ARCADE | Dipinti dal secolo XVI al XX

2 OTTOBRE 2019  
109

Scuola dell'Italia settentrionale, sec. XVII

LA TORRE DI BABELE

olio su tela, cm 115x180

 

North Italian school, 17th century

THE TOWER OF BABEL

oil on canvas, cm 115x180

 

È nella Genesi, (XI 1-9), che troviamo la descrizione della torre di Babele distrutta da Dio Padre per punire l’arroganza degli uomini: un brano che si apre a diverse interpretazioni ma che in via generale simboleggia la nascita delle differenti lingue nel mondo.

L’autore della tela presentata, quasi sicuramente un fiammingo attivo a Roma, dove folta era la colonia di pittori nordici specializzati in paesaggi con aspetti fantasiosi nonostante, come nel nostro caso, di soggetto biblico, raffigura la torre secondo l’iconografia derivata dal racconto di Erodoto, lo storico greco che descrive la grande Ziqqurat di Babilonia, terminata sotto Nabucodonosor II nel VII secolo AC, e in seguito identificata proprio con la torre di Babele, composta di otto torri una sull’altra e con in cima un tempio. La suggestiva ambientazione che sceglie per l’imponente edificio è punteggiata da massicce rocce scheggiate che si stagliano su un luminoso paesaggio marino, che sembrano voler sottolineare la sfida dell’uomo alla natura nella costruzione della torre, severamente punita dall’intervento divino simboleggiato dai dardi infuocati in primo piano.

 

Stima   22.000 / 35.000

101 - 110  di 301 Lotti
101
3.000 / 5.000
102
15.000 / 25.000
103
1.500 / 2.500
104
2.500 / 3.500
105
10.000 / 15.000
106
16.000 / 25.000
107
3.000 / 5.000
108
800 / 2.000
109
22.000 / 35.000
110
3.500 / 5.000
101 - 110  di 301 Lotti