Works on paper: 15th to 19th century drawings, paintings and prints

14 APRIL 2021  
13

Scuola fiorentina, seconda metà sec. XVI

APOLLO

PLUTONE

ERCOLE E CACO

ERCOLE E CERBERO

DIVINITÀ A CONCILIO

PSICHE SCOPRE AMORE

sei disegni, matita rossa, carta vergellata, mm 164-5x110-2

(6)

 

Florentine school, second half of 16th century

APOLLO

PLUTO

HERCULES AND CACUS

HERCULES AND CERBERUS

COUNCIL OF THE GODS

PSYCHE AND CUPID

six drawings, red chalk, laid paper, mm 164-5x110-2

(6)

 

Provenienti con ogni probabilità da un taccuino smembrato, i vivaci disegni delineati su questi sei piccoli fogli ripropongono con spiccato brio narrativo due della serie di venti Divinità entro nicchie e due della serie di Fatiche di Ercole incise da Caraglio nel 1526 su disegno di Rosso Fiorentino. La restante coppia con Storie di Psiche deriva dalle incisioni del Maestro del Dado, di evidente ispirazione raffaellesca, realizzate intorno al 1530.

Il tratto vibrante che arricciola i capelli e movimenta le pieghe delle vesti, le veloci semplificazioni adottate per i visi e le mani, nonché il chiaroscuro morbido ed espanso, rimandano ai modi di uno dei più prolifici disegnatori del Cinquecento, Giambattista Naldini (Firenze, 1535 – 1591), il cui corpus grafico si è accresciuto grazie agli studi di Paola Barocchi (P. Barocchi, Itinerario di G. N., in Arte antica e moderna, 1965, n. 31, pp. 244-288), Anna Forlani Tempesti (A. Forlani Tempesti, Alcuni disegni di Giambattista N., in Festschrift Ulrich Middeldorf, a cura di A. Kosegarten - P. Tigler, Berlin 1968, I, pp. 294-301) e C. Thiem (C. Thiem, Das römische Reiseskizzenbuch des Florentiners Giovanni Battista N. 1560-1561, München-Berlin 2002). Interessanti confronti si trovano nei suoi numerosi fogli resi noti, distribuiti tra Firenze (Gabinetto disegni e stampe degli Uffizi, nn. 311 F, 442 F, 6575 F, 6743 F, 6756 F, 6603 F, 6618 F, 14415 F), Parigi (Louvre, Département des arts graphiques, nn. 1015, 1017), Cambridge (Fogg Art Museum, n. 1932.143) e Berlino (Staatliche Museen, Kupferstichkabinett, nn. 465r, 4626v), dove, secondo una prassi ricorrente nel percorso formativo degli artisti fiorentini, si cimentò con assiduità nella pratica della copia ispirandosi a composizioni del maestro, Pontormo, e di Andrea del Sarto, oppure in esercitazioni sulla statuaria antica o di Michelangelo e ancora nello studio dei grandi cicli figurativi cinquecenteschi romani, di Raffaello e allievi, visti durante il viaggio di Naldini nell’Urbe.

 

«RTF to HTML .Net»
Estimate
6.000 / 8.000
Price realized:  Registration

11 - 20  of 321 Lots
11
400 / 600
12
1.200 / 2.000
13
6.000 / 8.000
14
1.000 / 1.500
15
800 / 1.200
16
2.000 / 3.000
17
800 / 1.200
18
700 / 1.000
19
1.200 / 1.800
20
2.500 / 3.500
11 - 20  of 321 Lots

Top