LIBRI, MANOSCRITTI E AUTOGRAFI

14 FEBBRAIO 2018
Asta, 0244
16

FATTORI, Giovanni – VIANI, Lorenzo, et el. Serie di 10 lettere e 9 cartoline scritte a Gustavo Pierotti della Sanguigna tra il 1910 ed il 1934 da 11 diversi mittenti, per lo più pittori dell’epoca, ma anche scultori e letterati. Tra queste, le più interessanti per contenuto sono una missiva e due cartoline in cui si fa riferimento a Giovanni Fattori (1825-1908). La prima è una lettera autografa firmata del poeta e giornalista Angiolo Orvieto (1869-1967), scritta nel gennaio 1912, in cui parla a Pierotti delle “condizioni poco decorose nelle quali si trova la bimba di Giovanni Fattori a Livorno” e aggiunge “Mi unisco a lei nel deplorarle, e auguro di cuore che la sua nobile iniziativa persuada presto Livorno e la Toscana tutta della solenne ingiustizia che commettono – anzi che commettiamo – non tributando alla memoria del grande pittore tutti gli onori dei quali è ben degna.” Le due cartoline, scritte nel 1915 dal pittore Moses Levy (1885-1968), accennano entrambe a un disegno di Fattori, di cui Levy dice “tenterò di venderlo a un collezionista che conosco. Mi accorgo che se il povero Fattori rinascesse, rimorirebbe di fame”. Si aggiungono: 1 cartolina scritta e firmata nel 1910 dal pittore Lorenzo Viani (1882-1936) (1910); 1 cartolina scritta e firmata nel 1910 del critico, poeta e scrittore Giuseppe Lipparini (1877-1951); 2 lettere con busta e 2 cartoline scritte e firmate tra il 1911 ed il 1922 del pittore Oscar Ghiglia (1876-1945); 2 lettere con busta scritte e firmate nel 1911 dello scultore Domenico Trentacoste (1859-1933); 1 cartolina scritta e firmata nel 1911 del pittore Ugo Bernasconi (1874-1960); 1 lettera con busta scritta e firmata nel 1914 del pittore Spartaco Carlini (1884-1949); 1 cartolina scritta e firmata nel 1915 dello scultore Antonio Garella (1863-1919); 2 lettere con busta e una cartolina scritte e firmate tra il 1930 e il 1932 del pittore Libero Andreotti (1875-1933); 2 lettere con busta, scritte e firmate nel 1934 del pittore Filippo Marfori Savini (1877-1952).

Stima
150 / 200
Aggiudicazione:  Registrazione

FATTORI, Giovanni – VIANI, Lorenzo, et el. Serie di 10 lettere e 9 cartoline scritte a Gustavo Pierotti della Sanguigna tra il 1910 ed il 1934 da 11 diversi mittenti, per lo più pittori dell’epoca, ma anche scultori e letterati. Tra queste, le più interessanti per contenuto sono una missiva e due cartoline in cui si fa riferimento a Giovanni Fattori (1825-1908). La prima è una lettera autografa firmata del poeta e giornalista Angiolo Orvieto (1869-1967), scritta nel gennaio 1912, in cui parla a Pierotti delle “condizioni poco decorose nelle quali si trova la bimba di Giovanni Fattori a Livorno” e aggiunge “Mi unisco a lei nel deplorarle, e auguro di cuore che la sua nobile iniziativa persuada presto Livorno e la Toscana tutta della solenne ingiustizia che commettono – anzi che commettiamo – non tributando alla memoria del grande pittore tutti gli onori dei quali è ben degna.” Le due cartoline, scritte nel 1915 dal pittore Moses Levy (1885-1968), accennano entrambe a un disegno di Fattori, di cui Levy dice “tenterò di venderlo a un collezionista che conosco. Mi accorgo che se il povero Fattori rinascesse, rimorirebbe di fame”. Si aggiungono: 1 cartolina scritta e firmata nel 1910 dal pittore Lorenzo Viani (1882-1936) (1910); 1 cartolina scritta e firmata nel 1910 del critico, poeta e scrittore Giuseppe Lipparini (1877-1951); 2 lettere con busta e 2 cartoline scritte e firmate tra il 1911 ed il 1922 del pittore Oscar Ghiglia (1876-1945); 2 lettere con busta scritte e firmate nel 1911 dello scultore Domenico Trentacoste (1859-1933); 1 cartolina scritta e firmata nel 1911 del pittore Ugo Bernasconi (1874-1960); 1 lettera con busta scritta e firmata nel 1914 del pittore Spartaco Carlini (1884-1949); 1 cartolina scritta e firmata nel 1915 dello scultore Antonio Garella (1863-1919); 2 lettere con busta e una cartolina scritte e firmate tra il 1930 e il 1932 del pittore Libero Andreotti (1875-1933); 2 lettere con busta, scritte e firmate nel 1934 del pittore Filippo Marfori Savini (1877-1952).

(cartellina con 10 lettere e 9 cartoline)