Sculture e oggetti d'arte europei dal medioevo al XIX secolo da collezioni private

19 OTTOBRE 2021
Asta, 1049
161

Artista umbro-marchigiano attivo tra il secolo XV e il secolo XVI

Stima
6.000 / 9.000
Aggiudicazione:  Registrazione

Artista umbro-marchigiano attivo tra il secolo XV e il secolo XVI

SAN ROCCO

in legno dipinto in policromia, raffigurato stante mentre solleva la veste per mostrare la piaga, alt. cm 133

 

Artist from Umbria or Marche active between 15th and 16th centuries, Saint Roch, painted wood

 

Bibliografia di confronto

Rinascimento scolpito. Maestri del legno tra Marche e Umbria, cat. della mostra (Camerino. Pinacoteca e Museo civico), a cura di Maria Giannatiempo Lopez e Raffaele Casciaro, Cinisello Balsamo 2006.

 

Il santo pellegrino può essere inserito nell’ambito della produzione di scultura lignea delle botteghe umbre e marchigiane tra il Quattrocento e il Cinquecento. Si rivelano piuttosto interessanti i confronti con il san Rocco della basilica di San Venanzio di Camerino che un’approfondita ricognizione archivistica ha ricondotto al nome di un intagliatore attivo nelle Marche, Lucantonio di Giovanni Barbetti, documentato a Camerino e a Visso dal 1485 al 1520 (cfr. Matteo Mazzalupi, Maestri di legname a Camerino tra Quattrocento e Cinquecento. Inizi di un’indagine d’archivio, in Rinascimento scolpito 2006, pp. 97-103; p. 198, cat. 38). Affinità si riscontrano nella tipologia del volto, nei capelli e nella barba ondulati e nella esile fisicità soprattutto delle gambe. Sono stati evidenziati inoltre nel San Rocco di Camerino, unico punto fermo nel catalogo di questo scultore, evidenti rapporti con il corpus del Maestro di Macerata.