Archeologia

Archeologia

Asta

FIRENZE
Palazzo Ramirez-Montalvo

18 DICEMBRE 2019
ore 15.30

Esposizione

FIRENZE
Giovedì        12 dicembre   10-18
Venerdì        13 dicembre   10-18
Sabato         14 dicembre   10-18
Domenica    15 dicembre   10-18
Lunedì         16 dicembre   10-18

Palazzo Ramirez-Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
info@pandolfini.it

Tutte le categorie

Visualizzazione tipo lista
Visualizzazione tipo griglia
61 - 90  di 212 LOTTI
12019004788.jpg

COLLEZIONE DICHIARATA DI ECCEZIONALE INTERESSE ARCHEOLOGICO

 

a) TESTA DI AFRODITE

MONDO ROMANO, I-II SECOLO d.C.

 

Testa a grandezza naturale in marmo bianco a grandi cristalli. La dea è raffigurata assorta, con ampia fronte, gli occhi rivolti verso il basso e fortemente chiaroscurati. Un fine modellato muove gli zigomi e le labbra carnose schiuse. H. 18 cm.

 

Provenienza

Christie’s 29-30 ottobre 1996, lotto 622 Mauerbach, oggetti depredati dai nazisti posto in vendita per

le vittime dell’Olocausto

 

b) URNETTA CINERARIA

CHIUSI, METÀ II SECOLO d.C.

 

Urnetta quadrangolare decorata sulla fronte con scena dell’eroe che combatte con l’aratro (Echetlo), in atto di abbattere un guerriero inginocchiato che si ripara con uno scudo rotondo. Ai lati due armati che si dirigono verso la figura centrale. Dim. 39,5x20,4x22  cm

 

c) URNETTA CINERARIA

CHIUSI, SECONDA METÀ II SECOLO a.C.

 

Urnetta quadrangolare decorata sulla cassa con la scena di combattimento fra i due fratelli Eteocle e Polinice, per la supremazia su Tebe.  Il  momento  raffigurato  è  quello  dell’uccisione  vicendevole.

Eteocle, a sinistra, sembra uscire vittorioso dal combattimento e affonda con la destra la propria spada nella gola del fratello Polinice, afferrando con la sinistra il bordo dello scudo con cui l’altro si copre. Questi, caduto sulle ginocchia, ha perso il suo elmo che è rotolato a terra fra le gambe del fratello, ma riesce egualmente ad affondare la propria spada nel ventre di Eteocle. Ai lati due demoni femminili alati con corto chitone. Entrambe le figure calzano stivali e tengono faci accese, stendendo ciascuna un braccio verso i guerrieri moribondi che stanno per accompagnare nell’aldilà. 43,5x21x26 cm.

 

d) COPERCHIO DI URNA NON FINITO

VOLTERRA, II – I SECOLO a.C.

 

Coperchio di urna cineraria volterrana in alabastro, raffigurante il defunto come banchettante, sdraiato a sinistra su una kline, appoggiato sul gomito sinistro ad un cuscino, a torso nudo con corona floreale fra i capelli, nell’atto di sorreggere una patera nella mano destra. 50x23x30 cm.

Questo coperchio è una delle rarissime testimonianze di coperchi la cui lavorazione è stata interrotta prima della politura finale (forse a causa della rottura accidentale di un angolo). Si possono vedere le tracce degli strumenti usati.

 

e) COPERCHIO DI URNA

VOLTERRA, FINE II – INIZI I SECOLO a.C.

 

Coperchio  di  urna  cineraria  volterrana  raffigurante  la  defunta come banchettante, sdraiata a sinistra su una kline, appoggiata sul gomito sinistro ad un doppio cuscino. La testa è velata e la figura è decorata da una collana a torques e armille ai polsi. La donna indossa un chitone fermato in vita da una cintura e tiene il braccio destro steso lungo il fianco. Non comune è il fatto che la scultura sia scolpita anche sul retro. 73x27x48 cm.

 

f) SPECCHIO

ETRURIA CENTRO MERIDIONALE, IV SECOLO a.C.

 

Specchio a disco con manico a verga sagomato. La decorazione, ad incisione, sulla parte non riflettente, è costituita dalla coppia dei Dioscuri Castore e Polluce, figli di Zeus e Leda. I giovani sono nudi e con clamide sulle spalle. Lungh. cm. 25,4; diam. cm. 18.

 

g) COPERCHIO DI URNETTA

ETRURIA, CHIUSI (?) , SECONDA METÀ II SECOLO a.C.

 

Coperchio di urnetta raffigurante il defunto sdraiato verso sinistra sul letto, avvolto nel suo himation e con testa affondata in due morbidi cuscini. Si conservano chiare tracce di colore: rosa sui capelli, avorio il volto, bianco il mantello, cuscini e bordo in rosa e giallo.

 

h) TESTA FEMMINILE

ROMA, II-III SECOLO d.C.

 

Testa-ritratto di donna con complessa acconciatura di trecce avvolte a cercine intorno alla testa. Nonostante la marcata alterazione delle superficie si vedono i capelli che coprono parte delle orecchie e gli occhi a mandorla. H. 23,8 cm.

Stima    10.000 / 15.000
12018008392.jpg
Stima    4.000 / 6.000
61 - 90  di 212 LOTTI