Auto Classiche

27 SETTEMBRE 2017
Asta, 0216
16

FIAT 509 (1929)

Stima
10.000 / 15.000
Aggiudicazione:  Registrazione

FIAT 509 (1929)

 

TELAIO N. 253474

 

MOTORE: 4 CILINDRI IN LINEA

CILINDRATA: 990 CM3

POTENZA: 22 CV

CARROZZERIA: TORPEDO

 

La 509 ebbe il difficile compito di succedere alla 501, forse la prima vera Fiat popolare, prodotta in quasi 67.000 esemplari tra il 1919 e il 1926. Solidissima, semplice e generosa la 501 interpretò e contribuì alla ripresa dopo la prima Guerra Mondiale, avvicinando molti italiani della classe medio-alta all’automobile.

Uno dei molti meriti della 501 fu quello di permettere alla Fiat di coprire tutto il territorio nazionale con una rete capillare di Concessionari e Officine, e di iniziare a considerare una serie di strategie commerciali moderne, che sarebbe stata utile per la diffusione della 509.

Questa si presentò già nel 1925 dotata di un motore a quattro cilindri con albero a camme e valvole in testa, abbastanza moderno per l’epoca. Con cilindrata di soli 990 cm3, contro i 1500 della 501, la 509 erogava la stessa potenza, soprattutto grazie al regime di rotazione, che era passato da 2600 a 3400 giri al minuto: un motore quindi più moderno, mentre il precedente era ancora molto legato alla realtà pionieristica dell’anteguerra.

La 509 fu prodotta naturalmente con una serie di carrozzerie, ma quelle più numerose furono la Torpedo e la Berlina, entrambe a due porte. Con un peso di soli 1085 kg., la Torpedo raggiungeva la velocità di 78 km/h. Per facilitare la diffusione del nuovo modello, la Fiat mise a punto un’organizzazione per il finanziamento all’acquisto: la SAVA, che avrebbe avuto un grande successo e sarebbe durata fino a pochissimi anni fa, confluendo poi nella attuale FCA Bank.

La 509 Torpedo che presentiamo in asta oggi appartiene da quarantun anni ad un collezionista fiorentino ed è stata completamente restaurata una ventina d’anni fa. Negli ultimi anni è stata usata pochissimo e quindi si presenta nelle condizioni ideali di una vettura restaurata ma non troppo ‘scintillante’, ed è pronta ad offrire al nuovo proprietario –per un investimento molto modesto- le impagabili gioie dell’automobilismo Vintage.

La vettura è in ottime condizioni meccaniche, ma per sicurezza consigliamo all’acquirente di sottoporla a un controllo e di sostituire i fluidi, i filtri e particolari deperibili.