Importanti maioliche rinascimentali

17 APRILE 2019  
8

COPPA CON PROFILO VIRILE, MONTELUPO, 1500-1515

in maiolica dipinta in arancio, verde ramina e blu; alt. cm 19,2, diam. cm 27, diam. piede cm 15,2

 

A BOWL WITH A MALE PROFILE, MONTELUPO, 1500-1515

 

Provenienza

Trapani, Collezione Barresi;

Torino, Collezione privata;

Bologna, Collezione privata

 

Bibliografia

Raccolta appartenuta al Dott. Bartolomeo Barresi di Trapani Maioliche italiane ispano-moresche dal XV al XVIII secolo, Galleria S. A. L. G. A., Roma 1960 (ripr. in copertina e scheda n. 104)

 

 

L’opera presenta un’ampia conca a profilo campaniforme, poggiante su alto piede svasato, secondo la tipica morfologia montelupina denominata “alzata su alto piede” (F. Berti, Storia della ceramica di Montelupo, Montelupo Fiorentino, vol. II, 1998, n. 88 del repertorio di forme). All’interno del cavetto è dipinto un medaglione nel quale campeggia il busto di un uomo, col capo coperto da un berretto con falda a punta anteriore; il busto, posto di profilo, è affiancato da due alberelli stilizzati. Attorno al medaglione, entro larga fascia a fondo bianco, sono tracciate sette roselline equidistanti, mentre la restante superficie è occupata fino al bordo da un’altra fascia, entro cui si dispone una ghirlanda composta di foglie e bulbi stilizzati in blu e bianco realizzato a risparmio su fondo arancio. La stessa fascia è ripresa anche all’esterno della coppa ed è profilata da due strette fasce con brevi tratti disposti a mo’ di treccia, mentre il piede è interamente decorato da baccellature e filettature perimetrali.

La coppa, per morfologia e stile pittorico, fa parte a pieno titolo della produzione montelupina dei primi del ‘500. A confronto va riportata la coppa coeva, con soggetto nuziale, delle raccolte del MIC di Faenza, già collezione Galeazzo Cora, vicina per la foggia e per la presenza della decorazione complementare sia nel recto sia sul verso (G.C. Bojani, C. Ravanelli Guidotti, A. Fanfani, Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza. La donazione Galeazzo Cora. Ceramiche dal Medioevo al XIX secolo, Milano 1985, p. 206 n. 514 e C. Ravanelli Guidotti, Maioliche “figurate” di Montelupo, Firenze 2012, pp. 56-58). Il profilo poi trova riscontro in molte opere montelupine con ritratti maschili o femminili, come ad esempio il ritratto muliebre sul boccale amatorio databile al 1480 (F. Berti, Il museo della ceramica di Montelupo, Firenze 2008, p. 264 n. 19).

Stima  € 14.000 / 18.000

1 - 10  di 66 Lotti
1
€ 3.000 / 4.000
2
€ 2.500 / 3.500
3
€ 18.000 / 25.000
4
€ 40.000 / 60.000
5
€ 8.000 / 12.000
6
€ 2.000 / 3.000
7
€ 2.000 / 3.000
8
€ 14.000 / 18.000
9
€ 10.000 / 15.000
10
€ 40.000 / 60.000
1 - 10  di 66 Lotti