Mobili e oggetti d'arte italiani e internazionali

16 APRILE 2019  
165

OROLOGIO DA TAVOLO, FRANCIA, PRIMA METÀ SECOLO XIX

in bronzo dorato e patinato, raffigurante Saturno e Cupido a bordo di una nave con teste di cigno a decorare le estremità e due teste di drago sotto allo scafo; Saturno è appoggiato a una cassa all’interno della quale è inserito il quadrante in smalto bianco con numeri romani per le ore e arabi per i minuti e doppio foro di carica firmato Galle Rue Vivienne à Paris e Thomas hr; la nave poggia su un basamento ottagonale ornato sui lati corti da conchiglie e sul lato lungo da un fascio con un tridente e decori neoclassici, su quattro piedi a zampa ferina alata, cm 52x60x17

 

A FRENCH TABLE CLOCK, FIRST HALF 19TH CENTURY

 

Bibliografia di confronto

Tardy, Dictionnaire des Horlogers Francais, Parigi 1971, p. 243 (GALLE Paris Rue Vivienne);

E. Colle, S. Condemi (a cura di), Tempo reale e tempo della realtà. Gli orologi di Palazzo Pitti dal XVII al XIX secolo, catalogo della mostra (Firenze, Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti, 13 settembre 2016 - 8 gennaio 2017), Livorno 2016, pp. 236-237

 

Un modello simile, in bronzo dorato e firmato “Aug.te Rolland a Paris”, è pubblicato nel catalogo della mostra Tempo reale e tempo della realtà. Gli orologi di Palazzo Pitti dal XVII al XIX secolo. Descritto nell’Inventario Generale delle Argenterie, Mobili, Suppellettili esistenti nel Real palazzo di Lucca del 1820 come un esemplare “in forma di Barca col tempo e Amore gitato in bronzo dorato”, fu acquistato a Parigi per Maria Luisa Infanta di Spagna (1782-1824) quando, proclamata regina d’Etruria e regnante del Ducato di Lucca, tra il 1817 e il 1819 si dedicò al rinnovamento di Palazzo Pitti. Al centro di una barca si trova la cassa dell’orologio, mentre a prua siede Saturno, un vecchio alato e con la barba che tiene una clessidra nella mano destra e una falce nella sinistra, attributi del Tempo e della Morte. A poppa è invece Cupido, raffigurato con un remo in mano in atto di guidare la barca. Tale iconografia è stata collegata al canto popolare “Le voyage de l’Amour et du Temps” del visconte Joseph-Alexandre de Ségur (1756-1805), una composizione realizzata all’epoca della Rivoluzione francese e divenuta celebre in tutta la Francia. Più precisamente, la scena si riferisce alla strofa “L’Amore fa passare il Tempo”, allusione positiva al tempo trascorso piacevolmente.

 

 

Stima  € 4.000 / 6.000
Aggiudicazione:  Registrazione

161 - 170  di 196 Lotti
160
€ 2.000 / 3.000
161
€ 6.000 / 8.000
162
€ 1.000 / 1.500
163
€ 1.800 / 2.500
164
€ 3.000 / 4.000
165
€ 4.000 / 6.000
166
€ 5.000 / 7.000
167
€ 1.500 / 2.500
168
€ 800 / 1.200
169
€ 1.500 / 2.500
161 - 170  di 196 Lotti