ARCHEOLOGIA

9 FEBBRAIO 2022
Asta, 1098
192

VASO GIANIFORME

Stima
1.800 / 2.500
Aggiudicazione:  Registrazione

VASO GIANIFORME

PUGLIA, IV SECOLO a.C.

 

Oinochoe con orlo trilobato, collo a profilo concavo, corpo composto da due teste femminili fuse in corrispondenza della nuca, base modanata (con fondo aperto). tutto il vaso è realizzato in ceramica policroma, con corpo ceramico coperto da ingobbio di colore bianco e decorato da sovraddipinture di colore rosso, che caratterizzano le capigliature bipartite delle due donne, le labbra, la base del collo e la base stessa del vaso. H. max. 16,7 cm.

Questo vaso è ascrivibile ad una rara produzione apula, che contamina le realizzazioni a matrice con la tornitura vera e propria. La peculiare forma gianiforme, con due teste femminili, trova confronti con un limitato numero di esemplari. Fra questi possiamo ricordare una lekythos al Petit Palais a Parigi, che nel tratto superiore presenta bocchello ed anse a figure rosse(inv. 305: BAPD1007884). Per la conformazione della testa e la forma dell’oinochoe si veda la prochous di grandi dimensioni a Varsavia (BAPD 1011931).

 

Provenienza

Collezione del generale Charles August Frossard (1807 – 1875)

Mercato antiquario francese

 

Opera corredata da copia del certificato di termoluminescenza (Arcadia Milano, 14 novembre 2013)