MONETE MEDIOEVALI E MODERNE E UNA PRESTIGIOSA COLLEZIONE DELLA ZECCA DI SIENA E MONTALCINO

28 NOVEMBRE 2017
Asta, 0228
102

SIENA REPUBBLICA (1404 – 1555), MEZZO GIULIO DA 20 QUATTRINI (1540-1541)

Stima
700 / 1.000
Aggiudicazione:  Registrazione

SIENA REPUBBLICA (1404 – 1555), MEZZO GIULIO DA 20 QUATTRINI (1540-1541)

Ag gr. 1,64 D/ SENA VET • CIVIT • VIRG  la Beata Vergine, nimbata e velata, stante di fronte, con la testa lievemente a s. e le mani giunte in preghiera, dentro un’aureola ellittica con tre cherubini tra splendori per lato e un cherubino sotto i suoi piedi.  R/ cerchio crociato  ALPH • ET • W • PRINCIP • ET • FINI Croce ornata. MIR 550 Toderi 56

Molto raro Buon BB 

Segno attribuito allo zecchiere Leonardo da Parma (1540-1541) che appaltò l’officina senese dal 16 giugno 1540 al 15 luglio 1541. È possibile che nella scelta iconografica di Maria stante a mani giunte in preghiera lo zecchiere si sia ispirato a quella dipinta dal maestro Giovanni di Lorenzo Cini, allievo del Beccafumi, in un glorioso stendardo portato in battaglia dai senesi nel 1526 contro le schiere papali-fiorentine, accampate in assedio presso Camollia, e poi replicato con diverse varianti in opere monumentali dallo stesso pittore. In particolare l’idea di circondare l’Assunta da un’ellisse di splendori e teste angeliche trova confronti immediati nel baldacchino di Giovanni nella Chiesa del Carmine e nella pala dell’Immacolata nella Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo in Salicotto (Paolozzi Strozzi 1992, p. 142).