UN VASO PORTAFORTUNA

È per noi un piacere presentare nella prossima asta di Capolavori da collezioni italiane del 12 novembre un importante Vaso Imperiale in porcellana “Famiglia Rosa” di epoca Qianlong, con marchio imperiale rosso ferro a sei caratteri e del periodo 1736-1795, i sessanta anni di regno del “despota illuminato” Qianlong, terzo e ultimo imperatore della sua dinastia.
Per Pandolfini è motivo d’orgoglio poter presentare un vaso che, per lo stile, la forma, la grandezza, gli elementi decorativi e la raffinata qualità della pittura, è del tutto simile allo straordinario vaso imperiale venduto nella prima edizione dei Capolavori nell’ottobre 2014 per 7.445.000 euro, cifra che rappresenta ancora oggi il prezzo più alto mai pagato in Italia per un lotto in asta, un risultato che ha permesso al dipartimento di Pandolfini di proporsi a una clientela internazionale di altissimo livello.
Tornando al presente, il magnifico vaso che presentiamo quest’anno combina una ricchezza di motivi tradizionali di buon auspicio con il fascino imperiale. Le grandi dimensioni e l'eccezionale qualità del dipinto lo contraddistinguono come particolarmente importante, tanto da ritenere sia stato commissionato per un'occasione speciale, imperiale. La cosa non stupisce, se si considera che Qianlong unì alla sua proficua vena poetica, la passione per la ceramica della quale divenne grande ed esigente collezionista. È così che quest’arte, per altro peculiare alla cultura artistica cinese, ebbe proprio nel Settecento, un periodo di straordinaria fioritura, producendo opere di sorprendente eccellenza sia nella “materia” che nella decorazione pittorica, che si contraddistinse dall’introduzione, intorno al 1720, di un particolare smalto rosa che diede il nome alla più raffinata “famiglia” cromatica cinese.