Stampe e disegni dal XVI al XX secolo

Stampe e disegni dal XVI al XX secolo

Asta

FIRENZE
Palazzo Ramirez-Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
20 GIUGNO 2017
ore 15.30

Esposizione

FIRENZE
16-19 Giugno 2017
orario 10-13 / 14–19 
Palazzo Ramirez-Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
info@pandolfini.it

Tutte le categorie

Visualizzazione tipo lista
Visualizzazione tipo griglia
31 - 60  di 241 LOTTI
201706200115500.jpg

De Liagno, Teodoro Filippo

detto Filippo Napoletano

(Napoli 1588 ca. – Roma 1629 ca.)

CAPRICCI E HABITI MILITARI.

Acqueforti. mm 119/126x91/100

TIB 38/17, 2–13. Putaturo Muraro, pp. 197-199.

Rarissima serie completa di 12 incisioni mancante alle maggiori collezioni

pubbliche e della quale non si conoscono precedenti di mercato se non

per singole tavole. Opera fondamentale nella rarefatta produzione incisoria

dell’artista napoletano che influenzò con essa le più celebri Figurine di

Salvator Rosa. 11 tavole recano incisi la firma e l’indirizzo di Giovanni Orlandi

(attivo fra il 1590 ed il 1640) mentre una tavola è avanti lettera, così come

negli esemplari conservati al British Museum (unica serie completa ad oggi

conosciuta) e riprodotti nel The Illustrated Bartsch. La questione degli stati

di questi fogli è ancora controversa: probabilmente esistono esemplari privi

dell’indirizzo di Orlandi e della firma, ne sarebbero testimonianza, oltre a

quello contenuto nella presente serie, uno conservato al British Museum con

questa caratteristica (Inv. 1866,1208.575); è inoltre possibile che l’indirizzo

sia stato successivamente abraso e magari sostituito da quello di Giuseppe

De Rossi nel cui inventario compaiono le lastre sotto il titolo Vari scherzi e

attitudini di soldati (pag. 86 c.4) e che avrebbe curato un’edizione postuma

nel 1635. Secondo questa teoria gli 11 esemplari con firma della presente

serie sarebbero nel II stato su 3 mentre quello avanti lettera nel I stato su 3.

Bellissime impressioni non omogenee stampate su carta vergellata. Sottile

margine irregolare oltre l’impronta della lastra salvo in tre tavole rifilate

intorno o poco oltre l’impronta della lastra, alcune piccole lacune restaurate

o minime abrasioni al verso rinforzate agli angoli o ai margini di alcune tavole,

per il resto ottima conservazione.

(12)

Stima    2.800 / 3.500
Aggiudicazione:  Registrazione
201706200117000.jpg

Maestro del nome di Gesù

o Monogrammista IHS

(attivo in Italia I metà del XVI secolo)

LIBRO DI VARIATE MASCARE QUALE SERVONO

A PITTORI SCULTORI ET A HUOMINI INGENIOSI.

1560

Rara serie omogenea di 18 incisioni a bulino. mm 148/161x133/144.

Nagler, 2602.33.

Ciascuna tavola è monogrammata sulla lastra. Al frontespizio

la data “1560” e la firma “Renatus b. fecit”. La serie completa

è composta da un numero imprecisato di tavole (almeno 16

secondo Nagler); quella più numerosa conosciuta è di 24 tavole ed

appartiene al Victoria & Albert Museum.

Niente si sa dell’identità del Monogrammmista IHS; Bartsch lo ritiene

probabilmente un editore e non un incisore considerando troppo

varia la qualità stilistica delle incisioni recanti il monogramma.

La firma sul frontespizio, in aggiunta al monogramma, ha dato

origine ad un dibattito sull’identità del monogrammista e dunque

sull’attribuzione della serie: secondo Bartsch il nome “Renatus”

sarebbe il nome di battesimo del monogrammista; Nagler

aggiunge che “Renatus b.” sta per René Boyvin, non escludendo

che sia l’incisore della serie. Più recentemente Miller ha ritenuto

che Boyvin sia l’editore, rimanendo sconosciuta l’identità del

monogrammista che sarebbe l’autore dei disegni.

Serie di notevole qualità e rarità. Ottime prove impresse con

inchiostrazione forte e brillante su sottile carta vergellata con

filigrane “Aquila entro uno scudo sormontato da stella” e “Aquila

entro uno scudo”. Rifilate intorno o poco oltre l’impronta della

lastra e generalmente oltre la linea di contorno.

(18)

Stima    5.000 / 7.000
Aggiudicazione:  Registrazione
201706200118100.jpg

Piranesi, Giovanni Battista

(Mogliano Veneto 1720 – Roma 1778)

LAPIDES CAPITOLINI / ANTICHITÀ DI CORA / LE

ROVINE DEL CASTELLO DELL’ACQUA GIULIA /

ALCUNE VEDUTE DI ARCHI TRIONFALI

Album in folio grande (mm 572x440) contenente 4 serie complete:

Lapides capitolini sive fasti consulares triomphalesque romanorum ab

urbe condita usque ad Tiberium Cesarem. 1762

Focillon, 421/427. Wilton-Ely, 553/558.

Un frontespizio figurato, 1 dedica figurata a Clemente XIII , 2

pagine di prefazione con antiporta incisa, 1 grande tavola ripiegata

della Lapide Capitolina e 61 pagine numerate di indici con 3 tavole.

Antichità di Cora descritte e incise da Giovambat. Piranesi. 1764

Focillon, 537/550. Wilton-Ely, 671/684.

Un frontespizio figurato, 15 pagine numerate di testo con antiporta

figurata e 12 tavole.

Le rovine del castello dell’Acqua Giulia situato in Roma presso S.

Eusebio e falsamente detto dell’Acqua Marcia ... 1761

Un frontespizio figurato, 26 pagine numerate di testo con 2

capilettera e 2 vignette e 20 tavole.

Alcune vedute di archi trionfali ed altri monumenti inalzati da Romani

1748

Focillon, 41, 45/71. Wilton-Ely, 103, 107/133.

Un frontespizio, 1 dedica, 2 tavole con le trascrizioni delle lapidi

dell’arco di Settimio Severo e del ponte di Rimini e gli indici e 27

tavole.

Pregiata raccolta delle prime tre opere di Piranesi (sovente rilegate

assieme), arricchita dalla serie degli Archi trionfali, quest’ultima

pubblicata per la prima volta nel 1748 con dedica a Monsignor

Bottari e successivamente nel 1761 con il titolo modificato, il

numero delle opere elevato a 31 e l’eliminazioine delle bordure

grottesche nelle tavole di dedica e dei contenuti. Questa serie nel

nostro esemplare contiene tutte le tavole nel I stato ed appartiene

alla prima tiratura della seconda edizione.

Esemplare in edizione romana.

Ottimo esemplare stampato con inchiostrazione piena e brillante

su carta con filigrane “Giglio entro doppio cerchio sormontato da

lettera B” (Robison filigrane, 39), “Giglio entro doppio cerchio su

lettera A e sormontato da lettera B” (Robison filigrane, 41), “Giglio

entro cerchio singolo su lettera B e sormontato da calice” (Robison

filigrane, 18), Margini editoriali, ottima conservazione. Legatura

in piena pergamena con dorso a 6 nervi e rilievi in oro e tagli

marmorizzati.

Stima    8.000 / 12.000
Aggiudicazione:  Registrazione
31 - 60  di 241 LOTTI