Graduate”. The most successful version was the 1300, of which we offer an exceptional specimen here, as it allowed sporting performances with a small and economic engine. As matter of fact, the Alfa Spider offered a unique cocktail: the sporty double cam engine and the elegant Pininfarina line: the best of the Italian automotive style. Today’s car is even more interesting due to its unique livery. Although originally produced with dark blue paint, she was repainted early on by the vendor in a metallic blue finish which was at the time available on the Alfetta saloon. It matches very well with the red upholstery. The vendor acquired it as third owner more than 40 years ago and always cared for it and even improved it with proper alloy wheels and the mentioned respray, using it sparingly. The car has the original registration documents and number plate. This vehicle is in excellent mechanical condition but for safety reasons, we advise the purchaser to have it checked over and to replace the fluids, filters and perishable elements.     Asta conclusa!!! Dettaglio Lotto

  •      MG B ROADSTER 1° SERIE (1964)

    2 MG B ROADSTER 1° SERIE (1964) MG B ROADSTER 1° SERIE (1964) TELAIO N°: 40887 MOTORE: 4 cilindri CILINDRATA: 1798 CM3 POTENZA: 94 CV Il Marchio MG fu fondato negli anni ’20 allo scopo di costruire vetture più sportive ed esclusive basate sulle berline Morris, strategia che continuò per più di cinquant’anni. Dopo una serie di vetture, che tra l’altro ottennero lusinghieri risultati sportivi, tra cui una vittoria di classe alla Mille Miglia del 1933 con Giovannino Lurani, a partire dal 1945 la MG studiò la ripresa della produzione, basandosi sul modello ‘Midget’ TA del 1936. Nel 1955 la MG A rappresentò una rivoluzione stilistica, con una linea finalmente moderna. Nel 1962 le spider MG furono totalmente rinnovate nuovamente con la “B” a scocca portante. La MG B ebbe un successo formidabile e fu prodotta fino alla fine degli anni ‘70, quando la gloriosa MG e la sua storica fabbrica di Oxford chiusero i battenti. Questo modello fu prodotto in tre serie e con motorizzazioni a quattro, sei e perfino otto cilindri. Ma la versione più classica è naturalmente la prima serie con le finiture cromate e il motore 1800 a quattro cilindri, come la vettura che è offerta oggi. Questa MG è stata probabilmente importata dall’estero e targata a Mantova nel 1984, per poi essere reimmatricolata nel 2007 con la targa Verona che porta attualmente. E’ stata completamente restaurata e si presenta in condizioni eccellenti. Il venditore l’ha utilizzata regolarmente e ha effettuato un’accurata manutenzione. La vettura è in ottime condizioni meccaniche, ma per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.   CHASSIS N°: 40887 ENGINE: 4 cylinder DISPLACEMENT: 1798 CM3 POWER: 94 CV LEFT HAND DRIVE MG was founded in te 1920s with the aim of building sporty versions of Morris cars: a strategy that continued successfully for more than 50 years. After a few series of the T Type midget -some of which had great success, among which a class win with Johnny Lurani in the 1933 Mille Miglia- after WW2 MG resumed production and only changed the lines of their cars with the “A” of 1955. In 1962 at last the new car received a more modern chassis-less monocoque. The MG B was born. It was to enjoy a formidable success and was produced until the end of the 1970s, when MG and its Oxford plant were closed. The MG B has been produced in three series and with 4, 6 and even V8 engines. But its best loved version is the classic early first series with its chrome trim and trusty 1800 cm3 engine: just like the car we have on offer today. This MG has probably been imported before being registered in Mantua in 1984, and later it has been re-registered in Verona in 2007 with the number it still carries. It has been completely restored and is in excellent condition. The vendor has regularly used and maintained it, and it is ready to be enjoyed. This vehicle is in good original mechanical condition but for safety reasons, we advise the purchaser to have it checked over and to replace the fluids, filters and perishable elements. Asta conclusa!!! Dettaglio Lotto

  •      JAGUAR XJC (1976)

    3 JAGUAR XJC (1976) JAGUAR XJC (1976) TELAIO N°: 2J52546DN MOTORE: 6 CILINDRI IN LINEA, BIALBERO CILINDRATA: 4235 CM3 POTENZA: 205 CV La Jaguar è stata capace di costruire un vero mito con le sue automobili che univano il lusso assoluto con le prestazioni sportive. Forse il modello più riuscito fu la berlina XJ lanciata nel 1968 e sviluppata fino alla fine degli anni ‘80. Nel 1973, con la Seconda Serie, la gamma XJ si arricchì di una elegantissima versione a due porte. In quel momento storico, sia di qua che di là dell’Atlantico, le grandi berline con due porte e una linea leggermente più sportiva godevano di un momento di successo. Questo modello, declinato col sei cilindri bialbero da 4,200 cm3 e col V12 da 5,300 cm3, fu giudicato unanimemente come il capolavoro di Sir William Lyons. La XJC presentata oggi ha la motorizzazione a sei cilindri da 4,2 litri, molto più semplice della pur fascinosa V12, ed il cambio meccanico: la combinazione perfetta per le strade italiane. La vettura è in buone condizioni ed ha recentemente ricevuto molti interventi per migliorare la parte meccanica, mentre la carrozzeria e gli interni avrebbero bisogno di cure. La vettura è in ottime condizioni meccaniche ma, non essendo stata usata negli ultimi tre anni, per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.   CHASSIS N°: 2J52546DN ENGINE: INLINE 6, DOHC DISPLACEMENT: 4235 CM3 POWER: 170 CV LEFT HAND DRIVE Jaguar Cars has been able to build a real myth with its motor cars which managed to have sporting performance and luxury finish. Perhaps their most successful model was the XJ saloon, launched in 1968 and developed until the end of the 1980s. This model, based on the fabulous six-in-line and later the V12, was once considered the best car in the world and surely Sir William Lyons’ masterpiece. With the Second Series launched in 1973, the XJ range received a very elegant two door version. In that period, on both sides of the Atlantic, big saloons with just two doors and a sportier line were very successful. The XJC we have for sale has the simpler 4,2 litre six cylinder and a manual gearbox: the perfect combination for European touring. The car is in good condition and has recently been worked on to perfect its mechanicals, and it’s now the bodywork and interior turn to receive some good care. This vehicle is in excellent mechanical condition but for safety reasons, we advise the purchaser to have it checked over and to replace the fluids, filters and perishable elements. Asta conclusa!!! Dettaglio Lotto

  •      FIAT PANDA 4X4 2° SERIE (1986)

    4 FIAT PANDA 4X4 2° SERIE (1986) FIAT PANDA 4X4 2° SERIE (1986) TELAIO N°: ZFA141A0005759279 MOTORE: 4 CILINDRI IN LINEA CILINDRATA: 965 CM3 POTENZA: 48 CV Lanciata nel 1980 nelle sue versioni base a trazione anteriore 30 e 45, la Panda è uno dei più grandi successi della Fiat e deve le sue linee, semplici ma accattivanti, al genio di Giorgetto Giugiaro, che più tardi avrebbe ricevuto il titolo di “Designer del Secolo”.  Nel 1983 la gamma venne arricchita dalla versione a quattro ruote motrici, che aveva un avanzato sistema ideato dalla austriaca Steyr-Daimler-Puch. Questo sistema per la prima volta permetteva la trazione integrale ad una utilitaria di larga diffusione col motore trasversale. La vettura offerta è stata comperata da nuova dal venditore (un appassionato collezionista di vetture di pregio), e utilizzata soltanto in condizioni invernali per i trasferimenti dalla sua casa in collina al centro di Bologna: per questi motivi essa ha percorso solo poco più di 35,000 chilometri ed è ancora in condizioni perfette ed originali. La Panda prima serie è ricercatissima e sicuramente una 4x4 monoproprietario e in condizioni eccellenti è oggi una rarità assoluta, il che rende questo lotto estremamente appetibile. La vettura è in ottime condizioni meccaniche ma, non essendo stata usata negli ultimi tre anni, per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.   CHASSIS N°: ZFA141A0005759279 ENGINE: 4 IN LINE DISPLACEMENT: 965 CM3 POWER: 48 CV LEFT HAND DRIVE Launched in 1980 with a front wheel drive drivetrain, the Panda has been one of the most successful Fiat products. It was designed by Giorgetto Giugiaro, later declared “Car Designer of the Century”. In 1983 a new all wheel drive version was added to the range, with an advanced transmission designed by Steyr-Daimler-Puch. This system allowed for the first time to add all wheel drive to a transverse engine economy car. The vendor of this car (a collector of important sports cars) bought this car new and only used it in winter to commute from his home on the Bologna hills to the town. Therefore it has a very low mileage (around 35,000 km or 22,000 miles) and stilli s in perfect and original conditions. First series Pandas are very sought after these days, and surely a one-owner 4x4 in excellent conditions is extremely rare, which makes this lot particularly interesting. This vehicle is in excellent mechanical condition but for safety reasons, we advise the purchaser to have it checked over and to replace the fluids, filters and perishable elements. Asta conclusa!!! Dettaglio Lotto

  •      JAGUAR E TYPE 4.2 2° SERIE OTS (1969)

    5 JAGUAR E TYPE 4.2 2° SERIE OTS (1969) JAGUAR E TYPE 4.2 2° SERIE OTS (1969) TELAIO N° 1R26904 MOTORE: 6 CILINDRI CILINDRATA: 4200 CM3 POTENZA:  265 cv CARROZZERIA: COUPE’ Lanciata al Salone di Ginevra del 1961, la E Type rappresentava il frutto di dieci anni di esperienze nei quali la Jaguar si era sviluppata da piccola Casa provinciale a protagonista della scena mondiale L’artefice di questo successo fu Sir William Lyons, fondatore e dell’azienda. Le sue macchine da corsa avrebbero dato vita alla mitica E Type, grazie ad uno specialista che Lyons aveva ‘rubato’ all’industria aeronautica: Malcolm Sayer. La “E” aveva una scocca centrale alla quale era imbullonato un leggero traliccio di tubi che sosteneva il motore e la sospensione anteriore. Al retrotreno, una sofisticata unità che fungeva da trasmissione e sospensione indipendente. La 1° Serie nacque con il collaudato motore 3.8 bialbero, cresciuto poi a 4.2 nel 1964. La Seconda Serie fu prodotta dal 1967, ed era caratterizzata da luci più potenti e visibili, da una maggiore attenzione alla sicurezza, e da un miglior raffreddamento. Se non fosse stata prodotta in così tanti esemplari, oggi la E Type sarebbe sicuramente tra le vetture più valutate del mercato: d’altronde anche Enzo Ferrari la definì “la più bella automobile del mondo”, nel libro-intervista di Gino Rancati. Ancora oggi, una E Type in ordine offre prestazioni esaltanti, ed al tempo stesso ha una grande comodità (dovuta alla sua sofisticata sospensione, in tutto simile a quella delle grandi berline di lusso Jaguar) che consente di affrontare viaggi lunghi senza problemi. La vettura offerta oggi originariamente fu venduta in America. Importata negli anni ’90, fu restaurata in Italia, con qualche licenza poetica, come il rivestimento del cruscotto in pelle tipo ‘pekari’ invece che nel normale vinile nero. Immatricolata come “Auto d’Epoca” nel 1994, è stata usata regolarmente, come attestato dalle revisioni effettuate. Una E Type coupé nera in Italia non può non far pensare a Diabolik: infatti questa auto è stata usata nelle riprese di un nuovo film che sarà presentato a fine anno. Una soddisfazione in più per chi riuscirà ad aggiudicarsi questa splendida coupé. La vettura è in ottime condizioni meccaniche, ma per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.   CHASSIS N° 1R26904 ENGINE: XK 6 CYLINDER DISPLACEMENT: 4235 CM3 POWER:  265 BHP BODY STYLE: COUPE’ LEFT HAND DRIVE The launch of the E Type in 1961 was the fruit of a ten year development process during which Sir William Lyons established his Company on the markets as well as on the race tracks. Like the racing “D Type”, the E Type had a centre-rear monocoque and a square tube front structure, in addition it received Jaguar’s very sophisticated rear suspension module. The man behind its success was Malcolm Sayer. This model was born with a 3.8 version of the XK engine, then bored to 4.2 in 1964. Later a few body and interior changes gave life to the Second Series, with better lights and a safer cockpit. Had it not been produced in such numbers (around 70,000 units), the E Type would surely be one of the most valuable cars ever: Enzo Ferrari himself told journalist Gino Rancati that it was “the most beautiful car in the world”. Even today, a good E Type like this offers exciting performance, and yet is very comfortable due to its advanced suspension. The E Type on offer today was originally sold in America, then imported and restored in Italy in the 1990s. In the restoration some modifications were carried out, fir instance part of the upholstery is in pigskin instead of vinyl. It was registered in Italy in 1994 and has been regularly used ever since, as testified by the ‘MOT’ stickers on the libretto. The vehicle is in excellent mechanical condition but for safety reasons, we advise the purchaser to have it checked over and to replace the fluids, filters and perishable elements.   Asta conclusa!!! Dettaglio Lotto

  •      MERCEDES-BENZ 230 CLK KOMPRESSOR CABRIO W208 (2000)

    6 MERCEDES-BENZ 230 CLK KOMPRESSOR CABRIO W208 (2000) MERCEDES-BENZ 230 CLK KOMPRESSOR CABRIO W208 (2000) TELAIO N°WDB2084471T050893 MOTORE: 4 CILINDRI CON COMPRESSORE CILINDRATA: 2295 CM3 POTENZA: 142 KW CARROZZERIA: CABRIOLET La serie 208 fu la prima delle CLK (la sigla significa Coupé Leggero Corto), prodotta in versione Coupé e Cabriolet in sostituzione della serie 124. Contrariamente al passato, la vettura era basata sulla Classe C e non sulla E. Di conseguenza, si trattava di una vettura sofisticata, che però conspanideva la scheda tecnica con una serie di grande diffusione. La Cabriolet fu presentata nel 1998, ma già nel 1999 la vettura viene aggiornata e dotata di accessori sofisticati che la rendono ancora più esclusiva. La vettura proposta oggi è dotata della meccanica più generosa, con quasi 200 cavalli, e rappresenta una buona sintesi tra la comodità e il lusso delle Mercedes di alta gamma e le dimensioni più adatte alle nostre strade. Per i tradizionalisti amanti della Stella, poi, il richiamo alle grandi SSK e alle Frecce d’Argento col loro compressore non potrà essere ignorato. Con 142,000 chilometri è appena uscita dal rodaggio e si presenta in ottime condizioni. La vettura è in ottime condizioni meccaniche, ma per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.   CHASSIS N°WDB2084471T050893 ENGINE: 4 CYLINDER WITH COMPRESSOR DISPLACEMENT: 2295 CM3 POWER: 142 KW BODYWORK: CABRIOLET LEFT HAND DRIVE The 208 series was the first CLK (which stands for Coupé Light Short), produced as Coupé and Cabriolet after the series 124. This time around, it was not based on the E Class, but on the smaller C Class. Consequently, it was a sophisticated motor car, which nevertheless shared its oily bits with models produced in great volume. The Cabriolet version was launched in 1998, and the next year it was already modernised with sophisticated accessories which pushed it even higher in the Mercedes lineup. The car on sale today is fitted with the more powerful engine, with almost 200 bhp, and is a good blend between the typical Mercedes comfort and luxury and the compact dimensions more enjoyable on European roads. For the traditional Mercedes-Benz enthusiasts, it also have the irresistible charm of the lobe compressor, as used on the classic SSKs and Silver Arrows. With just 142,000 kms (less than 89,000 miles) it is nicely run in and in very good conditions. This vehicle is in good original mechanical condition but for safety reasons, we advise the purchaser to have it checked over and to replace the fluids, filters and perishable elements.   Asta conclusa!!! Dettaglio Lotto

  •      LANCIA FULVIA COUPE’ 1.3S SECONDA SERIE (1972)

    7 LANCIA FULVIA COUPE’ 1.3S SECONDA SERIE (1972) LANCIA FULVIA COUPE’ 1.3S SECONDA SERIE (1972) TELAIO N° 818.630*021601 MOTORE: 4 CILINDRI A V CILINDRATA: 1298,26 CM3 POTENZA: 90 cv   La Fulvia era una vettura di concezione innovativa, con la trazione anteriore, con uno schema mutuato da quello della Flavia, basato su un telaietto separato che conteneva motore, trasmissione e sospensione e che quindi era facilmente smontabile dalla struttura scatolata della vettura. Mentre la Fulvia berlina iniziava con successo la sua carriera, veniva impostata e progettata la Fulvia Coupé: un modello ‘extra’ realizzato in casa. Il passo ridotto di 150 mm. e la carrozzeria più leggera ed aerodinamica, unitamente al motore più potente, permisero immediatamente alla Fulvia Coupé di distinguersi dalla berlina anche sul piano delle prestazioni. Con la Seconda Serie la Fulvia Coupé guadagnò il cambio a cinque marce, l’impianto frenante sdoppiato e motore da 90 cavalli dotato di due carburatori. Con un peso di soli 970 chili la Fulvia 1.3 S aveva prestazioni eccezionali. Dal momento dell’acquisto da parte del venditore, nel 2015, alla vettura sono stati dedicati i seguenti interventi:

    • Riverniciatura completa;
    • Ripristino completo motore, con due carburatori nuovi;
    • Ripristino impianto frenante;
    • Sostituzione ammortizzatori;
    • Sostituzione pneumatici;
    • Pulizia e plastificazione serbatoio;
    • Controllo impianto elettrico e montaggio interruttore ventola;
    • Sostituzione orologio;
      La vettura che vi presentiamo in asta è praticamente nuova e rappresenta una ghiotta occasione di aggiudicarsi per chi cercasse una Fulvia Coupé in ottime condizioni ad un prezzo interessante. La vettura è in ottime condizioni meccaniche, ma per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.   CHASSIS N° 818.630*021601 ENGINE: V4 DISPLACEMENT: 1298,26 CM3 POWER: 90 bhp LEFT HAND DRIVE   The little Fulvia was an innovative front wheel drive automobile, derived from the Flavia, sharing its monocoque front cradle structure. While the saloon was being launched, Lancia was already working on the coupé: a special version which was designed in house. Wheelbase was reduced by 150 mm., and the body was lighter and more aerodynamic which, thanks to engines which were marginally more powerful, gave the new model a very sporty positioning. With its Second Series the Fulvia Coupé got a five speed gearbox, a double brake system and a 90 horsepower double carburettor engine. With just 970 kg the Fulvia 1.3 S had great performance. Since buying it in 2005, the vendor has completely restored this Fulvia with utmost care:
    • Complete repaint;
    • Engine rebuild, with two new carbs;
    • Braking system rebuild;
    • New shock absorbers;
    • New tyres,
    • Fuel tank clean de-rust and coating;
    • Complete wiring reconditioning with new clock and fan switch.
    This car consequently is practically new and a very rare opportunity for someone looking for a pristine Fulvia Coupé at an attractive price. This vehicle is in excellent mechanical condition but for safety reasons, we advise the purchaser to have it checked over and to replace the fluids, filters and perishable elements.     Asta conclusa!!! Dettaglio Lotto

  •      JAGUAR XJ6 SOVEREIGN 4.2 (1983)

    8 JAGUAR XJ6 SOVEREIGN 4.2 (1983) JAGUAR XJ6 SOVEREIGN 4.2 (1983) TELAIO N°: SAJJCALP4CC350682 MOTORE: 6 CILINDRI IN LINEA, BIALBERO CILINDRATA: 4235 CM3 POTENZA: 205 CV La Jaguar è stata capace di costruire un vero mito con le sue automobili che riuscivano a unire il lusso assoluto con le prestazioni sportive. Forse il modello più riuscito fu la berlina XJ lanciata nel 1968 e sviluppata fino alla fine degli anni ‘80. Questo modello, declinato col sei cilindri bialbero in varie cilindrate dai 2,800 ai 4,200 cm3, e col V12 da 5,300 cm3, fu giudicato unanimemente come il capolavoro di Sir William Lyons, e la sua longevità lo prova. La vettura presentata oggi appartiene alla Terza Serie, che era stata molto rinnovata con un intervento della Pininfarina, con paraurti ad assorbimento di energia, maniglie a filo e una linea del padiglione più moderna. La vettura è in buone condizioni ed è stata costantemente curata nella sua manutenzione ordinaria e straordinaria dal proprietario che la pone in vendita per inutilizzo. Si tratta di una elegantissima Jaguar che rappresenta un’ottima opportunità per acquistare un bellissimo esemplare dell’ultima serie della Jaguar XJ, l’ultimo capolavoro di Sir William Lyons. La vettura è in ottime condizioni meccaniche ma, non essendo stata usata negli ultimi tre anni, per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.   CHASSIS N°: SAJJCALP4CC350682 ENGINE: XK 6 IN LINE, DOHC DISPLACEMENT: 4,235 CM3 POWER: 205 bhp LEFT HAND DRIVE Jaguar Cars has been able to build a real myth with its motor cars which managed to have sporting performance and luxury finish. Perhaps their most successful model was the XJ saloon, launched in 1968 and developed until the end of the 1980s. This model, based on the fabulous six-in-line and later the V12 was once considered the best car in the world and surely Sir William Lyons’ masterpiece. The car we are offering today is a Third Series, which had been modernised with the help of Pininfarina and received new energy-absorbing bumpers, flush handles and a new line of the glasshouse, which practically turned it into a new car. It is in good conditions having always been cared for by its owner, who decided to sell it as he is not driving it enough. It is a most elegant Jaguar saloon offered in good conditions at a very reasonable price. This vehicle is in excellent mechanical condition but for safety reasons, we advise the purchaser to have it checked over and to replace the fluids, filters and perishable elements.   Asta conclusa!!! Dettaglio Lotto

  •      Fiat 600 D ZAGATO ELABORAZIONE (1965)

    9 Fiat 600 D ZAGATO ELABORAZIONE (1965) Fiat 600 D ZAGATO ELABORAZIONE (1965) TELAIO N° 2034124 MOTORE: 4 cilindri in linea CILINDRATA: 767 CM3 POTENZA: 31,5 cv CARROZZERIA: BERLINA La 600 fu presentata al Salone di Ginevra del 10 marzo 1955, mentre al Settembre 1960 risale la 600D, che aveva un motore portato a 767 cm3 e 29 cavalli. La vettura che proponiamo oggi, immatricolata nel 1965, è un pezzo unico in quanto appartiene ad un esiguo numero di vetture speciali, di cui non risulta ad oggi nessun’altra sopravvissuta. Sicuramente ne sono state realizzate pochissime decine, contro i più di un milione e mezzo di esemplari di 600D. A rendere questa vettura unica è il fatto che si tratta di un esemplare elaborato e venduto direttamente dalla Carrozzeria Zagato, e modificato praticamente in tutti i suoi aspetti rispetto alla 600D di serie. Gli stessi documenti di circolazione originali riportano la dicitura “Dichiarazione di vendita rilasciata da: Carrozzeria ZAGATO S.p.A. Milano”. Il logo della Zagato è infatti presente in molte posizioni, tra cui le coppe ruota, il cruscotto e le fiancate. Dal punto di vista estetico, questa 600 è arricchita dalla verniciatura bicolore e da tutta una serie di accessori specifici sia all’interno che all’esterno, come ad esempio la strumentazione specifica, il volante Nardi, la tappezzeria speciale e i bellissimi cerchi in lega Borrani con coppe specifiche. Contrariamente a quanto avveniva normalmente, alle modifiche estetiche in questo caso corrispondono altrettante modifiche meccaniche: la macchina porta infatti una elaborazione completa eseguita, per conto di Zagato, dalla Stanguellini. Storica concessionaria Fiat di Modena, la Stanguellini produceva anche macchine da corsa derivate, ed era in quel periodo molto più conosciuta e prestazionale della stessa Abarth. Il motore è stato completamente elaborato e monta parti speciali, come ad esempio la testata e tutto l’impianto di scarico. Il libretto di circolazione riporta: “Derivata Zagato Elaborazione Milano. Il motore modello 100D000 nr. 2233518 è stato trasformato e potenziato”. Questa rarissima 600 è sempre stata conservata in modo maniacale dalla stessa famiglia fino all’acquisto da parte del venditore pochi anni fa, ed oggi si presenta in condizioni magnifiche, tanto che essa rappresenta sicuramente una delle più rare e più belle 600 rimaste. E’ dotata delle sue targhe e documenti originali e di un Certificato di Rilevanza Storica emesso dall’ASI. E’ inoltre omologata dal Registro Storico Fiat. La vettura è in ottime condizioni meccaniche, ma per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.   CHASSIS N° 2034124 ENGINE: 4 CYLINDER IN LINE DISPLACEMENT: 767 CM3 POWER: 31,5 BHP BODY: SALOON The 600 was launched at the Geneva Motor Show on March the 10th, 1955, and its revised 600D version with an enlarged engine of 767 cm3 and 29 bhp in September 1960. The car on offer today was registered 1965, is unique as it comes from a tiny number of special units, of which no other survivor is known. What makes it unique is the fact that it was modified and sold directly by Carrozzeria Zagato. The registration papers say: “Sales Declaration released by: Carrozzeria ZAGATO S.p.A. Milano”. The Z logo is on the dashboard, on the hubcaps and on the sides of the car. Externally, this 600 shows a duo-tone paint and a host of accessories, such as special gauges, Nardi steering wheel, special upholstery and beautiful Borrani alloy wheels with unique hubcaps. Mechanically, it was also tuned by none other than Stanguellini of Modena, then a more successful competitor of Abarth. The engine has been made more powerful and has a special Stanguellini head and a one off exhaust system. The “libretto” says: “Derivata Zagato Elaborazione Milano. Il motore modello 100D000 nr. 2233518 è stato trasformato e potenziato”. This super rare 600 has always been kept in perfect conditions by the same family until the vendor bought it a few years ago, and today is as good as new and has an ASI Certificate of Historic Interest, and original plates and papers. It i salso recognised by the Registro Storico Fiat. The vehicle is in excellent mechanical condition but for safety reasons, we advise the purchaser to have it checked over and to replace the fluids, filters and perishable elements.   Asta conclusa!!! Aggiudicazione:
    Registrazione
    Dettaglio Lotto

  •      JAGUAR XJS Coupé (1992)

    10 JAGUAR XJS Coupé (1992) JAGUAR XJS Coupé (1992) TELAIO N°: SAJJNAEW4EN180068 TARGA: Roma 9F6098 MOTORE: 12 CILINDRI a V CILINDRATA: 5345 CM3 POTENZA: 280 CV   La XJ-S fu la sportiva più longeva di tutta la gamma Jaguar. Agli albori degli anni ’90 fu presentata una nuova serie –a cui appartiene la vettura qui proposta- che era il risultato di un importante programma di miglioramento ed ammodernamento della gamma, che coinvolse ben 1200 modifiche rispetto alla versione precedente. In pratica, era una macchina nuova, ed anche la fabbrica e i metodi di produzione erano stati ammodernati per essere in grado di fornire un prodotto qualitativamente di classe molto elevata Grazie a tutte le modifiche apportate, la XJS entrò nel suo ultimo decennio con rinnovato successo, e mantenne una produzione elevata sino al 1996. La vettura in asta, in condizioni pari al nuovo malgrado una percorrenza di circa 131,000 chilometri, si presenta con una elegantissima livrea in Dorchester Grey con interno in pelle Doeskin. E’ omologata ASI con targa oro. Utilizzata frequentemente, ma per pochi chilometri, dall’attuale proprietario, è sempre stata mantenuta in perfetta efficienza. Negli ultimi dodici mesi ha ricevuto unimportante e costoso intervento all’impianto di climatizzazione. E’ una vettura pronta per continuare il suo servizio di GT di lusso in uso quasi quotidiano con il fortunato acquirente che se l’aggiudicherà, godendo del piacere esclusivo che solo una GT a dodici cilindri può dare. La vettura è in ottime condizioni meccaniche, ma per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.   CHASSIS N°: SAJJNAEW4EN180068 ENGINE: V12 DISPLACEMENT: 5345 CM3 POWER: 280 BHP LEFT HAND DRIVE   The XJ-S has been the Jaguar sports car with the longest life. In the early 1990s it was completely modernised and a new series was launched. This car belongs to that series and benefits from over 1200 improvements and changes. It practically was a new model. The new XJ-S enjoyed its last decade of life with more and more success, beating the previous versions sales stats, and sailing on until 1996. This motor car has been driven for 100,000 km (less than 82,000 miles) and is like new. It has a very elegant livery of Dorchester Grey with Doeskin leather upholstery, and has the coveted ASI “Targa Oro” certificate. The vendor has enjoyed it for many years and has used it frequently, always maintaining it in perfect efficiency. In the past months it has received a comprehensive and expensive overhaul of the climate system. This XJ-S is exceptional because it has been spared the usual years of neglect by pennyless owners and it has always been maintained expensively with no regard for its commercial value. Needless to say, it is one of the coolest V12 GTs for the money. This vehicle is in excellent mechanical condition but for safety reasons, we advise the purchaser to have it checked over and to replace the fluids, filters and perishable elements. Asta conclusa!!! Dettaglio Lotto