DAL RINASCIMENTO AL PRIMO 900. PERCORSO ATTRAVERSO CINQUE SECOLI DI PITTURA

2 FEBBRAIO 2021  
10 ¤

Leandro da Ponte, detto Leandro Bassano

(Bassano del Grappa,1557 – Venezia,1622)

SCENA CAMPESTRE

olio su tela, cm 134,5x184,5

 

COUNTRY SCENE

oil on canvas, cm 134,5x184,5

 

Non capita spesso di imbattersi in un soggetto del tutto inedito, per giunta di incerta lettura, uscito dalla bottega bassanesca: è appunto questa l’occasione offerta dal dipinto che qui presentiamo, documento evidente della creatività ancora in parte inesplorata della bottega di Jacopo Bassano e dei suoi figli.

Come confermato da Alessandro Ballarin, che vivamente ringraziamo, è senza dubbio il giovane Leandro l’autore di questa scena contadina forse ideata da Jacopo ma eseguita in massima parte dal suo terzogenito: la sua firma (…. LEANDER FILIUS) disposta su due righe, la prima delle quali di difficile interpretazione, si intravede infatti in basso a destra accanto al piede del pastore addormentato.

Si tratta dunque di un’opera della prima giovinezza di Leandro Bassano, che sappiamo attivo nella bottega paterna fino al trasferimento a Venezia nel 1584 o, al più tardi nel 1588.

In quell’anno Leandro risulta infatti iscritto alla Fraglia dei pittori veneziani, e invece del tutto assente dai registri delle imposte della città natale. A Venezia, dove era stato insieme al padre nel 1577-78, inizia una proficua carriera come autore di ritratti e di pale d’altare, non senza tornare ripetutamente sulle invenzioni paterne, dal ciclo dedicato a Noè e alla costruzione dell’Arca, a quello dei Mesi e delle Stagioni (Vienna, Kunsthistorisches Museum) a cui, per molti aspetti, si appoggia la nostra composizione.

Le spighe raccolte in fasci in primo piano a sinistra, i buoi aggiogati al carretto sullo sfondo alludono certamente a lavori estivi sospesi per una siesta: quasi tutti i personaggi sono infatti addormentati, ma non per questo allentano la presa su bastoni e pezzi di legno di incerta funzione.

Caratteristica del giovane Leandro è l’accentuazione delle ombre in contrasto con la vivacità dei colori e delle lumeggiature, che risaltano nell’ambiente cupo. Anche lo sfondo montuoso inquadrato da una quinta arborea e dal fronte di una villa ritorna identico nel suo paesaggio con Atteone sbranato dai cani nel museo di Berlino, della metà degli anni Ottanta.

Inedito e non replicato, verosimilmente appoggiato a un’invenzione di Jacopo e forse col suo intervento o almeno la sua supervisione, il dipinto qui offerto costituisce un’aggiunta significativa al catalogo di Leandro e contribuisce a una migliore conoscenza della sua prima attività nella bottega del padre.

 

 

 

 

 

Stima   60.000 / 80.000
Λ L'opera è corredata di certificato di libera circolazione

1 - 10  di 47 Lotti
1
2.000 / 3.000
2
5.000 / 8.000
3
10.000 / 15.000
4
4.000 / 6.000
5
15.000 / 20.000
6
15.000 / 20.000
7
4.000 / 6.000
8
80.000 / 120.000
9
30.000 / 50.000
10
60.000 / 80.000
1 - 10  di 47 Lotti

Top