ARCHEOLOGIA

23 FEBBRAIO 2021
Asta, 10200
85

SCHNABELKANNE

Stima
1.400 / 1.800

SCHNABELKANNE

ETRURIA, VI - V SECOLO a.C.

 

Oinochoe in bronzo con orlo trilobato, collo troncoconico, corpo ovoidale allungato, fondo piano, ansa verticale impostata sul punto di massima espansione con teste di serpente sull'orlo ed una palmetta sul corpo. Si segnala un'ampia lacuna sul corpo. H. max. 23,5 cm.

Questo vaso, una brocca per vino usata nei simposi etruschi, può essere ascritta ad una forma vascolare di prestigio, la brocca cd. Schnabelkanne (su cui B. Bouloumié, Les oenochoés en bronze du type Schnabelkanne en Italie, Roma 1973), una variante della quale poteva essere usata anche per libagioni (M. Del Chiaro, The long-spouted Schnabelkanne as an Etruscan libation vase in Quaderni Ticinesi di Numismatica ed Antichità Classiche 13, 1984, pp. 21-31). Il fascino di questa forma vascolare era tale che stata imitata anche in ceramica: L. Donati, Dalla "plumpe" alla "Schnabelkanne" nella

produzione ceramica etrusca, in La civiltà di Chiusi e del suo territorio, Firenze 1993, pp. 239-263.

 

 

Provenienza

Pandolfini 18 dicembre 1998, lotto 127

Collezione privata

 

Oggetto dichiarato d'interesse particolarmente importante dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali