Arte Moderna e Contemporanea

11 GIUGNO 2018  
31

FERNANDEZ ARMAN

(Nizza 1928 - New York 2005)

Violini

olio su tela, cm 130x200

firmato in basso a sinistra

eseguito nel 1961

 

L'opera è registrata presso l'Archivio Fernandez Arman, che ne ha confermata

l'autenticità.

 

Rappresentante del Nouveau Réalisme, il movimento nato attorno al critico Pierre Restany che nell'aprile del 1960 ne stilò il manifesto. Arman,  nei primi anni Cinquanta iniziò a creare i suoi primi Cachets, abbandonando man mano la tela, e nel 1959 Allures, varianti dei Cachets, consistenti di impronte fatte sulla tela con una varietà di oggetti precedentemente immersi nel colore. Nello stesso anno cominciò a creare i suoi Colères, composizioni di oggetti rotti, specialmente strumenti musicali, e le sue Accumulations, assemblages di oggetti di consumo o di rifiuto. in questa fase di passaggio e di mutamento, gli oggetti prendono forma ancora sulla tela, ancora rappresentati con tratto fermo e inconfondibile, come la rappresentazione di questi violini datata 1961. Si interessa, porprio a partire dal 1961, alla decomposizione dei soggetti attraverso il découpage e concentra le sue ricerche su numerosi bronzi. L’artista intende denunciare la società e procede così a delle “distruzioni”, distruzioni ottenute dalla forza, dal fuoco: violini, pianoforti, sassofoni e vari strumenti musicali.

 

Stima 
  20.000 / 40.000
Aggiudicazione:  Registrazione

31 - 40  di 162 Lotti
31
20.000 / 40.000
32
13.000 / 20.000
34
12.000 / 18.000
35
25.000 / 35.000
36
18.000 / 25.000
37
2.000 / 6.000
38
7.000 / 10.000
39
15.000 / 25.000
40
20.000 / 40.000
41
4.000 / 8.000
31 - 40  di 162 Lotti