Libri, manoscritti e autografi

20 GIUGNO 2017

Libri, manoscritti e autografi

Asta, 0215
FIRENZE
Palazzo Ramirez-Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
ore 10.30
Esposizione
FIRENZE
16-19 Giugno 2017
orario 10-13 / 14–19 
Palazzo Ramirez-Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
info@pandolfini.it
 
 
 
Stima   150 € - 25000 €

Tutte le categorie

61 - 90  di 122
61

(Pisa – Illustrati 800) LASINIO, Giovanni Paolo. Peintures à fresque du Camposanto de Pise dessinées par Joseph Rossi et gravées par J. P. Lasinio fils. Florence, Imprimerie a l'enseigne du Dante, 1833.

In folio (490 x 325 mm). [vi] 42 [2] pp. seguite da [46] tavole protette da veline. Mezzo marocchino scuro con angoli coevo, piatti rivestiti in percallina verdone con al centro ghirlanda dorata, monogramma “P. P.” al piatto anteriore, dorso con tioli e decorazioni in oro. Leggere fioriture marginali, qualche abrasione alla legatura, per il resto bella copia.

                     Rara edizione francese della celebre opera di Carlo Lasinio (1759-1838) dedicata al Camposanto di Pisa, di cui l’incisore divenne conservatore nel 1807, tentando di salvare la struttura e i suoi affreschi dalla rovina, qui magnificamente riprodotti nelle tavole incise dal figlio Giovanni Paolo. Lo stile puro di queste acqueforti ebbe un notevole influsso sui Preraffaelliti; esse costituiscono inoltre una importante testimonianza degli affreschi, danneggiati durante la Seconda Guerra Mondiale. Il presente esemplare appartenne al Professor Paolo Pellizzari (1823-1892), grande venereologo fiorentino.

                                                                          

                                                                          

Stima    500 / 600
62
Stima    300 / 400
Aggiudicazione:  Registrazione
63

(Edizioni di pregio  Illustrati 800) MANET, É  COROT, Jean Baptiste       

MILLET, Jean-Franç et al. Sonnets et Eaux-fortes. Paris, Alphonse Lemerre 

Editeur., 1869.                                                           

In 4to (360 x 260 mm). [3] carte, seguite da [42] carte interfoliate a [42]

tavole, e da [2] carte finali. Frontespizio in rosso e nero con un disegno

di E. Renard inciso su legno da A. Prunaire. Fregi floreali in nero alla  

testa e al piede di ogni sonetto, il cui testo è in corsivo. Legatura in  

mezzo marocchino rosso con angoli, piatti e sguardie marmorizzati, titolo 

in oro al dorso, taglio superiore dorato. Qualche tavola ha come duso     

trasferito un po dinchiostro alla pagina a fronte, legatura abrasa lungo i

bordi, per il resto buon esemplare in barbe.                              

   Celebre livre de peintre, il primo nel suo genere, con testi dei       

maggiori poeti dellepoca illustrati da tavole allacquaforte dei più grandi

artisti francesi del XIX secolo, selezionati dal critico darte Philippe   

Burty. Tiratura limitata a 35 esemplari. Lopera raccoglie 41 calcografie  

originali (di Manet, Bracquemond, Corot, Daubigny, Doré Géô Jongkind,     

Lalanne, Millet, Nanteuil, etc.) e unacquaforte da un disegno originale di

Victor Hugo, che illustrano 42 sonetti (di Banville, France, Gautier,     

Heredia, Leconte de Lisle, Sainte-Beuve, Verlaine, etc.) Il libro è       

ricercato soprattutto per lacquatinta di Manet, che illustra il sonetto   

Fleur exotique di Armand Renaud, per le tavole di Corot e di Millet, ma   

anche per molte altre superbe incisioni.                                  

Stima    2.500 / 3.500
Aggiudicazione:  Registrazione
66

(Ostetricia  Illustrati 800) MAYGRIER, Jacques Pierre. Nuove dimostrazioni

di ostetricia con incisioni in rame ed un testo ragionato adattato a      

facilitarne la spiegazione [ Prima versione italiana con annotazioni ed  

aggiunte del chirurgo Marco Foscarini. Pisa, Tipografia Nistri, 1831.     

2 volumi in 4to (260 x 184 mm e 291 x 219 mm). 220 pp. LXXX tavole        

calcografiche. I due volumi rilegati uniformemente in mezza pelle coeva,  

piatti marmorizzati, dorsi lisci con titoli e decorazioni dorate          

Occasionali fioriture, strappi a due tavole, tracce duso alle legature, ma

nel complesso buon esemplare.                                             

   PRIMA EDIZIONE ITALIANA di questo affascinante manuale di ostetricia che

descrive lanatomia femminile, il feto, la gravidanza, il parto e tutte le 

operazioni da eseguire, nonché tutti gli strumenti da utilizzare. Lopera  

termina con un capitolo sullallattamento ed è corredata da 80 tavole      

finemente incise che illustrano nel dettaglio quanto spiegato dal testo.  

Jacques-Pierre Maygrier (1771-1835), medico francese e rinomato ostetrico,

scrisse vari testi sullargomento; il presente uscì per la prima volta a   

Parigi nel 1822.                                                          

(2 volumi)                                                                

Stima    300 / 500
Aggiudicazione:  Registrazione
67
Stima    400 / 500
Aggiudicazione:  Registrazione
68
Stima    350 / 400
Aggiudicazione:  Registrazione
70
Stima    650 / 750
78

(Edizioni di pregio – Illustrati 900) ALIGHERI, Dante – DALÌ, Salvador. La Divina Commedia. Illustrazioni di Dalì. [Roma – Firenze] Arti e scienze Salani, (ottobre 1963 – aprile 1964).

7 voll. in folio (334 x 263 mm). Vol. 1: [ii] 158 [4] pp. e 17 tavole. Vol. 2: pp. [x] 173-326, tavole 18-34. Vol. 3: [ii] 162 [4] pp. e 17 tavole. Vol. 4: pp. [x] 173-328 [6], tavole 18-33. Vol. 5: [ii] 163 pp. e 17 tavole. Vol. 6: pp. [x] 173-320, tavole 18-33. In tutto 100 tavole xilografiche a colori. Fogli sciolti in barbe conservati entro chemise flessibile in carta beige con titolo in rosso al piatto anteriore, entro chemise e custodia cartonate e decorate con un motivo astratto in rosso e oro (Inferno), fucsia e oro (Purgatorio), azzurro e oro (Paradiso). La suite è suddivisa in tre cartelle cartonate conservate entro chemise e custodia cartonate con decorazioni uguali a quelle del Paradiso. Legatura eseguita dalla Legatoria Torriani di Milano. Minime tracce del tempo ma per il resto esemplare ottimo.

Esemplare n. XXVII della TIRATURA DI TESTA di 100 copie numerate in cifre romane e arricchite da una seconda SUITE di tutte la tavole, raccolte nel settimo volume. Impresso dalla Stamperia Valdonega di Verona su carta a mano dei Fratelli Magnani di Pescia. La magnifica edizione della Divina Commedia illustrata da Dalì. L’artista catalano lavorò alla Commedia dal 1950 al 1954, realizzando 100 tavole. La riproduzione dei suoi acquarelli si rivelò un compito difficile per l’editore parigino Les Heures Claires: ogni tavola richiedeva una media di 35 diverse matrici, per un totale di 3.500 xilografie incise da due artisti in un periodo di quattro anni, e stampate sotto la direzione del Maestro Raymond Jacquet. L’edizione francese fu seguita dalla presente italiana, impressa dall’Officina Bodoni (44 copie su carta a tino del Giappone) e dalla Stamperia Valdonega (3.000 copie su carta a mano dei Fratelli Magnani di Pescia) sotto la direzione del Maestro tipografo Giovanni Mardersteig. L’opera fonde in modo mirabile la visione di Dante con il mondo surreale di Dalì.

 

Stima    2.500 / 3.000
Aggiudicazione:  Registrazione
80

(Futurismo) BENEDETTA. Le forze umane. Romanzo astratto con sintesi grafiche. Foligno, F. Campitelli, (1924).

In 8vo (200 x 138 mm). 156 [4] pp. Numerose illustrazioni in nero nel testo (di cui una a doppia pagina). Brossura stampata rosso e nero con disegno dell’autrice al piatto anteriore. Assenti le pagine dalla 19 alla 30, come avverte una nota a matita alla prima pagina “Manca una quartina dal 19 al 30 tolta per il giornalino di Empoli”, brossura un po’ sciupata e con gora all’angolo inferiore, pallide fioriture occasionali.

                     ESEMPLARE CON DEDICA E DISEGNO DI BENEDETTA MARINETTI alla prima pagina. “Benedetta Marinetti a Mario”, seguita da sintesi grafica, il tutto in inchiostro rosso. Rara edizione originale, opera prima della moglie di Filippo Tommaso Marinetti. Si tratta di un affascinante romanzo sperimentale, ispirato alla filosofia steineriana, scritto benissimo e corredato da una serie di “sintesi grafiche” che illustrano stati d’animo e dell’essere. Benedetta Cappa, detta Beny (1897-1977), fu pittrice, scenografa, scrittrice, ed esponente del Futurismo. Nel 1930, fu la prima donna ad avere un’opera pubblicata nel catalogo della Biennale.

 

SI AGGIUNGE :

(Futurismo) SOFFICI, Ardengo. Primi principi di una estetica futurista. Firenze, Vallecchi, 1920.

In 8vo (197 x 138 mm). 96 pp. Brossura editoriale. Carta uniformemente ingiallita, sciolto. 

ESEMPLARE CON DISEGNO ORIGINALE DI SOFFICI, a pastelli rossi e verdi, firmato, al verso della terza carta. Il bozzetto rappresenta un paesaggio urbano con fabbriche. Edizione originale di questo testo in cui Soffici espone il canone dell’estetica futurista.

                                                                          

                                                                          

Stima    600 / 800
81
Stima    800 / 1.000
Aggiudicazione:  Registrazione
84

(Edizioni di pregio – Illustrati 900) CAMBELLOTTI, Duilio – MISCIATTELLI, Piero. Il Palio di Siena. Testo di Piero Misciattelli. Disegni di Duilio Cambellotti. Roma, Novissima, [19..!].

In folio (340 x 264 mm). 144 [6] pp. 29 illustrazioni a colori a piena pagina, numerose grandi testate, vignette e fregi decorativi. Piena pelle editoriale decorata a secco con titolo e stemma della città di Siena in rilievo al piatto anteriore (stemma con finiture in tessuto colorato), altro stemma in rilievo al piatto posteriore (leone rampante), sguardie decorate, taglio superiore nero. Trascurabili fioriture, per il resto copia molto buona.

            N. 381 di un edizione non specificata (ma limitata a 1.000 copie). Ogni capitolo è dedicato ad una contrada ed illustrato con illustrazioni caratterizzate da grande sintesi grafica e campiture di colori piatti e squillanti. Uno dei capolavori della grafica italiana del Novecento. Il presente esemplare contiene anche un raro prospetto editoriale in formato cartolina, di [4] pagine, con riproduzione a colori dell’illustrazione più bella del libro alla prima pagina, e descrizione della creazione dell’opera all’interno: “Una pubblicazione sul Palio di Siena, fatta con intendimento d’arte mancava. […] Parve a Edoardo Fonseca, ideatore di questa opera, che l’argomento fosse tale da dar vita a un Libro d’arte, specchio verace della festa d’armi, di cavalli, di colori, di vessilli che si svolge a Siena. La Società Editrice di “Novissima”, di Roma, che vanta un trentennio di cure amorose dedicate all’estetica del Libro italiano, si è assunto il compito di questa pubblicazione. […] In armonia col testo è proceduto il lavoro illustrativo di Duilio Cambellotti, il quale fra le mura di Siena ha colto l’ispirazione per i suoi disegni. […]”. “I colori stesi à plat […] così felicemente amalgamati e compenetrati, sottolineano, anziché annullare, la molteplicità dei costumi, delle decorazioni, dei figuranti e delle costruzioni sullo sfondo; la struttura compositiva di ogni tavola non ha una ripetizione, sebbene l’impianto sia sempre lo stesso. I protagonisti del Palio, fantini, cavalli bardati, bandiere variopinte con l’animale che contraddistingue la contrada, lo scorcio dei monumenti caratteristici, quasi sempre visti dal basso, si susseguono in un tripudio di forme e colori che mette in luce il magistero dell’artista. L’impeccabile qualità di stampa, […] fa del Palio […] uno dei più bei prodotti dell’editoria italiana del Novecento” (Santo Alligo, Pittori di carta. Libri illustrati tra Otto e Novecento, Volume III, Little Nemo 2007, pp. 139-142).

 

Stima    1.000 / 1.200
Aggiudicazione:  Registrazione
85

(Edizioni di pregio – Illustrati 900) CAMPIGLI, Massimo – POLO, Massimo. Il milione. Litografie di Massimo Campigli. Milano, Ulrico Hoepli Editore in Milano, (1942).

In folio (415 x 300 mm). [iv] 177 [7] pp. 30 litografie originali stampate in varie tonalità di colore (di cui una in copertina, una al frontespizio, 2 a doppia pagina e 16 a piena pagina, e 10 nel testo). Fogli sciolti in barbe entro brossura editoriale con titoli al piatto anteriore e al dorso, cofanetto editoriale con tassello rosso al piatto anteriore. Cofanetto sciupato, per il resto copia ottima.

N. 97 di soli 150 esemplari, FIRMATO da CAMPIGLI al colophon. Celebre edizione del Milione di Marco Polo illustrata con litografie originali in varie tonalità di colore (nero, marrone, bistro e sanguigna). Testo tratto dal Codice Magliabechiano di Firenze a cura di Dante Olivieri, magistralmente impaginato e stampato su torchio a mano in carattere Griffo tondo e corsivo da Giovanni Mardersteig nella sua Officina Bodoni, così come le litografie nel testo. Le tavole a piena e doppia pagina sono state tirate a mano da Piero Fornasetti. “Il volume […] viene considerato a ragione il più riuscito dei figurati italiani. Campigli vi realizzò il suo capolavoro di illustratore, raggiungendo una originale, profonda consonanza con il racconto leggendario di Marco Polo. Il suo segno, sicuro e spesso ironicamente divertito, intriso di materia luminosa, compone scene che hanno l’apparenza di chiaroscurati bassorilievi.” (Corrado Mingardi, Allô Paris. Il libro d’artista da Manet a Picasso nella collezione Corrado Mingardi, Skira 2008, p. 270). La più ricercata tra le edizioni dell’Officina Bodoni.

 

Stima    2.500 / 3.000
Aggiudicazione:  Registrazione
87

(Edizioni di pregio – Illustrati 900) CHAGALL, Marc – GOGOL, Nikolaj. Les Ames mortes. Traduction de Henri Mongault. Eaux-fortes originales de Marc Chagall. Paris, Tériade Éditeur, 1948.

2 volumi in folio (380 x 280 mm). [iv] 160 [4] pp. [viii] 165-308 [12] pp. 118 acqueforti originali (di cui 96 fuori testo, 11 testatine ed iniziali, e 11 incisioni al prospetto delle tavole). Fogli sciolti in barbe conservati entro brossure editoriali, due chemises ed una custodia unica in cartone. Una tavola con pallide fioriture, leggere tracce d’uso alla custodia, per resto copia ottima.

N. III di soli 33 esemplari FUORI COMMERCIO RISERVATI AI COLLABORATORI, con FIRMATO da CHAGALL. Il primo grande libro interamente illustrato da Chagall, capolavoro dello scrittore russo Nikolaj Gogol. Tiratura complessiva di 368 esemplari. Scritto in cinque anni a Roma, al termine della la lunga peregrinazione che aveva portato Gogol in Germania, Svizzera, a Parigi, Nizza e infine nella capitale italiana, le Anime Morte racconta le avventure di un piccolo truffatore nella Russia provinciale del 1820, di cui offre un vivido e spietato ritratto. Pubblicato per la prima volta nel 1842, il romanzo ebbe un grande successo ed un potente influsso sulla letteratura russa. Nel 1923, il noto editore francese Ambroise Vollard chiese a Marc Chagall di realizzarne assieme un’edizione illustrata. Chagall, che nutrì sempre un forte legame affettivo con la sua terra d’origine e aveva vividi ricordi della sua giovinezza nella città provinciale di Vitebsk, aderì con entusiasmo e realizzò le incisioni in tra il 1923 ed il 1927, poi tirate su carta Arches da Louis Fort nel 1927. Tuttavia, come molti altri progetti di Vollard (vedi scheda successiva), la realizzazione dell’opera fu interrotta e portata a termine solo anni dopo dall’editore Tériade, che fece aggiungere a Chagall undici testatine e iniziali. L’ultima tavola (ultimo foglio del prospetto delle tavole) presenta una curiosa vignetta con Gogol che legge e Chagall che dipinge un ritratto di Vollard. “Il mondo di Gogol trova in Chagall una consonanza quasi ideale. Vero è che l’universo gogoliano è come rivissuto attraverso l’animo ebraico […], ma è la Russia stessa della sua infanzia e della sua giovinezza che qui ritorna, quotidiana e fiabesca, con i villaggi di isbe, la campagna infinita, i personaggi di una commedia umana grottesca, comica e dolente insieme. Al testo gogoliano si accosta così una sequenza visiva parallela, ilare, tenera, poetica”. (Corrado Mingardi, Allô Paris. Il libro d’artista da Manet a Picasso nella collezione Corrado Mingardi, Skira 2008, p. 160).

(2 volumi in custodia unica)

 

Stima    15.000 / 20.000
Aggiudicazione:  Registrazione
88

(Edizioni di pregio – Illustrati 900) CHAGALL, Marc – LA FONTAINE. Fables. Eaux-fortes originales de Marc Chagall. I [- II]. Paris, Tériade Éditeur, 1952.

2 volumi in folio (400 x 310 mm), entrambi di [128] pp. 100 acqueforti (di cui 51 nel primo volume e 49 nel secondo). Fogli sciolti in barbe conservati entro due chemises flessibili, ciascuna con una diversa acquaforte al piatto anteriore, altre due chemises in cartone, custodia in cartone. Leggere tracce d’uso alle chemises in cartone, la custodia ha un fondo staccato, per resto copia molto buona.

Celebre edizione delle Favole di La Fontaine splendidamente illustrate da Chagall. N. 160 di 100 esemplari (numerati 86-185, di una tiratura complessiva di sole 200 copie), contenente 102 acqueforti originali (2 copertine e 100 tavole sciolte), e FIRMATO da CHAGALL. Edizione concepita da Ambroise Vollard, che ne commissionò l’illustrazione a Chagall nel 1927. L’artista impiegò tre anni ad incidere tutte le tavole, poi tirate da Maurice Potin sotta la direzione di Vollard. Come nel caso delle Anime Morte (vedi scheda precedente), l’opera venne successivamente ripresa da Tériade nel 1950, che utilizzò i rami già incisi e chiese a Chagall due ulteriori incisioni per le copertine, da lui realizzate nel 1952 e tirate da Raymond Haasen. Testo composto nel corsivo corpo 24 disegnato da Garamond nel XVI secolo ed impresso sotto la direzione di Georges Arnoult sui torchi dell’Imprimerie Nationale de France nel marzo 1952. “La tecnica di queste incisioni è molto differente da quella usata per Le anime morte, perché Chagall non ha mai voluto ripetersi. Il bianco e nero dell’acquaforte non fa rimpiangere i colori delle tempere, perché in un certo senso tutti li contiene […] le Fables sono una lunga meditazione sulla natura, sulla sua energia misteriosa, sulle sue infinite forme di vita. Non c’è in Chagall un’umanizzazione degli animali […] E’ l’uomo piuttosto, con la sua sagoma terrosa e greve, a divenire anch’esso una presenza primordiale”. (Corrado Mingardi, Allô Paris. Il libro d’artista da Manet a Picasso nella collezione Corrado Mingardi, Skira 2008, p. 166).

(2 volumi in custodia unica)

 

Stima    15.000 / 20.000
Aggiudicazione:  Registrazione
90

(Edizioni di pregio – Illustrati 900) COLETTE. Les cahiers de Colette. 1. Clouk et Chéri. Avec 6 eaux-fortes de Dignimont. 2. Notes marocaines et La décapitée. Avec 6 eaux-fortes de Daragnès. 3. En tournée et Le music-hall. Avec 6 lithographies de Luc-Albert Moreau. 4. Portraits et Paysages. Avec 6 eaux-fortes de Dunoyer [de Segonzac]. Paris, Les Amis de Colette (sur les presses de Daragnès), 1935-1936.

4 volumi in 4to (310 x 240 mm). 1) 99 [5] pp. e 6 tavole all’acquaforte di Daragnès. Grandi capilettera e marca tipografica in azzurro, brossura editoriale azzurra. 2) 88 [4] pp. e 6 tavole all’acquaforte di Daragnès. Grandi capilettera e marca tipografica in rosa, brossura editoriale rosa. 3) 91 [5] pp. e 6 tavole litografiche di Luc-Albert Moreau. Grandi capilettera e marca tipografica in verde, brossura editoriale verde. 4) 95 [5] pp. e 6 tavole all’acquaforte di André Dunoyer de Segonzac. Grandi capilettera e marca tipografica in giallo, brossura editoriale gialla. La brossura del primo volume, priva di velina protettiva, è sbiadita al dorso; le veline del terzo e quarto volume sono pallidamente fiorite; il quarto volume è scollato dal dorso; altre trascurabili tracce del tempo, ma nel complesso buona copia.

            N. 38 AD PERSONAM per RADCLYFFE HALL, nota scrittrice inglese. Tiratura complessiva di 175 copie numerate di vélin d’Arches. Ogni volume è FIRMATO da COLETTE, il primo anche da Jean Gabriel Daragnès. Collezione completa dei Cahiers di Colette, splendidamente illustrati da quattro grandi dell’epoca. Radclyffe Hall, nata Marguerite Radclyffe Hall (1880-1943) fu protagonista della vita culturale europea ed in particolare araldo della cultura lesbica. Spesso ritratta in abiti maschili, la Hall è conosciuta soprattutto per un romanzo che suscitò grande scandalo nell’Inghilterra ancora scossa dal processo ad Oscar Wilde, Il pozzo della solitudine (1928), opera che fu processata e bandita nel Regno Unito fino a dopo la morte dell’autrice.

 

Stima    600 / 800
61 - 90  di 122