UN SECOLO TRA COLLEZIONISMO E MERCATO ANTIQUARIO A FIRENZE

19 OTTOBRE 2016  
76

BACINO DI ACQUASANTIERA, PROBABILMENTE MOLISE, SECOLO XVI

in marmo bianco a grana fine scolpito e levigato e rifinito a trapano; vasca di forma ellittica decorata all’interno con due serpenti che si intrecciano, resi a bassorilievo; sui lati si trovano due mascheroni di satiro ghignanti e barbati, uno giovane ed uno anziano, inquadrati da volute vegetali, cm 37x34x21. Lacune e mancanze

 

I due serpenti simboleggiano con probabilità il Maligno nella sua ipostasi più comune, quella del serpente, che viene sconfitto mediante l’acqua santa nella quale è suo malgrado immerso e l’insieme rappresenta quindi la lotta fra il Bene ed il Male con il serpente che cerca di uscire dalla vasca colma di acqua santa, luogo per lui di sofferenza

 

Bibliografia

R. Calamini e S. De Luca, in Le stanze dei tesori. Collezionisti e antiquari a Firenze tra Ottocento e Novecento, catalogo della mostra, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, a cura di L. Mannini, Firenze 2011, p. 154, n. 4

 

Bibliografia di riferimento

F. Valente, Croci stazionarie nei luoghi antichi del Molise, Campobasso 2008

 

Stima  € 8.000 / 12.000
Aggiudicazione:  Registrazione

81 - 90  di 120 Lotti
82
€ 5.000 / 7.000
83
€ 18.000 / 25.000
84
€ 35.000 / 50.000
85
€ 25.000 / 35.000
86
€ 10.000 / 15.000
87
€ 60.000 / 80.000
88
€ 100.000 / 150.000
89
€ 40.000 / 60.000
90
€ 80.000 / 120.000
91
€ 40.000 / 60.000
81 - 90  di 120 Lotti

Top