ARCADE | Dipinti dal XV al XVIII secolo

12 OTTOBRE 2022
Asta, 1163
123

Pittore di area adriatica operante a Venezia, sec. XVIII

Stima
12.000 / 18.000

Pittore di area adriatica operante a Venezia, sec. XVIII

VEDUTE DI CORFU'

coppia di dipinti, olio su tela, cm 107x165

(2)

 

Adriatic painter in Venice, 18th century

VIEWS OF CORFU'

oil on canvas, cm 107x165, a pair

(2)

 

Si segnala uno studio di Giuseppe Fiocco redatto in data 15 novembre 1966 che attribuisce i dipinti a Alessandro Grevenbroeck (notizie tra il 1711 e il 1724).

La coppia di ampie pitture qui proposte riproducono due rare ed interessanti vedute dell’Isola di Corfù con l’antica Fortezza edificata in gran parte dalla Serenissima Repubblica di Venezia, come indicano i residui delle iscrizioni sul margine inferiore di una della due tele. La prima è una spettacolare veduta panoramica della città fortificata vista a volo d’uccello da Ponente e testimonia in maniera dettagliata e descrittiva l’ antica e ormai perduta disposizione architettonica di questa porzione dell’isola. La seconda tela raffigura lo stesso soggetto ma osservato dall’isolotto di Vido, o Ptichia, posto a meno di un miglio a nord dalla punta fortificata. Proprio in tale duplicità di visione si trova il fascino dei due dipinti, che ci permettono di ricostruire visivamente la storia della cittadella e delle sue fortificazioni. La fortezza vecchia ad oriente fu infatti iniziata durante il dominio Bizantino e successivamente ampliata prima dai Veneziani nel secolo XVI e poi dagli Inglesi; quella nuova, ad occidente, venne edificata da Francesco Vitelli fra il 1575 e il 1645. Le due fortezze sono visibili in entrambe le tele e circoscrivevano il centro storico di Corfù, in cui gli abitanti vivevano protetti da imponenti mura. Queste ultime si sviluppavano poi in quattro porte di accesso alla città, delle quali solo due sono sopravvissute fino ad oggi. Il 1645 costituisce pertanto il termine post quem collocare questa coppia di dipinti.