Argenti, Numismatica e Libri

26 NOVEMBRE 2018
Asta, 0276
60

(Botanica – Funghi – Creta – Verona – Illustrati 600) L’ESCLUSE, Charles (de). Rariorum plantarum historia. Antuerpiae, Ex Officina Plantiniana apud Ioannem Moretum, 1601.

Stima
2.000 / 3.000
Aggiudicazione  Registrazione

(Botanica – Funghi – Creta – Verona – Illustrati 600) L’ESCLUSE, Charles (de). Rariorum plantarum historia. Antuerpiae, Ex Officina Plantiniana apud Ioannem Moretum, 1601.

In folio (338 x 216 mm). [xii] 364, cccxlviii, [12] pp. Frontespizio calcografico in elaborata cornice che ritrae Adamo, il re Salomone, Teofrasto e Dioscoride (leggermente rifilato al margine esterno); ritratto calcografico dell’autore inciso da Jacob de Gheyn (montato su brachetta, restaurato al verso, pallidamente macchiato e probabilmente proveniente da altro esemplare); oltre 1100 xilografie botaniche nel testo. Pergamena settecentesca, dorso a nervi con tassello in marocchino rosso. Ex libris di Carlo Archinto (1669-1732), conte di Tainate, di Leo Olschki (1861-1940), e di Pietro Ginori Conti (1865-1939). Primo fascicolo leggermente ingiallito e scolto, ed altre trascurabili tracce del tempo, ma nel complesso copia molto buona.

PRIMA EDIZIONE collettiva delle opere maggiori di Charles de l’Escluse, noto anche come Carolus Clusius (1526-1609), conosciuto per molti importanti studi, ma soprattutto per essere stato il primo ad osservare e studiare il fenomeno che dà origine a molte diverse varietà di tulipani, e quindi a dare avvio alla coltivazione scientifica dei tulipani in Olanda. Il presente volume contiene descrizioni di piante rare da lui osservate in vari paesi (Spagna, Italia, Ungheria), i suoi pionieristici studi sui funghi nella parte intitolata Fungorum in pannoniis observatorum brevis historia, ed inoltre: Honorii Belli Vicentini, Medici Cydoniensis in Creta insula […] De rarioribus quibusdam plantis agentes; un’epistola del naturalista Tobias Roels; Plantae, seu simplicia, ut vocant, quae in Baldo monte, et in via ab Verona ad Baldum reperiuntur […] nunc à Ioanne Pona […] repertae, descriptae, & editae; ed in fine gli indici di tutte le piante nominate. L’esemplare, fresco e genuino, è completo del ritratto dell’autore e del Privilegium, spesso assenti, e ha un’ottima provenienza. Carlo Archinto, membro di una ricca famiglia di banchieri milanesi, fu grande studioso e bibliofilo, e uomo attivo nell’amministrazione di Milano. Pietro Ginori Conti è stato un imprenditore e politico italiano. Leo S. Olschki è stato un grandissimo bibliofilo, nonché fondatore dell’omonima casa editrice tutt’ora in attività.

 

FIRST COLLECTIVE EDITION of the major works of Charles de l'Escluse, also known as Carolus Clusius (1526-1609). Fresh and unsophisticated copy, complete with the portrait of the author and Privilegium, often missing, and with an excellent provenance (Carlo Archinto, Pietro Ginori Conti, and Leo S. Olschki).