Arte Orientale e Reperti Archeologici

16 MAGGIO 2012  
372
Plautilla Materia e tecnica: marmo bianco italico a grana fine, scolpito e levigato Testa di giovane donna acconciata con trecce parallele disposte longitudinalmente rispetto alle testa e trattenute da unulteriore che si conclude in un importante chignon sulla nuca. I tratti del viso sono estremamente delicati ma con gli occhi chiaroscurati, le palpebre in rilievo, zigomi appena accennati e la bocca appena dischiusa in un leggero sorriso. La giovane è raffigurata con la testa leggermente piegata a sinistra e lo sguardo rivolto verso il basso Produzione: romana Stato di conservazione: ricomposta da due frammenti, naso di restauro, superficie scheggiata, su moderna base cubica in marmo rosso Dimensioni: alt. cm 23,5 Datazione: III sec. d.C. Plautilla (182-212), figlia del prefetto Gaio Fulvio Plauziano, nel 200 fu promessa in sposa a Caracalla, che sposò nel 202 diventando augusta. Dopo il divorzio, nel 205, fu mandata in esilio a Lipari dove fu giustiziata per ordine dell'imperatore nel 212. Sebbene sia stata augusta per soli tre anni, Plautilla è nota per numerosi ritratti statuari e monetali che la rappresentano spesso con il tipo di pettinatura di questa scultura che sarebbe rimasto di moda fino al V secolo. In regime di temporanea importazione in Italia.
Offerta Libera
Aggiudicazione:  Registrazione

191 - 200  di 202 Lotti
371
Offerta Libera
372
Offerta Libera
374
Offerta Libera
375
Offerta Libera
376
Offerta Libera
377
Offerta Libera
379
Offerta Libera
380
Offerta Libera
381
Offerta Libera
382
Offerta Libera
191 - 200  di 202 Lotti