Reperti archeologici

Reperti archeologici

Asta

FIRENZE
Palazzo Ramirez-Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
21 GIUGNO 2017
ore 10.30

Esposizione

FIRENZE
16-19 Giugno 2017
orario 10-13 / 14–19 
Palazzo Ramirez-Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
info@pandolfini.it

Tutte le categorie

Visualizzazione tipo lista
Visualizzazione tipo griglia
1 - 30  di 176 LOTTI
201706210100800.jpg
8
Stima  € 5.000 / 7.000
201706210100900.jpg
9
Stima  € 5.500 / 7.500
201706210101000.jpg
10
Stima  € 2.000 / 3.000
201706210101100.jpg
11
Stima  € 5.000 / 7.000
201706210101200.jpg
12

DUE SUONATORI E UN PORTATORE  
Materia e tecnica: legno dolce intagliato stuccato e dipinto in bianco,   

rosso, ocra e nero                                                        

Due statuette raffiguranti suonatori di tamburo, in movimento con il busto

piegato in avanti, le gambe divaricati e le braccia distese a suonare un  

tamburo circolare. I due uomini sono a torso nudo, indossano una parrucca 

corta a calotta ed il gonnellino; i volti sono caratterizzati dalle       

sopracciglia in rilievo, i grandi occhi allungati e bistrati e le bocche  

socchiuse con le labbra sporgenti; un portatore di dimensioni leggermente 

inferiori, raffigurato in posizione stante, le braccia tese in avanti a   

reggere un sacco  (3)                                                     

Produzione: cultura egiziana                                              

Stato di conservazione: restauri e ridipinture                            

Dimensioni: alt. cm 19; cm 16,5 e cm 16                                   

Datazione: Medio Regno (2055 - 1790 a. C.)                                

Cfr.:  Museo Egizio di Torino, Civiltà degli Egizi, le credenze religiose,

Torino, 1988                                                              

Stima  € 5.500 / 7.500
201706210101300.jpg
13
Stima  € 5.000 / 7.000
201706210101400.jpg
14

TRE STATUETTE                                                             

Materia e tecnica: legno dolce intagliato stuccato e dipinto in bianco,   

rosso, ocra e nero                                                        

Una statuetta femminile in posizione stante con le braccia distese lungo i

fianchi, la donna indossa una parrucca corta e il gonnellino lungo, è a   

torso nudo; una statuetta maschile che raffigura un servo in atto di      

pigiare luva (?) dentro un barile; una statuetta di un uomo seduto in     

posizione accosciata con le braccia stese lungo i fianchi ed una porta    

rettangolare con rinforzi in rilievo e perni per linserimento nei cardini 

(4)                                                                       

Produzione: cultura egiziana                                              

Stato di conservazione: restauri e ridipinture                            

Dimensioni: alt. da cm 16,5 a cm 9                                        

Datazione: Medio Regno (2055 - 1790 a. C.)                                

Cfr.:  Museo Egizio di Torino, Civiltà degli Egizi, le credenze religiose,

Torino, 1988                                                              

Stima  € 4.500 / 6.500
201706210101500.jpg
15

COLLEZIONE DI REPERTI ETRUSCHI                                            

La collezione si compone di ventitré reperti provenienti principalmente da

contesti funerari dellEtruria meridionale come Cerveteri, Veio e Vulci e  

spazia cronologicamente dalla produzione finale della cultura villanoviana

(fine IX sec. a.C.) fino alletà ellenistica (III  II sec. a.C.).          

                                                                          

 8.000/10.000                                                            

Collezione dichiarata di eccezionale importanza archeologica ai sensi del 

D.Lgs 42/2004 con D.D.R. Lazio del 03 Settembre 2012                      

                                                                          

impasti                                                                   

DUE CINERARI BICONICI CON COPERCHIO                                       

Materia e tecnica: impasto bruno lucidato a stecca; modellatI a mano      

Cinerari con ampio orlo estroflesso, forma biconica con spalla arrotondata,

fondo piatto; due anse a bastoncello impostate obliquamente sulla massima 

espansione del corpo, delle quali una rotta ritualmente                   

ciotola coperchio con orlo leggermente rientrante, vasca troncoconica,    

fondo piatto, due apofisi coniche equidistanti dallansa a bastoncello     

impostata obliquamente sullorlo (4)                                       

Produzione: ceramica etrusca meridionale                                  

Stato di conservazione: biconici integri ad eccezione di una lacuna       

sullorlo; ciotole coperchio: una ricomposta da frammenti, laltra lacunosa 

Dimensioni: alt. cm 31 e cm 35,5, diam. bocca cm 15,5 e cm 17 ; coperchio 

alt. cm 10,5 e cm 11; diam. cm 20 e cm 21                                 

Datazione: fine IX, inizi VIII sec. a.C.                                  

                                                                          

ceramica italo-geometrica                                                 

Materia e tecnica: argilla figulina beige, ingubbiatura camoscio, vernice 

bruna e paonazza, modellate a tornio veloce                               

Grande oinochoe a bocca trilobata con alto collo cilindrico, corpo ovoide,

piede a disco, ansa tortile impostata dal labbro alla spalla, decorata sul

collo e sulla spalla da motivo a denti di lupo, sul ventre da fasce       

sovrapposte e allattacco col piede da raggiera; due ollette con labbro    

appiattito, copro ovide, fondo piatto, anse a bastoncello impostate       

obliquamente sulla massima espansione, decorate con fasce e file di punti e

nello spazio fra le anse con motivo a tremolo                             

Stato di conservazione: oinochoe ricomposta da due frammenti, ollette     

integre                                                                   

Dimensioni: alt. da cm 14 a cm 34                                         

Datazione: VIII sec. a.C.                                                 

                                                                          

ceramica etrusco-corinzia                                                 

Materia e tecnica: argilla figulina beige, ingubbiatura camoscio, vernice 

bruna, bianca e paonazza,  dettagli resi a graffito, modellati a tornio   

veloce                                                                    

Quattro olpai a rotelle con bocca circolare e labbro estroflesso, collo   

svasato distinto da un collarino dal corpo ovoide, piede a disco, ansa a  

nastro; decorate sul collo e sul labbro con rosette puntiforme, sulla     

spalla due con linguette, una con motivo a squame sovrapposte, lultima con

due levrieri affrontati divisi da un ascia bipenne, sul ventre con linee  

parallele sovrapposte, allattacco del piede motivo a raggiera o linguette 

radiali; due oinochoai a bocca trilobata con collo svasato, corpo         

troncoconico o lenticolare schiacciato, piede a disco, ansa a nastro      

impostata dal labbro alla spalla, decorate sulla spalla con gruppi di     

linguette e, sul ventre con fasce sovrapposte in bruno e paonazzo e       

allattacco col piede su una motivo a raggiera                             

Stato di conservazione: le due olpai integre, una olpe con antico restauro

sul labbro, lultima con labbro integrato; oinochoai: una integra e laltra 

ricomposta da frammenti                                                   

Dimensioni: alt. da cm 18 a cm 23,5                                       

Datazione: fine VII  inizi VI sec. a.C.                                   

                                                                          

PITHOS                                                                    

Materia e tecnica: impasto bruno ricco di inclusi micacei, ingubbiatura   

nero-rossiccia, lucidatura a stecca; modellato a tornio lento; decorazione

a rilievo                                                                 

Ampio orlo svasato, collo cilindrico a profilo concavo, spalla appiattita,

distinta mediante un anello plastico dal corpo ovoide allungato verso il  

basso, fondo piatto; il corpo del vaso è interamente decorato a solcature 

parallele verticali                                                       

Stato di conservazione: integro                                           

Dimensioni: alt. cm 83, diam. bocca cm 35                                 

Datazione: VII sec. a.C.                                                  

                                                                          

Materiale di importazione                                                 

KYLIKX ATTICA A FIGURE ROSSE                                              

Materia e tecnica: argilla figulina arancio; vernice nera lucente,        

modellata a tornio veloce                                                 

Orlo indistinto dalla vasca; vasca emisferica poco profonda, anse a       

bastoncello impostate obliquamente sulla massima espansione; basso piede a

tromba su stelo cilindrico                                                

Decorazione: interamente verniciata di nero, eccetto il bordo esterno del 

piede, sotto le anse palmette aperte a ventaglio fra girali che formano   

altre palmette, interno delle anse risparmiato; al centro della vasca entro

cornice a meandro interrotto da motivo a scacchiera due figure maschili   

affrontate vestite da un lungo chitone plissettato, una con una cetra; sul

bordo esterno da ogni lato due gruppi di figure uomo, donna in            

conversazione, luomo con la cetra                                         

Produzione: ceramica attica a figure rosse                                

Stato di conservazione: integralmente ricomposta da frammenti, con tracce 

di restauri antichi                                                       

Dimensioni: alt. cm 9; diam. cm 24                                        

Datazione: fine V sec. a.C.                                               

Tra i materiali di importazione si segnala anche una piccola lekythos     

attica frammentaria ed una grande anfora chiota con collo rettilineo corpo

ovoide allungato verso il basso, breve peduccio rientrante, anse a nastro 

impostate dal collo alla spalla, decorata in brun a motivi geometrici;    

databile metà VII sec. a.C. chiudono la collezione un piccolo lydion di   

imitazione ionica decorato con gruppi di linguette, tre piattelli  di     

Genucilia decorate sulla vasca con meandro ad onda e croce fra puntini,   

databili alla fine del IV sec. a.C. e due anfore greco-italiche databili in

età ellenistica                                                           

                                                                          

Cfr: La ceramica degli etruschi a.c. di M. Martelli, Novara 1987;         

G. Bartoloni, Le tombe da Poggio Buco nel Museo archeologico di Firenze,  

Firenze 1972;                                                             

E. Pellegrini La necropoli di Poggio Buco, Firenze 1989                   

Stima  € 8.000 / 10.000
Aggiudicazione: Registrazione
201706210101600.jpg
16

OLPE AD ARCHETTI INTRECCIATI                                              

Materia e tecnica: argilla figulina camoscio; vernice bruna e rossa,      

suddipinture in bianco e paonazzo; decorazione a graffito; modellata a    

tornio veloce                                                             

Bocca rotonda, alto collo cilindrico svasato in alto, distinto mediante un

collarino in rilievo, corpo ovoide, piede a disco; ansa a nastro impostata

verticalmente sul labbro e sulla spalla e decorata con due piccole        

appendici laterali nel punto di attacco alla bocca del vaso               

Decorazione: interno della bocca, collo e ansa verniciati; sulla spalla,  

risparmiata, gruppi di linguette, sul ventre due ampie fasce in bruno con 

archetti intrecciati, fra due linee suddipinte in bianco e paonazzo, segue

una fascia risparmiata con gruppi di linguette, esterno del piede         

verniciato in bruno, fondo interno del piede risparmiato; lansa allattacco

con la bocca e sulla spalla presenta un motivo ad X suddipinto in bianco  

Produzione: ceramica etrusca meridionale, Gruppo ad Archetti Intrecciati  

Stato di conservazione: integra ad eccezione di un restauro sul collo     

Dimensioni:  alt. cm. 21; diam. bocca cm. 11,6                            

Datazione: fine VII, inizi VI sec. a. C.                                  

Cfr.: E. Pellegrini La necropoli di Poggio Buco, Firenze 1989, pp. 111-112

n. 356-357, Tav. LXXVIII                                                  

Stima  € 900 / 1.200
Aggiudicazione: Registrazione
201706210101800.jpg
18

GRANDE ANFORA ETRUSCO CORINZIA                                            

Materia e tecnica: argilla figulina beige - rosata, ingubbiatura camoscio,

vernice bruna, dettagli resi a graffito, modellata a tornio veloce        

Labbro rientrante con orlo arrotondato, alto collo cilindrico a profilo   

concavo distinto da un collarino dal corpo ovoide allungato verso il basso,

piede troncoconico, anse a nastro impostate dal collo alla spalla. Decorata

sul collo con una fascia a triangoli contrapposti che si ripete anche sulla

spalla, sotto le anse ampia banda con animali gradienti a destra tra i    

quali si riconoscono pantere e capridi pascenti, nel campo rosette        

puntiformi; sotto questa fascia si ripete il motivo a triangoli           

contrapposti seguito da linee parallele di diverso spessore che arrivano  

fino al piede.                                                            

Coperchio geometrico con presa modellata a piccola olpe e tesa            

troncoconica, decorata a motivi vegetali(2)                               

Produzione: ceramica etrusco corinzia                                     

Stato di conservazione: anfora integra, pittura evanide, coperchio        

ricomposto da due frammenti                                               

Dimensioni: alt. cm 48; diam. cm 14; coperchio alt. cm 10                 

Datazione: fine VII sec. a.C.                                             

Stima  € 4.000 / 5.000
201706210101900.jpg
19

Olla costolata biansata e alabastron                                      

Materia e tecnica: impasto bruno, ingubbiatura brunastra, lucidatura a    

stecca, modellati a tornio lento                                          

Olla con ampio orlo estroflesso, collo cilindrico distinto, corpo         

globulare, piede a tromba; anse cornute a bastoncello impostate           

obliquamente sulla massima espansione del corpo; alabastron fusiforme con 

breve bocchello appiattito, corpo fusiforme allungato, fondo a punta,     

decorato da tre gruppi di solcature parallele (2)                         

Decorazione: alla base del collo anello in rilievo da cui partono quattro 

costolature verticali su ciascun lato; al centro di ogni lato unapofisi   

conica inquadrata in un semicerchio; intervallati fra le costolature si   

trovano quattro serpentelli dal corpo sinuoso con la testa sporgente sulla

spalla del vaso e una serie di coppelle in bronzo                         

Produzione: ceramica etrusca centro-meridionale                           

Stato di conservazione: olla integra ad eccezione di un restauro su unansa

e sul piede; coppelle bronzee di epoca moderna; alabastron restaurato nella

parte inferiore                                                           

Dimensioni: alt. cm. 31; diam. bocca cm. 17; lung. cm 23                  

Datazione: seconda metà VII sec. a.C.                                     

 

                                                                          

                                                                          

Stima  € 1.500 / 2.500
Aggiudicazione: Registrazione
201706210102200.jpg
22

CINERARIO BICONICO                                                        

Materia e tecnica: impasto bruno, decorazione ad impressione; modellato a 

mano                                                                      

Cinerario con ampio orlo estroflesso, forma biconica con spalla           

arrotondata, ansa a bastoncello, impostata verticalmente sulla spalla,    

fondo piatto                                                              

Decorazione: eseguita interamente ad impressione sul collo e sulla spalla,

sotto il labbro paperelle stilizzate volte a destra, fila di cerchi       

concentrici, altro motivo a paperelle, motivo a clessidra campito da linee

incrociate cui fa seguito unaltra fila di cerchi concentrici e un terzo   

motivo di paperelle con teste contrapposte e corpo a reticolo. Sulla spalla

si ripete il motivo a clessidra seguito da unultima fila di paperelle.    

Lansa raffigura in maniera stilizzata due teste di uccello                

Produzione: ceramica etrusca villanoviana settentrionale                  

Stato di conservazione: ricomposti da frammenti con integrazioni, focature

Dimensioni: alt. cm 33, diam. bocca cm 29,2                               

Datazione: fine IX, inizi VIII sec. a.C.               
Per questo lotto la Soprintendenza Archeologia dell'Emilia Romagna ha avviato il procedimento di dichiarazione di bene archeologico particolarmente importante, ai sensi del Dlgs 42/04
                   

Stima  € 1.200 / 1.500
Aggiudicazione: Registrazione
201706210102400.jpg
24

OLLA e contenitore da kohol                                               

Materia e tecnica: breccia di marmo avorio e rosso e calcite egiziana,    

scolpiti e levigati                                                       

Olletta con labbro appiattito corpo lenticolare schiacciato ai poli, fondo

piatto, anse cilindriche impostate orizzontalmente sulla massima          

espansione, vasetto da kohol con coperchio circolare forato al centro,    

corpo troncoconico, piede a disco                                         

Produzione: cultura egiziana, periodo protodinastico                      

Stato di conservazione: integra ad eccezione di una scheggiatura su un'ansa

e sul labbro e di una piccola lacuna sul ventre                                                             

Dimensioni: alt. cm 6,5, diam. max. cm 18; alt. cm 3,5                    

Datazione:  3100-2700 a. C.                                               

Provenienza: J. Billen, Bruxelles                                         

Bibliografia: Le Bulletin des Musè Royaux d'Art et d'Histoire, n 61,      

Bruxelles 1990, pl. 2 n. 88                                               

Cfr. : M. C. Guidotti, Vasi dallepoca protodinastica al Nuovo Regno, Roma 

1991                                                                      

Stima  € 4.000 / 5.000
201706210102700.jpg
27

CONO FUNERARIO                                                            

Materia e tecnica: impasto rosato, modellato a mano ed a impressione      

Grande cono funerario decorato sulla base con una figura maschile         

inginocchiata e le braccia sollevate in atto di adorazione e tre colonne di

iscrizione geroglifica : Adorando Ra quando sorge da parte dello scriba   

delle Offerte di Amon, Amenhotpe, giustificato                            

Produzione: cultura  egiziana                                             

Stato di conservazione: integro                                           

Dimensioni: lungh. cm 24,5                                                

Datazione: Nuovo Regno,  XVIII dinastia, 1567-1320 a.C.                   

                                                                          

I coni presentano sulla base il nome del defunto, talvolta accompagnato da

preghiere o immagini. La loro utilizzazione, limitata quasi esclusivamente

alle necropoli di Tebe, non è conosciuta con sicurezza: probabilmente si  

tratta di testimoni di visite al defunto da parte dei famigliari, che ogni

volta lasciavano un cono, fino a formare dei veri e propri cumuli         

allentrata della tomba. Luso è attestato solo nella XVIII dinastia e nella

XXVI.                                                                     

Stima  € 2.000 / 3.000
201706210102800.jpg
28

DUE COLLANE                                                               

Materia e tecnica: pasta vitrea colorata a murrine, lapislazzuli e        

corniola                                                                  

Collana egizia composta da vaghi ellittici in lapislazzuli con pendenti in

corniola; collana fenicia con vaghi in pasta vitrea murrina a fondo blu,  

con pendenti modellati a oinochoai (2)                                    

Produzione: cultura egizia e fenicia                                      

Stato di conservazione: integre                                           

Dimensioni: lungh. cm 38 e cm 23                                          

Datazione: VII-VIII sec. d. C. e VI-V sec. a. C.                          

Provenienza: Paropamiso di Paciello Michel & C., San Marco Venezia;       

Galleria Yousef Molayem, Roma                                             

                                                                          

                                                                          

Stima  € 1.500 / 2.500
Aggiudicazione: Registrazione
1 - 30  di 176 LOTTI