DAL RINASCIMENTO AL PRIMO '900. PERCORSO ATTRAVERSO CINQUE SECOLI DI PITTURA

11 MAGGIO 2022
Asta, 1117
1

Sano di Pietro (Ansano di Pietro di Domenico)

Stima
20.000 / 30.000
Aggiudicazione:  Registrazione

Sano di Pietro (Ansano di Pietro di Domenico)

(Siena, 1405 – 1481)

SAN BERNARDINO DA SIENA

tempera e oro su tavola, cm 27x20,5

 

SAINT BERNARDINO FROM SIENA

tempera and gold on panel, cm 27x20,5

 

L’inedita tavoletta qui presentata si aggiunge al corpus ormai numeroso di immagini dedicate al patrono di Siena da Sano di Pietro e dalla sua bottega, a partire dall’affresco eseguito per la sala dei magistrati di Biccherna nel Palazzo Comunale, commissionato all’artista il 28 dicembre 1450, poco dopo la canonizzazione proclamata da Niccolò V.

Tra i numerosi esemplari censiti – di cui si illustra qui per confronto la tavola conservata nel Museo del Tesoro della Basilica ad Assisi, dalla collezione F. Mason Perkins, in cui il santo è raffigurato per intero e sorretto da angeli – il più vicino al nostro è senza dubbio il dipinto del Metropolitan Museum di New York (inv. 1975.1.46) dalla collezione Lehman (J. Pope-Hennessy, The Robert Lehman Collection I. Italian Paintings, New York 1987, pp. 152-53, n. 64).

Il confronto con la tavola qui offerta non si limita infatti alla figura del santo, riprodotta anche nelle pieghe del saio e nel gesto delle mani che impugnano la tabella col trigramma IHS, ma si estende anche alla punzonatura, identica sebbene arricchita di un giro supplementare nell’aureola del nostro santo.

È poi interessante notare come anche la nostra tavola, come quella Lehman, presenti la punzonatura lungo i margini laterali e quello superiore, ma non in basso: questo dato ha suggerito a John Pope-Hennessy e Lawrence Canter, curatori del catalogo Lehman, che il San Bernardino a New York e il compagno, San Francesco, nella stessa collezione facessero parte di una predella di polittico.