AUTO CLASSICHE

Pandolfini opera in quasi tutti i settori dell'arte e del collezionismo dal 1924 e negli ultimi 10 anni è divenuta leader del mercato italiano con numeri e performance di livello internazionale nei settori più tipici dell’arte e dell’antiquariato, ma anche in aree innovative per il nostro mercato come i vini da Collezione, l’Arte Orientale o l’Archeologia.
Una strategia e una voglia d’innovarsi che ha trovato continuità nel dipartimento AUTO CLASSICHE, che non può esimersi dal selezionare anche motociclette, memorabilia, documenti, cimeli…

La prima asta di AUTO CLASSICHE, come annunciato in primavera, sarà il 27 settembre a Villa La Massa un capolavoro mediceo adagiato su un’ansa dell’Arno a pochissimi chilometri dal centro di Firenze.
Posseduta e gestita da anni da Villa d’Este, il magnifico Hotel sul Lago di Como che ha vinto i più prestigiosi riconoscimenti dell’Hotellerie mondiale, Villa la Massa offrirà una cornice inimitabile e un altissimo livello di servizio
In esposizione dal 23 settembre circa 40 automobili e 11 motociclette di sicuro interesse: infatti per la prima asta in questo difficile settore, Pandolfini ha deciso di puntare alla qualità più che alla quantità.
Ciò che accomuna tutte le vetture proposte da Pandolfini è la provenienza: contrariamente alle consuete proposte di vetture provenienti da commercianti e presentate nelle Fiere internazionali e nei siti internet, quindi  molto ben conosciute, i contatti e la credibilità di Pandolfini hanno permesso di accedere a vetture detenute da collezionisti che sono al di fuori dall’ambiente specializzato delle auto d’epoca.
Una via che permetterà di veder riapparire dopo cinquanta anni o più importanti vetture che si ritenevano scomparse, come molte auto messe in vendita da appassionati che le hanno curate amorevolmente per tantissimi anni.

Regina assoluta dell’Asta sarà una Alfa Romeo 6C 2300 Turismo con una carrozzeria incredibile realizzata dalla Touring e battezzata “Soffio di Satana”: costruita in due soli esemplari era stata creduta persa, mentre è semplicemente stata conservata e coccolata dal suo appassionato proprietario per più di cinquant’anni.
Oltre a tutte le sue qualità motoristiche e tecniche, stilistiche e di conservazione, questa Alfa Romeo mai restaurata e conservata in modo veramente commovente rappresenta un pezzo della Storia italiana del XX Secolo dato che il suo primo proprietario fu nientemeno che il Comandante Gabriele D’Annunzio, Principe di Montenevoso, a fronte di tutto ciò la sua stima è a richiesta.

Ma l’Alfa che ci piace pensare percorrere i viali del Vittoriale non è l’unica auto a brillare in questa prima asta di Pandolfini, il catalogo presenta altre stelle di altissimo interesse collezionistico, veri e propri capolavori della meccanica e dello stile italiano degli anni Venti e Trenta, ma anche una serie di vetture sportive degli anni ’80 e ’90, come non mancano esempi importanti di vetture degli anni del boom o poco prima come la Jaguar XK 120 OTS del 1953, un capolavoro creato in sole due settimane per essere presentato al salone di Londra del 1948, che è in catalogo per la cifra di 85.000/95.000 euro.

Tra le vetture di grande interesse per il pubblico vi saranno alcune Ferrari tra cui due icone degli anni ’80 come la Testarossala cui stima è di 80.000/100.000 euro, la 308 GTS del 1981 e, con stima a richiesta,  la rarissima e “esagerata” 599 GTO del 2010.
In catalogo per 18.000/22.000 euro anche una Rolls-Royce Silver Wraith II, modello degli anni ’80 che fu prodotto in soli 2.144 esemplari, la maggioranza dei quali per usi ufficiali, in livrea nera o blu scuro e con divisorio. Questa vettura rappresenta quindi un rarissimo esempio di Silver Wraith II ‘privata’: fu infatti acquistata nel 1980 da una signora che se la fece consegnare ad Hong Kong, e la usò fino al 1989.
Continuando a parlare di vetture sportive non sono da perdere, per i moltissimi collezionisti del Marchio, una serie di Porsche 911, tra le quali una Speedster assolutamente eccezionale anche lei in catalogo con stima a richiesta.
Berline, spider, coupé, persino un classico pulmino Volkswagen in catalogo per 18.000/20.000 euro, e due fuoristrada molto speciali: una Jeep MB restaurata e munita di tutti gli accessori tipici delle vetture utilizzate dagli americani durante la guerra, ed una Campagnola trasformata per l’uso privato di una facoltosa famiglia con un interno arricchito con finiture di lusso la cui stima è di 4.000/5.000 euro.
Ancora, una serie di vetture americane - tra cui una fedelissima riproduzione della Pontiac Fierbird KITT in catalogo per 90.000/110.000 euro - si affiancheranno a vetture italiane economiche ma molto collezionabili, come una Fiat 509 Torpedo, una Lancia Ardea Prima Serie stimata 8.000/10.000 euro e una splendida Fiat 500D Trasformabile la cui valutazione è di 10.000/13.000 euro.
Chiudiamo le anticipazioni di questo catalogo di Auto Classiche allacciandoci alla più stretta attualità svelando la presenza in asta di un’Urbanina, ossia la prima auto elettrica prodotta in tempi moderni, il cui valore è stimato 8.000/10.000 euro.

La vendita di Pandolfini a Villa La Massa il 27 settembre presenterà, in effetti, una grande varietà di automobili, in grado di suscitare l’interesse di tutti gli appassionati, e di tutte le tasche.