DIPINTI E SCULTURE DEL XIX SECOLO

16 NOVEMBRE 2022
Asta, 1166
20

Silvestro Lega

Stima
15.000 / 25.000
Aggiudicazione  Registrazione

Silvestro Lega

(Modigliana 1826 - Firenze 1895)

PITTORE NEL PAESAGGIO TOSCANO

olio su tavoletta, cm 23,5x14

firmato in alto a sinistra

 

A PAINTER IN TUSCAN LANDSCAPE

oil on panel, 23.5x14 cm

signed upper left

 

L'opera è corredata di attestasto di archiviazione presso l'Istituto Matteucci di Viareggio

 

Da quando dipingere all’aperto diviene una pratica comune, agli inizi del XIX secolo,  si sviluppa anche la tradizione di immortalare gli artisti al lavoro, pronti a una caparbia “lotta” con gli stessi elementi naturali.

L’ ombrello  diviene quasi uno stereotipo del  pittore en plein air, strumento indispensabile  per ripararsi dai cocenti raggi solari, e al tempo stesso potenziale causa di piccole catastrofi ai danni del pittore laddove il vento decida di avere la meglio. Le opere raffiguranti artisti al lavoro si diffondono nei primi decenni dell’800, come mostra la Veduta di Bolzano con pittore (1825 )  di Jules Coignet, il quale ritrae il compagno appollaiato su  una roccia nel sud Tirolo, intento  a osservare la valle del fiume Talvera. L’ombrello è stato piantato a terra, mentre l’artista siede su un piccolo trespolo e lavora direttamente su una tela all’interno della sua valigetta, senza cavalletto. Del resto una simile opera, così come Artisti che dipingono nelle Montagne Bianche (1868) di Homer Winslow, fa riflettere anche sulla compresenza di due o più artisti con altrettanti punti di vista di medesimo luogo. Luoghi noti o scovati attraverso numerosi viaggi, catturati in schizzi poi rielaborati nella quiete del proprio studio.

La bella tavoletta di Silvestro Lega che presentiamo in catalogo, opera inedita, è allineata alla pittura en plein air, ben assimilata dagli artisti della “macchia”. Non sappiamo però chi sia, tra gli amici pittori, colui che Lega ritrae affettuosamente al  lavoro, seduto accanto ad un muretto  al riparo del sole , sullo sfondo di un inconfondibile paesaggio toscano.