ARCHEOLOGIA

29 MARZO 2023
Asta, 1182
135

Piatto

Stima
22.000 / 40.000

Piatto

Porfido rosso antico

Diam. 35 cm

Epoca tardo-imperiale, fine IV secolo d.C.

 

Grande piatto caratterizzato da modanatura sul bordo e da scanalatura con bottone rilevato al centro, di squisita fattura e con un grado di conservazione eccezionale.

È ricavato da un blocco di porfido rosso d'Egitto, materiale di difficile approvvigionamento e di ancor più difficile lavorabilità a causa della sua estrema durezza. Le cave, ubicate nel Deserto Orientale egiziano e riscoperte ed esplorate nei primi anni Ottanta dell'Ottocento, erano gestite direttamente dall'entourage imperiale; pertanto esso era considerato un materiale prezioso, simbolo dell'imperatore e della casa imperiale, caricato di un potere divino.

Con l'avvento del Cristianesimo e sin dai suoi albori, il porfido rosso antico è passato a simboleggiare la Cristianità e il martirio di Cristo. Non a caso il retro del piatto mostra in posizione centrale una croce greca incisa e in posizione eccentrica un pesce stilizzato; vale a dire due simboli del primo Cristianesimo.

Trova corrispondenza con pochissimi altri esemplari della media e tarda età imperiale: con un piatto da portata del tesoro argenteo di Augusta Raurica - uno dei più importanti e preziosi tesori dell'Antichità, sotterrato poco prima del 351-352 d.C. - e soprattutto, con un solo altro piatto in porfido rosso antico oggi a Berlino.

Bibliografia: sull’esemplare a Berlino, in particolare, si veda M. De Nuccio, L. Ungaro (a cura di), I marmi colorati della Roma imperiale, Marsilio ed., Roma 2002, p. 373, n. 73 (autore: H. Mielsch).

 

Opera dichiarata di interesse archeologico particolarmente importante con Decreto della Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto del 17/03/2005