DAL RINASCIMENTO AL PRIMO 900. PERCORSO ATTRAVERSO CINQUE SECOLI DI PITTURA

2 FEBBRAIO 2021  
16

Artista Napoletano, sec. XVII

IL SERPENTE DI BRONZO

olio su tela, cm 142x122,5

 

Neapolitan painter, 17th century

THE BRAZEN SERPENT

oil on canvas, cm 142x122,5

 

Il dipinto, inedito, è certamente da collocare verso il quarto decennio del Seicento, e più precisamente in quell’area – tra Bernardo Cavallino e il giovane Agostino Beltrano, e non senza riferimenti alla prima attività di Domenico Gargiulo - in cui il naturalismo di radice battistelliana si stempera in ricerche sottilmente classicheggianti aprendosi a nuove raffinatezze cromatiche. Ne dà conto l’intensa espressione del giovinetto che in piedi, al centro del gruppo, tenta di allontanare un serpente impugnandolo, la fronte aggrottata e le labbra aperte in un grido di terrore, certamente un ricordo caravaggesco e, più immediatamente, battistelliano. La grazia della figura in posa, e i riferimenti classicheggianti dei corpi seduti o riversi ci parlano invece di una mediazione accademica, tendenza che verso il 1640 attraversa quella generazione guidandola verso soluzioni diverse, qui ancora in via di sperimentazione. Ricorda i tipi del giovane Beltrano il personaggio di Mosè in piedi sulla sinistra, e soprattutto la fiammata del rosso tendone che circoscrive il suo spazio,

Un’opera ancora acerba, sotto diversi profili, ma che ricerche più specifiche potranno verosimilmente collocare in maniera più puntuale in quel fervido ambiente che fu la scuola napoletana verso il 1640.

Stima
8.000 / 12.000

11 - 20  di 47 Lotti
11
15.000 / 20.000
12
20.000 / 30.000
13
10.000 / 15.000
14
6.000 / 8.000
15
10.000 / 15.000
16
8.000 / 12.000
17
25.000 / 35.000
18
6.000 / 8.000
19
30.000 / 50.000
20
4.000 / 6.000
11 - 20  di 47 Lotti

Top