ARCADE | Argenti, libri, porcellane e maioliche

30 -  31 MAGGIO 2019  
507

PIATTO, CAPODIMONTE, 1750 CIRCA, DIREZIONE GIOVANNI CASELLI

in porcellana, mutilo della tesa, che doveva avere bordo sagomato e lobato. La qualità e la delicatezza della decorazione realizzata in monocromia violetto fanno pensare ad un’opera di un artefice vicino a Giovanni Caselli nel primo periodo della manifattura, confrontabile con il noto vaso con decoro monocromo “Augustus Rex” con scene pastorali databile tra il 1745 e il 1750. Sul retro marca giglio azzurro, diam. cm 19

 

A PLATE, CAPODIMONTE, CIRCLE OF GIOVANNI CASELLI, CIRCA 1750

 

Bibliografia di confronto

A. Caròla-Perrotti (a cura di), Le porcellane dei Borbone di Napoli. Capodimonte e Real Fabrica Ferdinandea 1743-1806, Napoli 1986, scheda 52 tav. XVIII

Stima  € 1.000 / 1.500

471 - 480  di 484 Lotti
505
€ 4.000 / 6.000
506
€ 3.000 / 4.000
507
€ 1.000 / 1.500
508
€ 4.000 / 6.000
509
€ 1.200 / 1.800
510
€ 1.000 / 1.500
511
€ 600 / 900
512
€ 600 / 900
513
€ 3.500 / 5.000
514
€ 3.000 / 4.000
471 - 480  di 484 Lotti