SUPERATA TELLUS, SIDERA DONAT (Varcata la Terra, vengono in dono le stelle)

È questo il motto del filosofo latino Severino Boezio che è impresso sull'importante medaglia dedicata a Galeotto Marzio, umanista e medico umbro, che sarà esitata nella prossima asta di numismatica del 28 maggio prossimo. Conosciuta in soli tre esemplari e mancante nell'importante collezione statunitense di Samuel H. Kress, è il pezzo meglio conservato in assoluto e rappresenta da un lato il busto laureato di Galeotto Marzio con la scritta latina che dice "Galeotto Marzio il più celebre poeta, matematico e oratore" e dall'altro, nel giro, la dizione latina "Nascendo moriamo, e la fine dipende dal principio". Nel campo, attorno ad un incuso di libri, il motto si Severino Boezio "Varcata la Terra, vengono in dono le stelle". Galeotto Marzio, a causa delle sue idee eretiche contenute nell'opera da lui scritta intitolata De incogniti vulgo, venne imprigionato nel 1477 a Venezia dall'Inquisizione, ma riuscì a scappare un anno dopo grazie all'aiuto del Re ungherese Mattia Corvino e Lorenzo de' Medici.