ARCHEOLOGIA

9 FEBBRAIO 2022
Asta, 1098
171

EPICHYSIS

Stima
900 / 1.500
Aggiudicazione:  Registrazione

EPICHYSIS

PUGLIA, FINE IV SECOLO a.C.

 

Epichysis apula a figure rosse, con imboccatura a cannone con protomi femminili applicate in corrispondenza dell'inserzione dell'ansa sormontante a nastro, alto collo cilindrico, spalla appiattita, corpo a rocchetto modanato, piede a disco. La decorazione figurata consiste in una baccellatura alla base del collo, una teoria di linguette sul corpo ed un tralcio di edera sovraddipinta in bianco al centro del corpo. La scena principale sulla spalla consiste in una figura femminile seduta, elegantemente ammantata e con un vaso nella mano sinistra, rappresentata nell'atto di essere onorata da un erote androgino alato. Il resto della spalla è decorato da due palmette dalle foglie allungate che si dipartono da una palmetta posta verticalmente alla base della spalla. H. 18,2 cm; diam. piede 11,7 cm.

La decorazione di questo vaso è caratterizzata, dettaglio non consueto in questa forma vascolare, da una scena con due figure: un confronto, con presenza anche in questo caso di un eroe androgino rappresentato mentre onora una figura femminile, è rappresentato da una epichysis al Museo di Antichità di Torino (inv. 4547: F.G. Lo Porto, Corpus Vasorum Antiquorum, Torino, Museo di Antichità, Roma 1969, p. 12, tav. 19.1; BAPD 9002051).

 

Provenienza

Collezione privata