BOOKS, MANUSCRIPTS AND AUTOGRAPHS

15 APRIL 2021
Auction, 1042
509

(Geografia - Illustrati 600) MAGINI, Giovanni Antonio. Italia di Gio. Ant. Magini data in luce da Fabio suo figliuolo al serenissimo Ferdinando Gonzaga duca di Mantoua edi [!] Monferrato. Bononiae, impensis ipsius auctoris, 1620 (In Bologna, per Sebastiano Bonomi, 1620).

Estimate
5.000 / 10.000
Price realized:  Registration

(Geografia - Illustrati 600) MAGINI, Giovanni Antonio. Italia di Gio. Ant. Magini data in luce da Fabio suo figliuolo al serenissimo Ferdinando Gonzaga duca di Mantoua edi [!] Monferrato. Bononiae, impensis ipsius auctoris, 1620 (In Bologna, per Sebastiano Bonomi, 1620).

In folio (397 x 274 mm). [viii] 24 pp. seguite da [61] tavole calcografiche. Frontespizio calcografico in cornice xilografica inciso da Oliviero Gatti, colophon a carta [croce greca]4v. Iniziali e fregi xilografici. Piena pelle coeva decorata in oro ai piatti e al dorso, tagli spruzzati di rosso. Decorazione (armi?) ovali al centro dei piatti asportate, cuffie sciupate, abrasioni e sbucciature; le pagine di testo presentano tracce d’uso (strappetti e pallide ditate ai margini, pallida macchia al margine interno delle prime carte); le tavole presentano anch’esse tracce d’uso (strappetti e pallide ditate marginali, sgualciture), un paio hanno i margini un po’ rifilati e antichi restauri al verso, le mappe della Liguria, del territorio di Vicenza, del Dominio fiorentino, e del Regno di Napoli hanno strappi leggermente più lunghi, le ultime tavole presentano una pallidissima gora al margine interno, ma nel complesso esemplare genuino e con le mappe in freschissima impressione.

                     RARISSIMA PRIMA EDIZIONE DEL PRIMO ATLANTE A STAMPA DELL’ITALIA, IL CAPOLAVORO DI MAGINI, che rimase per buona parte del XVII secolo l’opera di riferimento per la geografia del nostro paese. Le 61 mappe illustrano l’Italia intera, lo stato del Piemonte, la signoria di Vercelli, il ducato del Monferrato, la Liguria e le riviere, la Corsica, lo stato di Milano, il ducato di Milano e i suoi territori (laghi ecc.), i ducati di Mantova, Modena, Parma e Piacenza, il dominio Veneto, i territori di Bergamo, Brescia, Crema, Verona, Vicenza, Padova, Rovigo, Feltre, Cadore, Istria, Trento, ecc.,  lo stato della Chiesa e il ducato di Toscana,  i ducati di Urbino e Ferrara, Bologna, la Romagna, la Marca d’Ancona, i territori di Perugia e Orvieto, Umbria, Lazio, dominio fiorentino, stato di Siena, isola d’Elba, Lucca, regno di Napoli, Abruzzo, Molise, Bari, Basilicata, Otranto, ecc., Calabria citra e ultra, Ischia, Sardegna e Sicilia. “ […] il lavoro massimo, cui Magini dedicò gran parte delle sue fatiche nell’ultimo ventennio della sua vita, fu un Atlante d’Italia, per il quale volle preparare carte in gran parte originali, delineate cioè in base a rilievi ufficiali fatti eseguire dai vari governi italiani e che egli riuscì a procurarsi per il benevolo interessamento dei Gonzaga. Il lavoro di raccolta, di coordinazione, di revisione e di disegno e incisione (onde ebbe necessità di mantenere presso di sé abili incisori specializzati) fu lunghissimo e arduo; […] la stampa era appena avviata quando Magini morì. Esso fu pertanto pubblicato postumo dal figlio Fabio nel 1620 col titolo Italia di Gio. Ant. Magini data in luce da Fabio suo figliuolo (Bologna 1620; ristampe dei 1632 e 1642); consta di 61 tavole e di un breve commentario geografico. […] Le carte d’Italia esercitarono un’influenza immensa: furono ricopiate, contraffatte, imitate, moltissime volte in Italia e all’estero; entrarono, senza modificazioni, a far parte di atlanti stranieri notissimi, come quelli di Jodocus Hondius e di Joan Blaeu; in Italia rimasero monumento insuperato per oltre un secolo.” (Wikipedia). Tutte le mappe sono straordinariamente dettagliate; quelle con le isole e tratti di mare hanno anche affascinanti vascelli e creature marine tra i flutti.

 

VERY RARE FIRST EDITION OF THE FIRST PRINTED ATLAS OF ITALY, MAGINI’S MASTERPIECE, which remained the reference work for the geography of our country for most of the seventeenth century. All maps are extraordinarily detailed; those with islands and stretches of sea also have vessels and sea creatures in the waves. Some wear but genuine copy. Detailed description and additional images upon request.