DIPINTI DEL SECOLO XIX. OPERE SCELTE DA UNA COLLEZIONE PRIVATA

9 NOVEMBRE 2021
Asta, 1079

Luigi Rossi

(Cassarate 1853 - Biolda 1923)

FANCIULLA SOGNANTE

acquerello su carta, cm 7x11,5

firmato in basso a destra

retro: cartiglio della Galleria Dedalo di Milano

 

DREAMY GIRL

watercolour on paper, 7x11.5 cm

signed lower right

on the reverse: label of the Galleria Dedalo of Milan

 

Provenienza

Galleria Dedalo, Milano

Collezione privata

 

Svizzero di nascita e lombardo di formazione (il padre lo iscrisse all’Accademia di Belle Arti di Brera), Luigi Rossi nella sua carriera ebbe un’intensa attività espositiva nelle mostre annuali delle principali società promotrici di belle arti italiane. Ebbe molta fortuna come illustratore a Parigi, città dove soggiornò in più occasioni. Stretti furono sempre i suoi legami con la cultura lombarda, nel quale era immerso per formazione e per contatti con artisti a lui contemporanei; mentre non apprezzò mai il divisionismo, si avvicinò al verismo e al simbolismo, con risultati personalissimi. La propensione a un certo eclettismo nel recepire stimoli diversi si combinò in lui a una costante indipendenza e libertà nell’utilizzo delle differenti sollecitazioni, e a una delicata riproposizione di temi che lo accompagnarono tutta la vita.

Il tratto delicato e fermo con cui l’artista svizzero delinea il volto di questa giovine ragazza dell’espressione languidamente sognante rimanda a opere databili all’inizio del secondo decennio del Novecento. Potrebbe forse trattarsi di uno degli studi eseguiti per l’opera All’ombra (1910-1911 circa), che ritrae una giovane contadina che dorme distesa su un prato fiorito; il dipinto è conosciuto solo da un fotografia d’epoca.