ARCADE | Dipinti dal secolo XVI al XX

2 OTTOBRE 2019  
112

Scuola veneta, sec. XVII

I TRE FILOSOFI

olio su tela, cm 103,5x134

 

Venetian school, 17th century

THE THREE PHILOSOPHERS

oil on canvas, cm 103,5x134

 

Eraclito e Democrito si trovano spesso raffigurati con un singolare contrasto poiché l’uno continuamente ride, l’altro invece piange. Il filosofo che ride è Democrito: se tutto è davvero una danza di atomi nel vuoto ne consegue che ogni vicenda umana deve rinunciare ad avere un senso e ridicole appaiono le preoccupazioni degli uomini che non sanno adeguare le proprie passioni a ciò che la ragione ci insegna. Al suo riso fa da contrappunto il pianto di Eraclito, il filosofo del divenire che non può distogliere gli occhi dalla caducità degli eventi e che nel tempo che travolge tutte le cose avverte la tragicità del mondo.

I due atteggiamenti emblematicamente contrapposti nei riguardi degli accadimenti terreni, simboleggiati dal globo a cui i due filosofi si rivolgono, vengono, nella tela offerta caricati sino al grottesco: l’ambientazione e il carattere semplice, quasi popolare, dei saggi, richiamano le numerose prove conosciute, ritraenti filosofi antichi, di ambito napoletano – si vedano per esempio le prove di Mattia Preti e Luca Giordano - soggetti però notevolmente diffusi anche in area veneta tra i cosiddetti pittori tenebristi.

Le smorfie grottesche sono altresì avvicinabili ad artisti nordici, per lo più fiamminghi, operanti in Italia, suggestionati a loro volta dalle ombrose atmosfere di matrice caravaggesca.

 

Stima  € 22.000 / 35.000

111 - 120  di 301 Lotti
111
€ 5.000 / 8.000
112
€ 22.000 / 35.000
113
€ 2.500 / 4.000
114
€ 7.000 / 12.000
115
€ 8.000 / 12.000
116
€ 6.000 / 8.000
117
€ 5.000 / 8.000
118
€ 2.500 / 3.500
119
€ 4.000 / 6.000
120
€ 3.000 / 5.000
111 - 120  di 301 Lotti