Reperti Archeologici

10 GIUGNO 2014
Asta, 0032
142

Collezione di centoquarantadue (142) reperti dichiarati di interesse

Stima
15.000 / 18.000
Aggiudicazione:  Registrazione

Collezione di centoquarantadue (142) reperti dichiarati di interesse      

archeologico particolarmente importante con D.S.R.  10/02/2004            

                                                                          

La Collezione comprende centoquarantadue reperti e proviene essenzialmente

da necropoli ed insediamenti apuli-lucani preromani del territorio delle  

province di Bari e di Foggia, databili fra il VI ed il III sec. a.C.; vi  

sono rappresentate le classi vascolari più significative del periodo in   

Magna Grecia compresa la ceramica di importazione greca, tanto attica     

quanto corinzia, di età arcaica.                                          

La Collezione quindi è sia di grande interesse storico artistico che      

scientifico per la ricostruzione dei rapporti commerciali tanto con le    

città greche della madrepatria quanto con le colonie dellarco ionico, in  

particolare Taranto e Metaponto.                                          

Interessante è la presenza di un cospicuo numero di vasi attici e corinzi,

fra i quali assolutamente rara e notevole per la qualità e originalità    

della raffigurazione è la lekythos a figure nere riportante il mito di    

Eracle che cattura i Cercopi.                                             

Molto nutrito è il gruppo delle ceramiche geometriche di produzione       

indigena  sia peuceta che daunia, con esemplari di bella qualità          

Rappresentata da pochi ma significativi reperti è anche la produzione     

coloniale di età arcaica che comprende una bella coppa di tipo ionico, una

kylix ed unoinochoe trilobata; la ceramica a vernice nera mostra esempi di

oggetti tecnicamente assai raffinati, opera di officine che avevano       

raggiunto un alto standard qualitativo fra il V ed il IV sec. a.C. La     

ceramica suddipinta e nello stile di Gnathia offre unesecuzione molto     

raffinata delle decorazioni e una grande varietà di forme come un raro    

askos dipinto con tralci di pampini e una bella epichysis a rocchetto. La 

ceramica a figure rosse presente nella Collezione esprime sempre un buon  

livello di esecuzione, come nel caso dellhydria attribuibile al Pittore del

Primato con una Menade in corsa.                                          

Anche i diversi esemplari di coroplastica sono eseguiti con matrici di    

ottima qualità                                                            

Chiude la Collezione un piccolo nucleo di monete bronzee la cui provenienza

è più difficilmente determinabile.                                        

                                                                          

                                                                          

Ventiquattro vasi di ceramica indigena                                    

Olla con orlo a imbuto                                                    

Materia e tecnica: argilla beige chiaro, ingubbiatura camoscio, vernice   

bruna e paonazza, modellata a tornio lento                                

Grande olla con orlo ad imbuto, corpo globulare schiacciato ai poli, anse a

nastro schiacciato, impostate obliquamente sulla massima espansione,      

alternate a protomi  in forma di mano stilizzata                          

Decorazione: a motivi geometrici con archi penduli, fasce e linee         

parallele                                                                 

Produzione: ceramica subgeometrica daunia                                 

Stato di conservazione: integra                                           

Dimensioni: alt. cm 20,7; diam. bocca cm 20,5                             

Datazione: subgeometrico daunio II, 550-400 a.C.                          

Cfr.: E. M. De Juliis, La ceramica geometrica della Daunia, Firenze 1977  

                                                                          

Brocca con labbro orizzontale                                             

Vicino alla forma, VII, 5  De Juliis1977                                  

Materia e tecnica: argilla beige chiaro, ingubbiatura camoscio, vernice   

bruna e paonazza, modellata a tornio lento                                

Labbro orizzontale, collo indistinto, corpo globulare leggermente         

compresso, fondo piatto, ansa a nastro verticale e sormontante impostata  

dallorlo alla massima espansione e decorata con due bottoni               

Decorazione: sullorlo fasce parallele in bruno e paonazzo che si ripetono 

analogamente sul corpo. Sulla massima espansione inquadrata fra due fasce 

banda a motivi geometrici, sul fondo del vaso doppi archi di cerchio      

penduli                                                                   

Produzione: ceramica subgeometrica daunia                                 

Stato di conservazione: integra                                           

Dimensioni: alt. cm 20,4; diam. bocca cm 12,6                             

Datazione: subgeometrico daunio II, 550-400 a.C.                          

Cfr.: E.M. De Juliis, La ceramica geometrica della Daunia, Firenze 1977   

                                                                          

Grande stamnos                                                            

Materia e tecnica: argilla beige chiaro, ingubbiatura camoscio, vernice   

bruna, modellato a tornio veloce                                          

Orlo a colletto, spalla appiattita, corpo ovoidale, fondo piatto, anse a  

bastoncello verticali impostate sulla spalla                              

Decorazione: sulla spalla tralcio orizzontale di foglie, sul ventre fasce 

in bruno                                                                  

Produzione: ceramica subgeometrica daunia                                 

Stato di conservazione: integro, vernice evanide                          

Dimensioni: alt. cm 24,6; diam. bocca cm 10,6                             

Datazione: subgeometrico daunio II, 550-400 a.C.                          

                                                                          

Due oinochoai a bocca trilobata                                           

Materia e tecnica: argilla beige chiaro, ingubbiatura camoscio, vernice   

bruna e paonazza, modellate a tornio veloce                               

Bocca trilobata pronunciata da due apicature, corpo ovoide, fondo piatto e

piede troncoconico, ansa a nastro impostata dallorlo alla massima         

espansione                                                                

Decorazione: sulla spalla motivo gocce radiali, sul ventre fasce alternate

in bruno e in bruno e paonazzo                                            

Produzione: ceramica subgeometrica daunia                                 

Stato di conservazione: integra una, priva dellansa laltra, cadute di     

colore                                                                    

Dimensioni: alt. cm 19,7 e cm 16,2; diam. bocca cm 7,9 e cm 6,2           

Datazione: subgeometrico daunio II, 550-400 a.C.                          

                                                                          

Sei brocche                                                               

Materia e tecnica: argilla beige chiaro, ingubbiatura camoscio, vernice   

bruna e paonazza, modellate a tornio veloce                               

Brocche con labbro circolare, appiattito o svasato, corpo globoso o ovoide,

ansa a nastro impostata dallorlo alla spalla, fondo piatto o piede        

troncoconico                                                              

Decorazione: a fasce alternate in bruno e paonazzo                        

Produzione: ceramica subgeometrica daunia                                 

Stato di conservazione: integre ad eccezione di una priva della bocca     

Dimensioni: alt.da cm 20,4 a cm 11,9; diam. bocca cm 7,9 e cm 6,2         

Datazione: subgeometrico daunio II, 550-400 a.C.                          

                                                                          

Fanno parte inoltre della ceramica indigena: due askoi dauni, uno dei quali

anulare, un krateriskos, un coperchio di stamnos, una pisside, unolletta  

biansata, una coppetta monoansata ed una lekythos tutti decorati a fasce e

motivi geometrici; tre kantharoi subgeometrici peuceti, decorati a reticolo

e motivi geometrici, un grande cratere a colonnette ed una coppa peuceti  

                                                                          

Sei vasi di ceramica di importazione                                      

Kotyle corinzia                                                           

Materia e tecnica: argilla beige, ingubbiatura camoscio, vernice bruna e  

paonazza, modellata a tornio veloce                                       

Orlo diritto, vasca troncoconica, piede a disco, anse a bastoncello       

impostate obliquamente sotto lorlo                                        

Decorazione: trattini a tremolo sotto il labbro, fasce alternate in bruno e

paonazzo                                                                  

Produzione: ceramica corinzia                                             

Stato di conservazione: integra                                           

Dimensioni: alt. cm 5,2, diam. orlo cm 7,6                                

Datazione: VI sec. a.C.                                                   

                                                                          

Tre lekythoi attiche a figure nere e a fondo bianco                       

Materia e tecnica: argilla figulina arancio, vernice nera lucente e bianca;

suddipinture in bianco e paonazzo, dettagli resi a graffito, modellate a  

tornio veloce                                                             

Tutte con bocchello di forma troncoconica rovescia, collo sottile         

cilindrico a profilo concavo, indistinto, spalla obliqua, corpo ovoide    

rastremato verso il basso, ansa a nastro impostata verticalmente dal collo

alla spalla, piede troncoconico                                           

Decorazione accessoria: bocchello ed esterno dellansa verniciati, spalla  

con falsa baccellatura e catena di boccioli di fiori di loto; parte